St. Elsewhere
Warner

Qualcosa non torna. Anzi: molte cose non tornano. Ottimo. Finalmente. Un progetto inclassificabile che sforna un disco inclassificabile, il quale a sua volta ottiene un successo imprevedibile (“Crazy” l’avrà sentita e canticchiata anche il vostro gatto, ormai). Roba da gettare nella disperazione tutti quelli che pianificano le strategie a tavolino. Eppure un primo riferimento è abbastanza immediato: gli Outkast, i più citati da chiunque voglia far bella figura indicando tra le proprio passioni un gruppo che sia mainstream e che al tempo stesso faccia musica interessante, la quadratura del cerchio, olé. “St. Elsewhere” è però più sfuggente e più leggero dei lavori del duo outkastiano; leggerezza, però, da intendere nel senso positivo del termine, ovvero come scelta di campo e non come incapacità di raggiungere gli obiettivi sonori prefissati. C’è un solo episodio davvero trascurabile in questo lp, ed è quello che comunque è da segnalare per la bizzarria della scelta: una cover dei Violent Femmes, “Gone Daddy Gone”. Il resto ha una sua grazia ambigua, sospesa tra allegria e malinconia se non addirittura sottile paranoia (anche grazie ai testi, bravi a disegnare colorazioni di questi tipo). Danger Mouse trova la dimensione giusta per sé, dopo che – e il tempo ha confermato questa nostra impressione registrata all’uscita del disco – la sua sortita all’interno del progetto Gorillaz non era stata particolarmente efficace. Lui ha bisogno di giocare senza responsabilità, così come di mettersi al servizio di fantasisti in grado di coprire gli spazi in maniera scoppiettante. Cee-Lo insomma, non Damon Albarn. L’ex Goodie Mob a sua volta si trova perfettamente a suo agio in un eclettismo sonoro che è sempre al suo servizio, lo accompagna ma non lo sovrasta. Ché lui, di suo, è proprio bravo. In “St. Elsewhere” troverete quattordici affreschi (quasi tutti sotto i tre minuti!) molto postmoderni, difficili cioè da definire se rétro o modernisti, se pop o sperimentali, se seri o gaglioffi. Comunque, validi. Non sconvolgenti, non indimenticabili, non intensissimi; ma validi, molto.

Recensione tratta dal Mucchio 624/625 (luglio/agosto 2006)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...