I’m New Here
XL/Self

Emozionante. Questo album, senz’altro imperfetto, è però una delle cose più emozionanti che ci capiterà di sentire nel 2010, questo lo si può tranquillamente dire. Gil Scott-Heron è tornato. Aggiungiamo: speriamo. Perché già mille volte il sessantenne americano era rinato dalle sue ceneri, dalle sue dipendenze verso alcool e droga, e mille volte avevamo sperato che fosse la volta buona; che parte di questo “I’m New Here” sia stata scritta in carcere, spiega come finora la volta buona non sia mai arrivata e quindi chissà quanto si può essere ottimisti per il futuro. Ma nell’arco di tre decenni Scott-Heron ci ha regalato infinite perle di soul ed intensità lirica, e il fatto che a un quindici anni di distanza dal suo ultimo album ora sia tornato in pista è meraviglioso, punto. Lo sarebbe a priori. Ma lo è anche perché la mano di Richard Russell, il boss della XL – suo devoto fan – che ha fatto di tutto per rimetterlo in pista discograficamente parlando, è molto rispettosa e dotata di misura e buon gusto. Ovvero serve nulla di più che piattaforme sonore su cui Gil deve stendere la sua incredibile voce e il suo spettacolare carisma. Ogni tanto affiorano spunti melodici, sì, ma sono l’eccezione non la regola. Complessivamente, la sensazione onora è quella di claustrofobia, di una scarnificazione forse persino eccessiva, solo che il timbro della voce e la potenza dei testi dominano a tal punto che donano spazio e luce. Spazio e luce inquietanti, certo, spesso proprio struggenti.
Si resta talora attoniti, di fronte alla sincerità con la quale Scott-Heron mette a nudo il mondo e prima ancora se stesso senza bisogno di urlare, di agitarsi, di usare parole e parabole ad effetto. Quindi ecco, “I’m New Here” non resterà negli annali per la qualità della musica, che è una componente accessoria e secondaria, né è un ascolto facile o comunque un disco da suonare spesso e volentieri. Ma la sua forza cruda è intensissima. E assaporarla può essere tanto catartico quanto destabilizzante, siete avvertiti.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...