THERE’S LOVE IN YOU
Domino/Self

Ce l’aveva già anticipato, Kieran Hebden, durante una lunga chiacchierata nel backstage del romano Circolo degli Artisti: “il prossimo disco sarà dance, ho scoperto il mondo della club culture e caspita mi è piaciuto un sacco…” nel dirlo, gli si illuminavano gli occhi. Quando la scopri un po’ in ritardo, la faccenda del vivere la notte e passare le ore a fare il dj, con attorno gente festante e tutto il resto, ti colpisce ancora di più. Poi magari te ne stufi. Ma intanto ne soffri il pericoloso e magnetico fascino, soprattutto se per anni sei stato nella tua cameretta a far cose e, in fondo, non ti interessava più di tanto quello che succedeva là fuori. Di Hebden però non ci interessa fare il profilo psicologico, comportamentale e umorale, bensì capire quanto continua a essere valida la sua musica. Non stiamo dicendo che There’s Love In You è improvvisamente un martello con cassa in quattro e tastieroni alla Bloody Beetroots, oppure stilizzazioni minimal alla Hawtin. Non resterete orfani del suono e del piglio di Four Tet, amici. Succede però che le strutture ritmiche si fanno all’improvviso molto più quadrate e geometriche, l’iteratività diventa il cardine strutturale di tutte le tracce, la complessa e barocca creatività in chiave digi-acustica continua ad esserci ma è tenuta a bada, diventa un elemento dell’insieme, non più la ragion d’essere di ogni brano. Funziona? Sì e no. Hebden resta a metà del guado. Perde in preziosità, ed era inevitabile, ma non guadagna abbastanza in portata ipnotica e intensità emotiva (ovvero la vera forza della musica dance fatta bene), anche perché continua a essere affezionato alla sua metodologia da cameretta, cosa che si sente nella consistenza dei suoni; è che se vuoi andare dritto, devi andarci giù un po’ pesante, perché sennò le miniature da affascinanti si fanno stucchevoli e inutili. Non vogliamo segare questa mini-svolta di Four Tet, potenzialità ce ne sono, ma There’s Love In You deve essere un punto di partenza non uno d’arrivo. Altrimenti ridateci Pause e Rounds.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...