a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

ROCKET/GOODFELLAS
8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma c’è il serio rischio che con Kompost assurgano quantomeno a “band svedese di culto” del 2017. Ovviamente psichedelica, perché le due formazioni sopracitate, a cui vanno aggiunti i più mistici Hills, ci ricordano come quella freak-lisergica sia una tradizione che in Svezia ha radici nella fine degli anni 60, con l’esplosione del movimento progg – da progressivism e non dal progressive inglese – e di numerosi gruppi (Träd, Gräs och Stenar e Älgarnas Trädgård, i più celebri) dalla spiccata componente sociopolitica, veicolata attraverso suoni dal folk-blues all’acid rock.
Con l’esordio lungo per Rocket (dopo l’ep Sista Valsen dello scorso anno), nonché quinto album dal 2010 a oggi, i Flowers Must Die mantengono le promesse di un nome ambizioso preso in prestito dalla celebre suite omonima degli Ash Ra Tempel. Kompost è quanto di meglio si possa chiedere a un poderoso disco psichedelico nel 2017: pura contaminazione tra il verbo krautrock improvvisativo, circolare e cosmico (anche) di Amon Düül II e Can con il free jazz e relativa sezione fiati, il rock saturo e dronico dei Loop e un groove che si spinge ai confini di certa musica nera. Il mantra heavy d’apertura Källa Till Ovisshet lascia subito (ampio) spazio allo space funk di Hit, puntellata dai fraseggi vocali di Lisa Ekelund – subentrata al quintetto originale anche al violino. In un continuo crescendo, seguono echi degli Stooges di Fun House con After Gong (omaggio alla recentemente scomparsa Gilli Smyth), col sax acido e ossessivo a fare da trama principale, e poi una psichedelia mutante che prende forma lungo un percussivismo sinistro e sincopato (Why?), battaglie intergalattiche a suon di feedback (Hej Då), synth modulari e chitarre distorte che paiono sitar mentre guardano a Oriente – Don’t You Leave Me Know e Svens Song, separate da due brevi intermezzi ambient-notturni in presa diretta dal cosmo. Un altro disco che potrebbe giungere tra gli ascolti di fine anno in sella al missile Rocket.

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...