goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

Rocket/Goodfellas
8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati da Sub Pop e sono forse la band svedese – né metal né synthpop – più popolare all’estero. È però importante ricordare come i Goat siano stati, nel 2012 con World Music, la punta dell’iceberg di un fenomeno con radici nell’underground – la fusione tra rock lisergico e world music, ma anche il lavoro di ricerca di un’etichetta come Rocket Recordings, sempre più attenta alla psichedelia autoctona nordeuropea – e come, al di là di live altamente performativi, abbiano mantenuto con il successivo Commune una cifra stilistica se non in assoluto originale pur sempre molto riconoscibile.

Requiem è l’album che conferma come il progetto Goat – un’ideologia prima che una band – sia animato dalla volontà di trasformare energie (perlopiù) positive captate da luoghi del mondo reali o simbolici, piuttosto che ricodificare suoni del passato. Un album che riesce a essere coerente con l’estetica Goat e coeso per tutta la sua estesa lunghezza, ma anche diverso dai lavori precedenti e variegato al suo interno. Restano quel voodoo groove misto all’afrobeat e quel “Goat fuzz” che li hanno resi irresistibili, ma si allarga lo spettro della strumentazione, e dei fiati in particolare, da flauti mediorientali a sax free jazz che sembrano arrivare da mondi lontani, come nell’eccezionale jam krauto-cosmica Goatband.

Requiem è un disco di folklore e misticismo, dove è possibile intercettare testi con riferimento alla società contemporanea, che magari scoppiano in una risata beffarda (All-seeying Eye), ma dove il sentimento di festa e di comunione universale tra culture – dal calypso di Trouble In The Streets al rituale poliritmico di Temple Rhythms – è artefice della fascinazione ancor più del pur sempre alto tasso percussivo. La chiusura affidata allo spoken word con piano elettrico, tra marea interiore e preghiera, di Ubuntu e la sensazione è che, senza troppe concessioni all’hype, i Goat siano arrivati con compiutezza alla fine di almeno una parte della loro missione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...