I’m New Here
XL/Self

Emozionante. Questo album, senz’altro imperfetto, è però una delle cose più emozionanti che ci capiterà di sentire nel 2010, questo lo si può tranquillamente dire. Gil Scott-Heron è tornato. Aggiungiamo: speriamo. Perché già mille volte il sessantenne americano era rinato dalle sue ceneri, dalle sue dipendenze verso alcool e droga, e mille volte avevamo sperato che fosse la volta buona; che parte di questo “I’m New Here” sia stata scritta in carcere, spiega come finora la volta buona non sia mai arrivata e quindi chissà quanto si può essere ottimisti per il futuro. Ma nell’arco di tre decenni Scott-Heron ci ha regalato infinite perle di soul ed intensità lirica, e il fatto che a un quindici anni di distanza dal suo ultimo album ora sia tornato in pista è meraviglioso, punto. Lo sarebbe a priori. Ma lo è anche perché la mano di Richard Russell, il boss della XL – suo devoto fan – che ha fatto di tutto per rimetterlo in pista discograficamente parlando, è molto rispettosa e dotata di misura e buon gusto. Ovvero serve nulla di più che piattaforme sonore su cui Gil deve stendere la sua incredibile voce e il suo spettacolare carisma. Ogni tanto affiorano spunti melodici, sì, ma sono l’eccezione non la regola. Complessivamente, la sensazione onora è quella di claustrofobia, di una scarnificazione forse persino eccessiva, solo che il timbro della voce e la potenza dei testi dominano a tal punto che donano spazio e luce. Spazio e luce inquietanti, certo, spesso proprio struggenti.
Si resta talora attoniti, di fronte alla sincerità con la quale Scott-Heron mette a nudo il mondo e prima ancora se stesso senza bisogno di urlare, di agitarsi, di usare parole e parabole ad effetto. Quindi ecco, “I’m New Here” non resterà negli annali per la qualità della musica, che è una componente accessoria e secondaria, né è un ascolto facile o comunque un disco da suonare spesso e volentieri. Ma la sua forza cruda è intensissima. E assaporarla può essere tanto catartico quanto destabilizzante, siete avvertiti.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...