goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

Rocket/Goodfellas
8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati da Sub Pop e sono forse la band svedese – né metal né synthpop – più popolare all’estero. È però importante ricordare come i Goat siano stati, nel 2012 con World Music, la punta dell’iceberg di un fenomeno con radici nell’underground – la fusione tra rock lisergico e world music, ma anche il lavoro di ricerca di un’etichetta come Rocket Recordings, sempre più attenta alla psichedelia autoctona nordeuropea – e come, al di là di live altamente performativi, abbiano mantenuto con il successivo Commune una cifra stilistica se non in assoluto originale pur sempre molto riconoscibile.

Requiem è l’album che conferma come il progetto Goat – un’ideologia prima che una band – sia animato dalla volontà di trasformare energie (perlopiù) positive captate da luoghi del mondo reali o simbolici, piuttosto che ricodificare suoni del passato. Un album che riesce a essere coerente con l’estetica Goat e coeso per tutta la sua estesa lunghezza, ma anche diverso dai lavori precedenti e variegato al suo interno. Restano quel voodoo groove misto all’afrobeat e quel “Goat fuzz” che li hanno resi irresistibili, ma si allarga lo spettro della strumentazione, e dei fiati in particolare, da flauti mediorientali a sax free jazz che sembrano arrivare da mondi lontani, come nell’eccezionale jam krauto-cosmica Goatband.

Requiem è un disco di folklore e misticismo, dove è possibile intercettare testi con riferimento alla società contemporanea, che magari scoppiano in una risata beffarda (All-seeying Eye), ma dove il sentimento di festa e di comunione universale tra culture – dal calypso di Trouble In The Streets al rituale poliritmico di Temple Rhythms – è artefice della fascinazione ancor più del pur sempre alto tasso percussivo. La chiusura affidata allo spoken word con piano elettrico, tra marea interiore e preghiera, di Ubuntu e la sensazione è che, senza troppe concessioni all’hype, i Goat siano arrivati con compiutezza alla fine di almeno una parte della loro missione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...