a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

ROCKET/GOODFELLAS
8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma c’è il serio rischio che con Kompost assurgano quantomeno a “band svedese di culto” del 2017. Ovviamente psichedelica, perché le due formazioni sopracitate, a cui vanno aggiunti i più mistici Hills, ci ricordano come quella freak-lisergica sia una tradizione che in Svezia ha radici nella fine degli anni 60, con l’esplosione del movimento progg – da progressivism e non dal progressive inglese – e di numerosi gruppi (Träd, Gräs och Stenar e Älgarnas Trädgård, i più celebri) dalla spiccata componente sociopolitica, veicolata attraverso suoni dal folk-blues all’acid rock.
Con l’esordio lungo per Rocket (dopo l’ep Sista Valsen dello scorso anno), nonché quinto album dal 2010 a oggi, i Flowers Must Die mantengono le promesse di un nome ambizioso preso in prestito dalla celebre suite omonima degli Ash Ra Tempel. Kompost è quanto di meglio si possa chiedere a un poderoso disco psichedelico nel 2017: pura contaminazione tra il verbo krautrock improvvisativo, circolare e cosmico (anche) di Amon Düül II e Can con il free jazz e relativa sezione fiati, il rock saturo e dronico dei Loop e un groove che si spinge ai confini di certa musica nera. Il mantra heavy d’apertura Källa Till Ovisshet lascia subito (ampio) spazio allo space funk di Hit, puntellata dai fraseggi vocali di Lisa Ekelund – subentrata al quintetto originale anche al violino. In un continuo crescendo, seguono echi degli Stooges di Fun House con After Gong (omaggio alla recentemente scomparsa Gilli Smyth), col sax acido e ossessivo a fare da trama principale, e poi una psichedelia mutante che prende forma lungo un percussivismo sinistro e sincopato (Why?), battaglie intergalattiche a suon di feedback (Hej Då), synth modulari e chitarre distorte che paiono sitar mentre guardano a Oriente – Don’t You Leave Me Know e Svens Song, separate da due brevi intermezzi ambient-notturni in presa diretta dal cosmo. Un altro disco che potrebbe giungere tra gli ascolti di fine anno in sella al missile Rocket.

Commenti

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...