LOVE IS A LIABILITY
Planet Mu/Goodfellas

La Planet Mu, l’etichetta del signor Mike Paradinas (ovvero µ-Ziq, colui che un tempo era popolare quasi quanto Aphex), continua a sfornare album in quantità impressionante: la frequenza è quasi settimanale e la cosa incredibile è che sono quasi tutti molto buoni, come sa chi segue le pagine della repubblica elettronica del Mucchio, ovvero Soundlab. Tutto questo stando attenta a inseguire il suo suono – che paga grossi tributi alla Intelligent Dance Music più mossa di un decennio e passa fa – senza compromessi e cedimenti. Parados­sal­men­te, o forse nemmeno tanto, visto che ciò che entra in campo è il concetto dell’autenticità, proprio un’etichetta così rivolta al passato è diventata una delle piattaforme preferite per l’ultima ondata valida in campo elettronico, ovvero la galassia dubstep. Una galassia che, esattamente come l’IDM di quindici anni fa, non ha interesse a mescolarsi col mainstream né a flirtare coll’indie rock, ma è talmente bella e interessante da suscitare più interesse tra le frange più illuminate sia dell’uno che dell’altro partito.
Love Is A Liability si guadagna lo spazio delle recensioni istituzionali del Mucchio, uscendo dal recinto Soundlab, prima di tutto perché è un disco di per sé bellissimo, e poi perché è una specie di sintesi assoluta di quanto abbiamo finora descritto, è il riassunto perfetto: è IDM (ne ha le sonorità, le soluzioni ritmiche) ma è anche dubstep (gli echi, le dilatazioni, la sottile paranoia), è 1994 ma è anche 2009. Tutto questo con una scorrevolezza e una naturalezza mirabili: nessun elemento è fuori posto, nessun elemento è forzato, nessun elemento è ostentato, né ci sono particolari virtuosismi da nerd nel trattare i suoni coi software. Tutto ciò arriva da questo FaltyDL, al secolo Drew Lustman, che non è neppure inglese (Inghilterra, terra eletta di queste musiche) bensì newyorkese (America, terra quasi negletta per l’elettronica). Uno che di mestiere cucina sushi, recitano i cenni biografici: il gusto e l’equilibrio nel mischiare i vari elementi magari gli arriva (pure) da lì. Ad ogni modo, alta qualità.

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...