THERE’S LOVE IN YOU
Domino/Self

Ce l’aveva già anticipato, Kieran Hebden, durante una lunga chiacchierata nel backstage del romano Circolo degli Artisti: “il prossimo disco sarà dance, ho scoperto il mondo della club culture e caspita mi è piaciuto un sacco…” nel dirlo, gli si illuminavano gli occhi. Quando la scopri un po’ in ritardo, la faccenda del vivere la notte e passare le ore a fare il dj, con attorno gente festante e tutto il resto, ti colpisce ancora di più. Poi magari te ne stufi. Ma intanto ne soffri il pericoloso e magnetico fascino, soprattutto se per anni sei stato nella tua cameretta a far cose e, in fondo, non ti interessava più di tanto quello che succedeva là fuori. Di Hebden però non ci interessa fare il profilo psicologico, comportamentale e umorale, bensì capire quanto continua a essere valida la sua musica. Non stiamo dicendo che There’s Love In You è improvvisamente un martello con cassa in quattro e tastieroni alla Bloody Beetroots, oppure stilizzazioni minimal alla Hawtin. Non resterete orfani del suono e del piglio di Four Tet, amici. Succede però che le strutture ritmiche si fanno all’improvviso molto più quadrate e geometriche, l’iteratività diventa il cardine strutturale di tutte le tracce, la complessa e barocca creatività in chiave digi-acustica continua ad esserci ma è tenuta a bada, diventa un elemento dell’insieme, non più la ragion d’essere di ogni brano. Funziona? Sì e no. Hebden resta a metà del guado. Perde in preziosità, ed era inevitabile, ma non guadagna abbastanza in portata ipnotica e intensità emotiva (ovvero la vera forza della musica dance fatta bene), anche perché continua a essere affezionato alla sua metodologia da cameretta, cosa che si sente nella consistenza dei suoni; è che se vuoi andare dritto, devi andarci giù un po’ pesante, perché sennò le miniature da affascinanti si fanno stucchevoli e inutili. Non vogliamo segare questa mini-svolta di Four Tet, potenzialità ce ne sono, ma There’s Love In You deve essere un punto di partenza non uno d’arrivo. Altrimenti ridateci Pause e Rounds.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...