RELAYTED
Jagjaguwar/Goodfellas

A leggere di questa prima uscita del collettivo Gayngs (da Minneapolis, Minnesota) prima di ascoltarla si corre il rischio di lasciarsi sopraffare dai pregiudizi e di giudicarla male a prescindere. Cioè: a cosa può far pensare un disco apertamente ispirato a I’m Not In Love dei 10cc e composto interamente da canzoni a 69 bpm? Nel migliore dei casi a un trionfo delle kitscherie e del romanticismo più plasticoso, a una porcata nel peggiore. E invece preparatevi a stupirvi, perché Relayted è molto di più; e, soprattutto, è molto più interessante. Frutto della mente – perversa? – di Ryan Olson dei misconosciuti Digitata e di Zach Coulter e Adam Hurlburt dei Solid Gold, il progetto ha poco alla volta imbarcato musicisti dai background più disparati (rocker psichedelici, jazzisti, rapper e, su tutti, Justin “Bon Iver” Vernon), le cui peculiarità stilistiche si fondono perfettamente dando vita a un flusso sonoro vitale e multiforme, in cui inevitabilmente la fanno da padrone atmosfere a metà tra la FM anni 70 e il pop più luccicante, ma non mancano ritmiche vicine al triphop, bassi disco, riverberi dub, moderno R&B, derive cosmiche e sensualissimi falsetti, il tutto filtrato attraverso una gestione e un trattamento dei suoni tipico più di un approccio elettronico che del rock. Riferimenti che se da un lato testimoniano dell’ampiezza di vedute messa in campo, dall’altro potrebbero dare l’idea di un pasticcio di proporzioni bibliche, quando in realtà trattasi di un lavoro estremamente coerente e coeso, e sfacciatamente creativo (anche nella ripresa di Cry di Godley & Creme, guarda caso due membri della famiglia 10cc). Esattamente come i calabroni che stando a una leggenda urbana volerebbero a dispetto di ogni legge della fisica, le canzoni qui contenute non soltanto non crollano sotto il peso dei mille elementi (non sempre di specchiato buon gusto) che le compongono, ma anzi filano via che è un piacere, e a ogni ascolto regalano nuove sorprese. Quale che sia la ragione, sarebbe masochistico lamentarsene.

tratto dal Mucchio N°671

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...