frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

Autoproduzione
8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie estetiche e diremmo quasi etiche degli album-più-attesi tipici. Prima di tutto va detto chiaramente: non è una delusione. È un signor album. Chi prova a sminuirlo, ne siamo abbastanza sicuri, ha fastidio nei confronti del turbinio hipster-mediatico che ha creato una (effettivamente eccessiva) atmosfera di aspettativa attorno al seguito di Channel Orange; fastidio che capiamo, perché che un certo tipo di critica si getti addosso alle release di grandi personaggi della musica black con un entusiasmo sospetto, che sembra quasi un gesto di appropriazione, è a nostro modo di vedere evidente. Però, oh: se un disco è buono, è buono. Perché davvero: molto più di Endless (che ha il fascino del poter spiare gli appunti di lavoro di un artista circondato da un’attenzione enorme), Blonde (o Blond, fate voi, la differenza di vocale richiama chiaramente il dinamismo sessuale dell’emotività e delle pulsioni di Ocean) è uno di quei dischi che anche ascoltandolo a scatola chiusa, senza sapere chi è Frank Ocean, senza pensare che è tanto elettrizzante che sia gay o bisex in quel contesto di cattivoni omofobi che è la musica urban, senza pensare alla stardom kanyewestiana che suo malgrado lo circonda, senza insomma voler partecipare al gioco “Ora dico la mia sul disco più importante dell’anno”, ecco, anche senza tutto questo è un disco che regge eccome. Perché è fatto con vera maestria.

Certo: ha i suoi passaggi non a vuoto ma comunque meno convincenti. Fra questi, scusateci, ma ci mettiamo subito Nikes, il singolo che ha anticipato il tutto e che, insomma, è uno degli episodi più dimenticabili dell’album anche se non lo dice nessuno; altra traccia “mah” è Futura Free, così come Facebook Story (l’intro parlata del francese SebastiAn non si può sentire, eddai) e Close To You. In generale, andrebbe prescritto il carcere per chi permette a Ocean di avvicinarsi all’autotune: un po’ perché l’autotune è la moda più perniciosa degli ultimi millenni, un po’ perché la voce di Ocean è talmente espressiva – e intensa nell’accompagnare i testi, tanto da perdonare il fatto che i testi stessi a volte siano un po’ sconnessi – che non ascoltarla nella sua purezza è imperdonabile. Per fortuna succede di rado. Giusto nei casi sopra descritti. Per il resto si può godere della voce del cantante e producer americano, ma anche e soprattutto della classe enorme dell’aspetto sonoro: qualcosa di molto essenziale, mai sovraccarico di elementi, attento alle spaziature, con una cura maniacale della registrazione (anche le parti lo-fi sono in realtà sofisticatissime, come pasta sonora e collocazione nel mixaggio), spesso con inserti per voce e chitarra ma ancora più spesso con crescendo dinamici e strutturali splendidi, da manuale. A coronare il tutto, una scrittura mai banale, mai scontata, con un sacco di cambi armonici interessanti e ganci melodici coinvolgenti ma mai paraculi. Come il Kanye West di The Life Of Pablo ma molto meglio di quel Kanye, Ocean è riuscito a fare un disco scosso e complesso da un lato, sonicamente scarno dall’altro. È che Frank ci ha messo il doppio del gusto, il doppio del talento. Gli va riconosciuto. E va profondamente ringraziato. Se poi attorno a lui c’è un eccesso di feticismo, beh, al momento non è colpa sua.

Commenti

Ultime recensioni Musica
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...