THERE’S LOVE IN YOU
Domino/Self

Ce l’aveva già anticipato, Kieran Hebden, durante una lunga chiacchierata nel backstage del romano Circolo degli Artisti: “il prossimo disco sarà dance, ho scoperto il mondo della club culture e caspita mi è piaciuto un sacco…” nel dirlo, gli si illuminavano gli occhi. Quando la scopri un po’ in ritardo, la faccenda del vivere la notte e passare le ore a fare il dj, con attorno gente festante e tutto il resto, ti colpisce ancora di più. Poi magari te ne stufi. Ma intanto ne soffri il pericoloso e magnetico fascino, soprattutto se per anni sei stato nella tua cameretta a far cose e, in fondo, non ti interessava più di tanto quello che succedeva là fuori. Di Hebden però non ci interessa fare il profilo psicologico, comportamentale e umorale, bensì capire quanto continua a essere valida la sua musica. Non stiamo dicendo che There’s Love In You è improvvisamente un martello con cassa in quattro e tastieroni alla Bloody Beetroots, oppure stilizzazioni minimal alla Hawtin. Non resterete orfani del suono e del piglio di Four Tet, amici. Succede però che le strutture ritmiche si fanno all’improvviso molto più quadrate e geometriche, l’iteratività diventa il cardine strutturale di tutte le tracce, la complessa e barocca creatività in chiave digi-acustica continua ad esserci ma è tenuta a bada, diventa un elemento dell’insieme, non più la ragion d’essere di ogni brano. Funziona? Sì e no. Hebden resta a metà del guado. Perde in preziosità, ed era inevitabile, ma non guadagna abbastanza in portata ipnotica e intensità emotiva (ovvero la vera forza della musica dance fatta bene), anche perché continua a essere affezionato alla sua metodologia da cameretta, cosa che si sente nella consistenza dei suoni; è che se vuoi andare dritto, devi andarci giù un po’ pesante, perché sennò le miniature da affascinanti si fanno stucchevoli e inutili. Non vogliamo segare questa mini-svolta di Four Tet, potenzialità ce ne sono, ma There’s Love In You deve essere un punto di partenza non uno d’arrivo. Altrimenti ridateci Pause e Rounds.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...