MONSTER HEAD ROOM
Souterrain/Goodfellas

Nel momento in cui piazzo nel lettore il cd dei Ganglians mai avrei immaginato di trovarmi di fronte a una sessione di registrazioni che, con tanta immediatezza, mi avrebbe catapultato in un mondo la cui ideale colonna sonora è costituita da Grizzly Bear e Fleet Foxes (ma pure Beach Boys e Mamas And Papas). Conviene non girarci troppo attorno: la musica contenuta in Monster Head Room – disponibile a furor di popolo con una distribuzione finalmente degna di tale nome e con l’aggiunta di due brani, Blood On The Sand e Make It Up, che da soli sarebbero sufficienti a consigliare l’investimento – è, semplicemente, il miglior esempio di pop d’autore in cui mi sia imbattuto dalla pubblicazione dell’omonimo debutto della band di Robin Pecknold. È una di quelle opere, Monster Head Room, che meriterebbe capillare diffusione, che dovrebbe essere trasmessa sulle radio commerciali di tutto il mondo per consentire di comprendere in che modo, con un album d’esordio e con tanta immaginazione, si possa contribuire a riscrivere anche solo un trafiletto sul grande libro del pop americano. A conferma delle influenze che Brian Wilson ha esercitato sul trio originario della California, ecco in sequenza Lost Word e Candy Girl, brani che, senza enfasi, davvero non avrebbero sfigurato tra le outtake di Smile e Pet Sounds: ovunque c’è armonia, gli arrangiamenti sono sinuosi, avvolgenti e una piacevolissima sensazione di torpore si impossessa di chi ambirebbe a restare lucido di fronte a tanta poesia. Un paio di episodi acustici (To June e Cryin’ Smoke) ed ecco un velo di malinconia esaltato da suadenti controcanti per l’incipit di Valient Brave; che non solo del lotto è la composizione più lunga (quasi sette minuti), ma sta a testimoniare come psichedelia, bassa fedeltà e venature folk – le stesse che sono riprese, al pari con maestria, su Modern African Queen – siano generi tutt’altro che passati di moda. Cinquanta minuti che si fatica a considerare reali; se davvero i Ganglians hanno la consapevolezza dell’eccellenza della loro musica, non siamo distanti dal purissimo genio.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...