I’m New Here
XL/Self

Emozionante. Questo album, senz’altro imperfetto, è però una delle cose più emozionanti che ci capiterà di sentire nel 2010, questo lo si può tranquillamente dire. Gil Scott-Heron è tornato. Aggiungiamo: speriamo. Perché già mille volte il sessantenne americano era rinato dalle sue ceneri, dalle sue dipendenze verso alcool e droga, e mille volte avevamo sperato che fosse la volta buona; che parte di questo “I’m New Here” sia stata scritta in carcere, spiega come finora la volta buona non sia mai arrivata e quindi chissà quanto si può essere ottimisti per il futuro. Ma nell’arco di tre decenni Scott-Heron ci ha regalato infinite perle di soul ed intensità lirica, e il fatto che a un quindici anni di distanza dal suo ultimo album ora sia tornato in pista è meraviglioso, punto. Lo sarebbe a priori. Ma lo è anche perché la mano di Richard Russell, il boss della XL – suo devoto fan – che ha fatto di tutto per rimetterlo in pista discograficamente parlando, è molto rispettosa e dotata di misura e buon gusto. Ovvero serve nulla di più che piattaforme sonore su cui Gil deve stendere la sua incredibile voce e il suo spettacolare carisma. Ogni tanto affiorano spunti melodici, sì, ma sono l’eccezione non la regola. Complessivamente, la sensazione onora è quella di claustrofobia, di una scarnificazione forse persino eccessiva, solo che il timbro della voce e la potenza dei testi dominano a tal punto che donano spazio e luce. Spazio e luce inquietanti, certo, spesso proprio struggenti.
Si resta talora attoniti, di fronte alla sincerità con la quale Scott-Heron mette a nudo il mondo e prima ancora se stesso senza bisogno di urlare, di agitarsi, di usare parole e parabole ad effetto. Quindi ecco, “I’m New Here” non resterà negli annali per la qualità della musica, che è una componente accessoria e secondaria, né è un ascolto facile o comunque un disco da suonare spesso e volentieri. Ma la sua forza cruda è intensissima. E assaporarla può essere tanto catartico quanto destabilizzante, siete avvertiti.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...