St. Elsewhere
Warner

Qualcosa non torna. Anzi: molte cose non tornano. Ottimo. Finalmente. Un progetto inclassificabile che sforna un disco inclassificabile, il quale a sua volta ottiene un successo imprevedibile (“Crazy” l’avrà sentita e canticchiata anche il vostro gatto, ormai). Roba da gettare nella disperazione tutti quelli che pianificano le strategie a tavolino. Eppure un primo riferimento è abbastanza immediato: gli Outkast, i più citati da chiunque voglia far bella figura indicando tra le proprio passioni un gruppo che sia mainstream e che al tempo stesso faccia musica interessante, la quadratura del cerchio, olé. “St. Elsewhere” è però più sfuggente e più leggero dei lavori del duo outkastiano; leggerezza, però, da intendere nel senso positivo del termine, ovvero come scelta di campo e non come incapacità di raggiungere gli obiettivi sonori prefissati. C’è un solo episodio davvero trascurabile in questo lp, ed è quello che comunque è da segnalare per la bizzarria della scelta: una cover dei Violent Femmes, “Gone Daddy Gone”. Il resto ha una sua grazia ambigua, sospesa tra allegria e malinconia se non addirittura sottile paranoia (anche grazie ai testi, bravi a disegnare colorazioni di questi tipo). Danger Mouse trova la dimensione giusta per sé, dopo che – e il tempo ha confermato questa nostra impressione registrata all’uscita del disco – la sua sortita all’interno del progetto Gorillaz non era stata particolarmente efficace. Lui ha bisogno di giocare senza responsabilità, così come di mettersi al servizio di fantasisti in grado di coprire gli spazi in maniera scoppiettante. Cee-Lo insomma, non Damon Albarn. L’ex Goodie Mob a sua volta si trova perfettamente a suo agio in un eclettismo sonoro che è sempre al suo servizio, lo accompagna ma non lo sovrasta. Ché lui, di suo, è proprio bravo. In “St. Elsewhere” troverete quattordici affreschi (quasi tutti sotto i tre minuti!) molto postmoderni, difficili cioè da definire se rétro o modernisti, se pop o sperimentali, se seri o gaglioffi. Comunque, validi. Non sconvolgenti, non indimenticabili, non intensissimi; ma validi, molto.

Recensione tratta dal Mucchio 624/625 (luglio/agosto 2006)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...