FEAR FUN
Bella Union/Universal

Vi è una profonda crisi artistica e personale alla base di quest’album – il primo a nome Father John Misty – di Josh Tillman, batterista dei Fleet Foxes fino a pochi mesi fa e titolare di un buon gruzzolo di dischi in proprio. Crisi culminata nella scelta di lasciare Seattle e di mettersi in viaggio con il bagagliaio pieno di funghi (immaginiamo non porcini…), senza la fida chitarra acustica e senza una meta precisa. Un periodo on the road conclusosi con l’arrivo al Laurel Canyon, alle porte di Los Angeles, dove Tillman si è stabilito e ha ripreso a scrivere, prima un romanzo (esperienza che ironicamente riecheggia in “I’m Writing A Novel”), poi canzoni vere e proprie.
Sono quelle che si possono sentire in “Fear Fun”, registrate con l’aiuto di un vicino di casa eccellente come Jonathan Wilson e mixate dal veterano Phil Ek, e che forse inevitabilmente risentono dell’atmosfera e della tradizione musicale del suddetto Canyon: sono ballate notturne, di taglio nettamente intimistico, collocabili grosso modo a metà strada tra il country-folk più cosmico e il cantautorato di scuola West Coast, con qualche impennata elettrica (“Hollywood Forever Cemetery Song”, di cui esiste anche un video con protagonista Aubrey Plaza, la April di “Parks And Recreation”) a fare da contraltare a qualche timido ammiccamento da radio FM anni 70 (“Well, You Can Do It Without Me”); senza, quindi andare a creare niente di realmente inedito, ma muovendosi nella classicità con passo sicuro e con un tocco non banale, tanto nella scrittura in sé quanto negli arrangiamenti. Ripartendo da zero, Tillman ha così realizzato uno dei lavori più convincenti e meno facilmente incasellabili della sua carriera, oltre che – paradossalmente, se si pensa che è il primo a non uscire a proprio nome – uno dei più personali e diretti, almeno stando a quanto lui stesso dice. Abbastanza per farci salutare in maniera più che positiva l’inizio di una seconda vita che promette di essere ricca di soddisfazioni, per lui come per noi ascoltatori.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...