St. Elsewhere
Warner

Qualcosa non torna. Anzi: molte cose non tornano. Ottimo. Finalmente. Un progetto inclassificabile che sforna un disco inclassificabile, il quale a sua volta ottiene un successo imprevedibile (“Crazy” l’avrà sentita e canticchiata anche il vostro gatto, ormai). Roba da gettare nella disperazione tutti quelli che pianificano le strategie a tavolino. Eppure un primo riferimento è abbastanza immediato: gli Outkast, i più citati da chiunque voglia far bella figura indicando tra le proprio passioni un gruppo che sia mainstream e che al tempo stesso faccia musica interessante, la quadratura del cerchio, olé. “St. Elsewhere” è però più sfuggente e più leggero dei lavori del duo outkastiano; leggerezza, però, da intendere nel senso positivo del termine, ovvero come scelta di campo e non come incapacità di raggiungere gli obiettivi sonori prefissati. C’è un solo episodio davvero trascurabile in questo lp, ed è quello che comunque è da segnalare per la bizzarria della scelta: una cover dei Violent Femmes, “Gone Daddy Gone”. Il resto ha una sua grazia ambigua, sospesa tra allegria e malinconia se non addirittura sottile paranoia (anche grazie ai testi, bravi a disegnare colorazioni di questi tipo). Danger Mouse trova la dimensione giusta per sé, dopo che – e il tempo ha confermato questa nostra impressione registrata all’uscita del disco – la sua sortita all’interno del progetto Gorillaz non era stata particolarmente efficace. Lui ha bisogno di giocare senza responsabilità, così come di mettersi al servizio di fantasisti in grado di coprire gli spazi in maniera scoppiettante. Cee-Lo insomma, non Damon Albarn. L’ex Goodie Mob a sua volta si trova perfettamente a suo agio in un eclettismo sonoro che è sempre al suo servizio, lo accompagna ma non lo sovrasta. Ché lui, di suo, è proprio bravo. In “St. Elsewhere” troverete quattordici affreschi (quasi tutti sotto i tre minuti!) molto postmoderni, difficili cioè da definire se rétro o modernisti, se pop o sperimentali, se seri o gaglioffi. Comunque, validi. Non sconvolgenti, non indimenticabili, non intensissimi; ma validi, molto.

Recensione tratta dal Mucchio 624/625 (luglio/agosto 2006)

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...