DIVIDING OPINIONS
Homesleep/Audioglobe

Per essere un gruppo il cui ultimo album risale a quattro anni fa, i Giardini di Mirò non sono certo rimasti con le mani in mano: si pensi che solo nel 2006 hanno visto la luce il cd “North Atlantic Treaty Of Love” (una raccolta di cover, inediti e remix in origine usciti su due 12”) e i debutti solistici del tastierista Luca “Pillow” Di Mira (“Flowing Seasons”) e del chitarrista Corrado Nuccini (“Matters Of Love And Death”). Lavori che in qualche modo sono serviti per ingannare l’attesa di un disco vero la cui gestazione non deve essere stata delle più facili. Questo perché, nel frattempo, si è interrotta la collaborazione con il cantante Alessandro Raina, il cui arrivo aveva coinciso col passaggio dal post-rock degli esordi a un formato più vicino a quello della canzone tradizionale. Un cambio di prospettiva che ora il quintetto non rinnega affatto, scegliendo per quanto riguarda la voce una soluzione interna, alternando al microfono Nuccini e l’altro chitarrista Jukka Reverberi. E i risultati sono davvero notevoli: non solo i due sembrano trovarsi perfettamente a proprio agio nel ruolo, ma tutta la band pare sempre più convinta dei propri mezzi e desiderosa di muoversi, di andare avanti, senza però rinnegare quanto fatto in precedenza (come nel caso della strumentale “July’s Stripes”). Occasionali circolarità e crescendo di scuola post sono quindi al servizio di strutture sonore cangianti, figlie dell’indie-rock meno banale ma aperte agli stimoli più vari. La title track, per esempio, non è così lontana da certo shoegaze, mentre “Cold Perfection” si sfalda progressivamente a colpi di manipolazioni elettroniche e “Clairvoyance” è una delicata ballata folktronica abbellita dalla voce di Kate Brewster. Oltre a lei, sono della partita il vecchio compagno di viaggio Emanuele Reverberi agli archi, Jonathan Clancy dei Settlefish, Apparat e Glen “Piano Magic” Johnson, a testimonianza del rispetto di cui la band emiliana da tempo gode anche fuori dall’Italia. Rispetto che “Dividing Opinions” non potrà che rafforzare ulteriormente.

(Recensione tratta dal Mucchio n.630)

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...