I’m New Here
XL/Self

Emozionante. Questo album, senz’altro imperfetto, è però una delle cose più emozionanti che ci capiterà di sentire nel 2010, questo lo si può tranquillamente dire. Gil Scott-Heron è tornato. Aggiungiamo: speriamo. Perché già mille volte il sessantenne americano era rinato dalle sue ceneri, dalle sue dipendenze verso alcool e droga, e mille volte avevamo sperato che fosse la volta buona; che parte di questo “I’m New Here” sia stata scritta in carcere, spiega come finora la volta buona non sia mai arrivata e quindi chissà quanto si può essere ottimisti per il futuro. Ma nell’arco di tre decenni Scott-Heron ci ha regalato infinite perle di soul ed intensità lirica, e il fatto che a un quindici anni di distanza dal suo ultimo album ora sia tornato in pista è meraviglioso, punto. Lo sarebbe a priori. Ma lo è anche perché la mano di Richard Russell, il boss della XL – suo devoto fan – che ha fatto di tutto per rimetterlo in pista discograficamente parlando, è molto rispettosa e dotata di misura e buon gusto. Ovvero serve nulla di più che piattaforme sonore su cui Gil deve stendere la sua incredibile voce e il suo spettacolare carisma. Ogni tanto affiorano spunti melodici, sì, ma sono l’eccezione non la regola. Complessivamente, la sensazione onora è quella di claustrofobia, di una scarnificazione forse persino eccessiva, solo che il timbro della voce e la potenza dei testi dominano a tal punto che donano spazio e luce. Spazio e luce inquietanti, certo, spesso proprio struggenti.
Si resta talora attoniti, di fronte alla sincerità con la quale Scott-Heron mette a nudo il mondo e prima ancora se stesso senza bisogno di urlare, di agitarsi, di usare parole e parabole ad effetto. Quindi ecco, “I’m New Here” non resterà negli annali per la qualità della musica, che è una componente accessoria e secondaria, né è un ascolto facile o comunque un disco da suonare spesso e volentieri. Ma la sua forza cruda è intensissima. E assaporarla può essere tanto catartico quanto destabilizzante, siete avvertiti.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...