fuck-buttons-slow-focus-album
Fuck Buttons

Slow Focus

ATP/Goodfellas
7.5

Sarà l’aspetto che hanno, saranno i modi: quando incontri Andrew Hung e Benjamin John Power, i due Fuck Buttons, l’ultima cosa che ti viene in mente è la ferocia industrial. Ma anche quando li vedevi suonare, all’inizio, ti pareva uno stranissimo ibrido: noise da cameretta avresti detto, e questa definizione apparentemente strampalata aveva invece una sua perfetta ragione d’essere, quando riuscivi a vederli dal vivo. Colpa anche degli strumenti usati, facevano capolino volentieri tipo delle tastierine Casio che sarebbero andate meglio, come dire?, per qualche gruppo indie simpatico e carino. Loro per fortuna le sapevano usare bene. Le rendevano cattivelle e rumorose ed indistinguibili. Però, ecco, ci pareva sempre un gioco, ben divertente, ben studiato pure, ma un gioco. Un gioco tuttavia in crescendo, perché già Tarot Sport del 2009 era meglio di Street Horrrsing del 2008, e già i concerti del 2010 erano migliori di quelli del 2009. Questo insolito – per loro – periodo di pausa prima di venire fuori con un altro lavoro discografico poteva metterci sull’avviso, ma in effetti non avremmo pensato che Hung e Power sarebbero stati in grado di usare così bene questo pugno d’anni. Slow Focus è sempre quel misto di noise (tanto), Mogwai (nelle strutture geometriche in crescendo) ed Aphex Twin (qualcosina-ina-ina) che i due citano come loro stelle polari assolute, ma a ’sto giro lo è con una consistenza e un impatto sonoro prima mai raggiunti. Soprattutto l’iniziale Brainfreeze butta giù tutto, tant’è che ti viene da dire che forse non era da mettere proprio come traccia d’apertura. Non che quelle successive sfigurino, ma sembrano meno definitive. Con l’accoppiata finale Stalker e Hidden XS le cose però si riequilibrano. Si parte pesantissimi, si finisce pesantissimi.
In mezzo, si è pesanti. Però non ci si annoia. Bene così. Manca forse qualche colpo di scena, qualche trovata sonora o melodica che spiazzi all’improvviso e apra quarte dimensioni inaspettate, ma decisamente ci si può accontentare.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....