MONSTER HEAD ROOM
Souterrain/Goodfellas

Nel momento in cui piazzo nel lettore il cd dei Ganglians mai avrei immaginato di trovarmi di fronte a una sessione di registrazioni che, con tanta immediatezza, mi avrebbe catapultato in un mondo la cui ideale colonna sonora è costituita da Grizzly Bear e Fleet Foxes (ma pure Beach Boys e Mamas And Papas). Conviene non girarci troppo attorno: la musica contenuta in Monster Head Room – disponibile a furor di popolo con una distribuzione finalmente degna di tale nome e con l’aggiunta di due brani, Blood On The Sand e Make It Up, che da soli sarebbero sufficienti a consigliare l’investimento – è, semplicemente, il miglior esempio di pop d’autore in cui mi sia imbattuto dalla pubblicazione dell’omonimo debutto della band di Robin Pecknold. È una di quelle opere, Monster Head Room, che meriterebbe capillare diffusione, che dovrebbe essere trasmessa sulle radio commerciali di tutto il mondo per consentire di comprendere in che modo, con un album d’esordio e con tanta immaginazione, si possa contribuire a riscrivere anche solo un trafiletto sul grande libro del pop americano. A conferma delle influenze che Brian Wilson ha esercitato sul trio originario della California, ecco in sequenza Lost Word e Candy Girl, brani che, senza enfasi, davvero non avrebbero sfigurato tra le outtake di Smile e Pet Sounds: ovunque c’è armonia, gli arrangiamenti sono sinuosi, avvolgenti e una piacevolissima sensazione di torpore si impossessa di chi ambirebbe a restare lucido di fronte a tanta poesia. Un paio di episodi acustici (To June e Cryin’ Smoke) ed ecco un velo di malinconia esaltato da suadenti controcanti per l’incipit di Valient Brave; che non solo del lotto è la composizione più lunga (quasi sette minuti), ma sta a testimoniare come psichedelia, bassa fedeltà e venature folk – le stesse che sono riprese, al pari con maestria, su Modern African Queen – siano generi tutt’altro che passati di moda. Cinquanta minuti che si fatica a considerare reali; se davvero i Ganglians hanno la consapevolezza dell’eccellenza della loro musica, non siamo distanti dal purissimo genio.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...