ROOMS FILLED WITH LIGHT
Atlantic/Warner

L’esordio “Reservoir”, nel 2009, aveva candidato i Fanfarlo a possibili eredi (eh, sì… oggi si vive molto in fretta) degli Arcade Fire, già modello stilistico per le nuove generazioni. Sarà principalmente perché il quintetto londinese mescola pop, rock e folk con efficaci intrecci vocali e una strumentazione a dir poco ricca: caratteristiche abbastanza diffuse, ma a contare è come le si maneggia. Le buone potenzialità si sono ora tradotte in dodici brani che si accendono come tante lampadine, come di pari passo si accendono le idee. “Rooms Filled With Light”, infatti, è un deciso passo avanti, sia per quanto riguarda una qualità di songwriting superiore alla media, sia per merito di arrangiamenti curatissimi e mai uguali a se stessi. È proprio la varietà del tutto, senza sacrifici in termini di immediatezza e ganci melodici a sorprendere ampiamente in positivo.
Si va dalle eleganti orchestrazioni di “Replicate”, dove il frontman Simon Balthazar vanta un pathos alla Patrick Wolf, alla new wave di “Deconstruction”, che opta per un improbabile mix di Cure e Talking Heads prima di avvitarsi su note di pianoforte. Fiati, percussioni e linee sintetiche trainano le briose marcette “LensLife” e “Tunguska” (in quest’ultimo caso immaginate gli Smiths ibridati coi Beirut), mentre la policromia lascia posto a una maggior cupezza con “Shiny Things” – partenza da crooner, sviluppo moderno e ritmato – ed “Everything Turns”, intermezzo strumentale tra sperimentazione e retrogusto alla These New Puritans. Le radici brit affiorano in “Tightrope”, con ritornello killer e fischiettii disneyani, oppure in “Feathers”, che in quanto a nuance esotiche rammenta i migliori Guillemots. Il lirismo sospinto dagli archi di “Bones”, che sfuma con pulsanti battiti elettronici, e “A Flood”, che sfrutta l’alternanza tra canto maschile e femminile, è da far schiattare d’invidia i Coldplay. Non si dovrebbe in sede di recensione elencare quasi tutte le tracce in scaletta? Non si dovrebbe, ma se succede un motivo ci sarà. Eureka!

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...