Girls-In-Hawaii-Everest-Signed
Girls In Hawaii

Everest

Naive/Self
7

All’uscita di From Here To There, nel 2003, i belgi Girls In Hawaii sembravano sulla strada giusta per diventare uno dei nomi più significativi dell’indie-pop del nuovo secolo. Avevano tutto. Ottime melodie, canzoni che rimanevano in testa, una buona personalità capace di assimilare influenze dirette (Grandaddy, su tutti) e humus creativo geografico (i dEUS). Poi più niente. Passano cinque anni prima di sentire qualcosa di nuovo e se da un lato Plan Your Escape non tradisce le aspettative (buona accoglienza, anzi), dall’altro sembra che il riproporsi pedissequo di sonorità note mostri un po’ la corda. È il 2008. L’indie-pop sta andando da altre parti e dopo appena dodici mesi i Grizzly Bear detteranno le nuove condizioni con Veckatimest. Nel 2010, poi, il batterista Denis Wielemans muore in un incidente d’auto. E per certi versi è già una vittoria essere qui ad ascoltare Everest, il terzo disco dei Girls In Hawaii. Disco che in effetti riecheggia di una malinconia umbratile, sospesa, che rimanda a quello che è stato e che poteva essere, e quello che non è più e non può più tornare. Sono passati dieci anni da Time To Forgive The Winter. In dieci anni si diventa grandi. Si matura (forse). E cambia il modo in cui si vedono le cose. Poi, certo, le esperienze che plasmano e tutto il resto. Ed è per questo che al netto di un tessuto sonoro sostanzialmente privo di sorprese (siamo sempre lì, un indie-pop da pioggia estiva con Jason Lytle e Shins in testa), Everest sembra pervaso da una sottile tensione sottocutanea che lo rende urgente. È una sorta di urgenza di chi ha perso qualcosa per strada e vuole recuperarlo per quanto possibile. In canzoni come Misses, Not Dead (appunto) e Rorscharch si avverte il tentativo di fare i conti col proprio passato, di vivere nel presente senza restare fermi – e se musicalmente non cambia niente, beh, direi che i belgi le canzoni le sanno sempre scrivere – e immaginarsi un futuro in cui ci sia ancora bisogno di questo tipo di sensazioni.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...