frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

Autoproduzione
8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie estetiche e diremmo quasi etiche degli album-più-attesi tipici. Prima di tutto va detto chiaramente: non è una delusione. È un signor album. Chi prova a sminuirlo, ne siamo abbastanza sicuri, ha fastidio nei confronti del turbinio hipster-mediatico che ha creato una (effettivamente eccessiva) atmosfera di aspettativa attorno al seguito di Channel Orange; fastidio che capiamo, perché che un certo tipo di critica si getti addosso alle release di grandi personaggi della musica black con un entusiasmo sospetto, che sembra quasi un gesto di appropriazione, è a nostro modo di vedere evidente. Però, oh: se un disco è buono, è buono. Perché davvero: molto più di Endless (che ha il fascino del poter spiare gli appunti di lavoro di un artista circondato da un’attenzione enorme), Blonde (o Blond, fate voi, la differenza di vocale richiama chiaramente il dinamismo sessuale dell’emotività e delle pulsioni di Ocean) è uno di quei dischi che anche ascoltandolo a scatola chiusa, senza sapere chi è Frank Ocean, senza pensare che è tanto elettrizzante che sia gay o bisex in quel contesto di cattivoni omofobi che è la musica urban, senza pensare alla stardom kanyewestiana che suo malgrado lo circonda, senza insomma voler partecipare al gioco “Ora dico la mia sul disco più importante dell’anno”, ecco, anche senza tutto questo è un disco che regge eccome. Perché è fatto con vera maestria.

Certo: ha i suoi passaggi non a vuoto ma comunque meno convincenti. Fra questi, scusateci, ma ci mettiamo subito Nikes, il singolo che ha anticipato il tutto e che, insomma, è uno degli episodi più dimenticabili dell’album anche se non lo dice nessuno; altra traccia “mah” è Futura Free, così come Facebook Story (l’intro parlata del francese SebastiAn non si può sentire, eddai) e Close To You. In generale, andrebbe prescritto il carcere per chi permette a Ocean di avvicinarsi all’autotune: un po’ perché l’autotune è la moda più perniciosa degli ultimi millenni, un po’ perché la voce di Ocean è talmente espressiva – e intensa nell’accompagnare i testi, tanto da perdonare il fatto che i testi stessi a volte siano un po’ sconnessi – che non ascoltarla nella sua purezza è imperdonabile. Per fortuna succede di rado. Giusto nei casi sopra descritti. Per il resto si può godere della voce del cantante e producer americano, ma anche e soprattutto della classe enorme dell’aspetto sonoro: qualcosa di molto essenziale, mai sovraccarico di elementi, attento alle spaziature, con una cura maniacale della registrazione (anche le parti lo-fi sono in realtà sofisticatissime, come pasta sonora e collocazione nel mixaggio), spesso con inserti per voce e chitarra ma ancora più spesso con crescendo dinamici e strutturali splendidi, da manuale. A coronare il tutto, una scrittura mai banale, mai scontata, con un sacco di cambi armonici interessanti e ganci melodici coinvolgenti ma mai paraculi. Come il Kanye West di The Life Of Pablo ma molto meglio di quel Kanye, Ocean è riuscito a fare un disco scosso e complesso da un lato, sonicamente scarno dall’altro. È che Frank ci ha messo il doppio del gusto, il doppio del talento. Gli va riconosciuto. E va profondamente ringraziato. Se poi attorno a lui c’è un eccesso di feticismo, beh, al momento non è colpa sua.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...