ROOMS FILLED WITH LIGHT
Atlantic/Warner

L’esordio “Reservoir”, nel 2009, aveva candidato i Fanfarlo a possibili eredi (eh, sì… oggi si vive molto in fretta) degli Arcade Fire, già modello stilistico per le nuove generazioni. Sarà principalmente perché il quintetto londinese mescola pop, rock e folk con efficaci intrecci vocali e una strumentazione a dir poco ricca: caratteristiche abbastanza diffuse, ma a contare è come le si maneggia. Le buone potenzialità si sono ora tradotte in dodici brani che si accendono come tante lampadine, come di pari passo si accendono le idee. “Rooms Filled With Light”, infatti, è un deciso passo avanti, sia per quanto riguarda una qualità di songwriting superiore alla media, sia per merito di arrangiamenti curatissimi e mai uguali a se stessi. È proprio la varietà del tutto, senza sacrifici in termini di immediatezza e ganci melodici a sorprendere ampiamente in positivo.
Si va dalle eleganti orchestrazioni di “Replicate”, dove il frontman Simon Balthazar vanta un pathos alla Patrick Wolf, alla new wave di “Deconstruction”, che opta per un improbabile mix di Cure e Talking Heads prima di avvitarsi su note di pianoforte. Fiati, percussioni e linee sintetiche trainano le briose marcette “LensLife” e “Tunguska” (in quest’ultimo caso immaginate gli Smiths ibridati coi Beirut), mentre la policromia lascia posto a una maggior cupezza con “Shiny Things” – partenza da crooner, sviluppo moderno e ritmato – ed “Everything Turns”, intermezzo strumentale tra sperimentazione e retrogusto alla These New Puritans. Le radici brit affiorano in “Tightrope”, con ritornello killer e fischiettii disneyani, oppure in “Feathers”, che in quanto a nuance esotiche rammenta i migliori Guillemots. Il lirismo sospinto dagli archi di “Bones”, che sfuma con pulsanti battiti elettronici, e “A Flood”, che sfrutta l’alternanza tra canto maschile e femminile, è da far schiattare d’invidia i Coldplay. Non si dovrebbe in sede di recensione elencare quasi tutte le tracce in scaletta? Non si dovrebbe, ma se succede un motivo ci sarà. Eureka!

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...