ROOMS FILLED WITH LIGHT
Atlantic/Warner

L’esordio “Reservoir”, nel 2009, aveva candidato i Fanfarlo a possibili eredi (eh, sì… oggi si vive molto in fretta) degli Arcade Fire, già modello stilistico per le nuove generazioni. Sarà principalmente perché il quintetto londinese mescola pop, rock e folk con efficaci intrecci vocali e una strumentazione a dir poco ricca: caratteristiche abbastanza diffuse, ma a contare è come le si maneggia. Le buone potenzialità si sono ora tradotte in dodici brani che si accendono come tante lampadine, come di pari passo si accendono le idee. “Rooms Filled With Light”, infatti, è un deciso passo avanti, sia per quanto riguarda una qualità di songwriting superiore alla media, sia per merito di arrangiamenti curatissimi e mai uguali a se stessi. È proprio la varietà del tutto, senza sacrifici in termini di immediatezza e ganci melodici a sorprendere ampiamente in positivo.
Si va dalle eleganti orchestrazioni di “Replicate”, dove il frontman Simon Balthazar vanta un pathos alla Patrick Wolf, alla new wave di “Deconstruction”, che opta per un improbabile mix di Cure e Talking Heads prima di avvitarsi su note di pianoforte. Fiati, percussioni e linee sintetiche trainano le briose marcette “LensLife” e “Tunguska” (in quest’ultimo caso immaginate gli Smiths ibridati coi Beirut), mentre la policromia lascia posto a una maggior cupezza con “Shiny Things” – partenza da crooner, sviluppo moderno e ritmato – ed “Everything Turns”, intermezzo strumentale tra sperimentazione e retrogusto alla These New Puritans. Le radici brit affiorano in “Tightrope”, con ritornello killer e fischiettii disneyani, oppure in “Feathers”, che in quanto a nuance esotiche rammenta i migliori Guillemots. Il lirismo sospinto dagli archi di “Bones”, che sfuma con pulsanti battiti elettronici, e “A Flood”, che sfrutta l’alternanza tra canto maschile e femminile, è da far schiattare d’invidia i Coldplay. Non si dovrebbe in sede di recensione elencare quasi tutte le tracce in scaletta? Non si dovrebbe, ma se succede un motivo ci sarà. Eureka!

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...