fuck-buttons-slow-focus-album
Fuck Buttons

Slow Focus

ATP/Goodfellas
7.5

Sarà l’aspetto che hanno, saranno i modi: quando incontri Andrew Hung e Benjamin John Power, i due Fuck Buttons, l’ultima cosa che ti viene in mente è la ferocia industrial. Ma anche quando li vedevi suonare, all’inizio, ti pareva uno stranissimo ibrido: noise da cameretta avresti detto, e questa definizione apparentemente strampalata aveva invece una sua perfetta ragione d’essere, quando riuscivi a vederli dal vivo. Colpa anche degli strumenti usati, facevano capolino volentieri tipo delle tastierine Casio che sarebbero andate meglio, come dire?, per qualche gruppo indie simpatico e carino. Loro per fortuna le sapevano usare bene. Le rendevano cattivelle e rumorose ed indistinguibili. Però, ecco, ci pareva sempre un gioco, ben divertente, ben studiato pure, ma un gioco. Un gioco tuttavia in crescendo, perché già Tarot Sport del 2009 era meglio di Street Horrrsing del 2008, e già i concerti del 2010 erano migliori di quelli del 2009. Questo insolito – per loro – periodo di pausa prima di venire fuori con un altro lavoro discografico poteva metterci sull’avviso, ma in effetti non avremmo pensato che Hung e Power sarebbero stati in grado di usare così bene questo pugno d’anni. Slow Focus è sempre quel misto di noise (tanto), Mogwai (nelle strutture geometriche in crescendo) ed Aphex Twin (qualcosina-ina-ina) che i due citano come loro stelle polari assolute, ma a ’sto giro lo è con una consistenza e un impatto sonoro prima mai raggiunti. Soprattutto l’iniziale Brainfreeze butta giù tutto, tant’è che ti viene da dire che forse non era da mettere proprio come traccia d’apertura. Non che quelle successive sfigurino, ma sembrano meno definitive. Con l’accoppiata finale Stalker e Hidden XS le cose però si riequilibrano. Si parte pesantissimi, si finisce pesantissimi.
In mezzo, si è pesanti. Però non ci si annoia. Bene così. Manca forse qualche colpo di scena, qualche trovata sonora o melodica che spiazzi all’improvviso e apra quarte dimensioni inaspettate, ma decisamente ci si può accontentare.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...