Girls-In-Hawaii-Everest-Signed
Girls In Hawaii

Everest

Naive/Self
7

All’uscita di From Here To There, nel 2003, i belgi Girls In Hawaii sembravano sulla strada giusta per diventare uno dei nomi più significativi dell’indie-pop del nuovo secolo. Avevano tutto. Ottime melodie, canzoni che rimanevano in testa, una buona personalità capace di assimilare influenze dirette (Grandaddy, su tutti) e humus creativo geografico (i dEUS). Poi più niente. Passano cinque anni prima di sentire qualcosa di nuovo e se da un lato Plan Your Escape non tradisce le aspettative (buona accoglienza, anzi), dall’altro sembra che il riproporsi pedissequo di sonorità note mostri un po’ la corda. È il 2008. L’indie-pop sta andando da altre parti e dopo appena dodici mesi i Grizzly Bear detteranno le nuove condizioni con Veckatimest. Nel 2010, poi, il batterista Denis Wielemans muore in un incidente d’auto. E per certi versi è già una vittoria essere qui ad ascoltare Everest, il terzo disco dei Girls In Hawaii. Disco che in effetti riecheggia di una malinconia umbratile, sospesa, che rimanda a quello che è stato e che poteva essere, e quello che non è più e non può più tornare. Sono passati dieci anni da Time To Forgive The Winter. In dieci anni si diventa grandi. Si matura (forse). E cambia il modo in cui si vedono le cose. Poi, certo, le esperienze che plasmano e tutto il resto. Ed è per questo che al netto di un tessuto sonoro sostanzialmente privo di sorprese (siamo sempre lì, un indie-pop da pioggia estiva con Jason Lytle e Shins in testa), Everest sembra pervaso da una sottile tensione sottocutanea che lo rende urgente. È una sorta di urgenza di chi ha perso qualcosa per strada e vuole recuperarlo per quanto possibile. In canzoni come Misses, Not Dead (appunto) e Rorscharch si avverte il tentativo di fare i conti col proprio passato, di vivere nel presente senza restare fermi – e se musicalmente non cambia niente, beh, direi che i belgi le canzoni le sanno sempre scrivere – e immaginarsi un futuro in cui ci sia ancora bisogno di questo tipo di sensazioni.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...