St. Elsewhere
Warner

Qualcosa non torna. Anzi: molte cose non tornano. Ottimo. Finalmente. Un progetto inclassificabile che sforna un disco inclassificabile, il quale a sua volta ottiene un successo imprevedibile (“Crazy” l’avrà sentita e canticchiata anche il vostro gatto, ormai). Roba da gettare nella disperazione tutti quelli che pianificano le strategie a tavolino. Eppure un primo riferimento è abbastanza immediato: gli Outkast, i più citati da chiunque voglia far bella figura indicando tra le proprio passioni un gruppo che sia mainstream e che al tempo stesso faccia musica interessante, la quadratura del cerchio, olé. “St. Elsewhere” è però più sfuggente e più leggero dei lavori del duo outkastiano; leggerezza, però, da intendere nel senso positivo del termine, ovvero come scelta di campo e non come incapacità di raggiungere gli obiettivi sonori prefissati. C’è un solo episodio davvero trascurabile in questo lp, ed è quello che comunque è da segnalare per la bizzarria della scelta: una cover dei Violent Femmes, “Gone Daddy Gone”. Il resto ha una sua grazia ambigua, sospesa tra allegria e malinconia se non addirittura sottile paranoia (anche grazie ai testi, bravi a disegnare colorazioni di questi tipo). Danger Mouse trova la dimensione giusta per sé, dopo che – e il tempo ha confermato questa nostra impressione registrata all’uscita del disco – la sua sortita all’interno del progetto Gorillaz non era stata particolarmente efficace. Lui ha bisogno di giocare senza responsabilità, così come di mettersi al servizio di fantasisti in grado di coprire gli spazi in maniera scoppiettante. Cee-Lo insomma, non Damon Albarn. L’ex Goodie Mob a sua volta si trova perfettamente a suo agio in un eclettismo sonoro che è sempre al suo servizio, lo accompagna ma non lo sovrasta. Ché lui, di suo, è proprio bravo. In “St. Elsewhere” troverete quattordici affreschi (quasi tutti sotto i tre minuti!) molto postmoderni, difficili cioè da definire se rétro o modernisti, se pop o sperimentali, se seri o gaglioffi. Comunque, validi. Non sconvolgenti, non indimenticabili, non intensissimi; ma validi, molto.

Recensione tratta dal Mucchio 624/625 (luglio/agosto 2006)

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...