WHATEVER’S ON YOUR MIND
PIAS/Self

Nel corso della loro carriera i Gomez si sono trovati ad affrontare due problemi, entrambi non proprio di poco conto. Anzitutto, la notevole – e meritata – esposizione mediatica ottenuta dai loro primi dischi, a partire dal debutto Bring It On, vincitore del Mercury Prize nel 1998. Poi, il fatto che nell’ultimo decennio, forse anche di fronte alle difficoltà oggettive di mantenersi sui livelli del suddetto lavoro e dell’immediato successore Liquid Skin (1999), abbiano realizzato una serie di dischi sempre più che dignitosi, ma mai altrettanto memorabili o vitali. Ed è qui che arrivano le buone notizie, perché Whatever’s On Your Mind, seppure non all’altezza di quell’uno-due, è quanto di più vicino a esso il quintetto britannico abbia prodotto dai tempi di In Our Gun (2002).
In altre parole, col trascorrere degli anni Ben Ottewell e soci si sono progressivamente scrollati di dosso il peso di un passato ingombrante, e le dieci canzoni qui incluse confermano in pieno la felice ripartenza che già A New Tide (2009) prometteva fin dal titolo. Ferma restando la formula di base (una miscela gustosa quanto sfaccettata di folk, rock dai lievi accenti sudisti, blues, elettronica a fedeltà medio-bassa e pop, con l’extra di tre voci soliste ad alternarsi e sovrapporsi), simile a quella dei giorni migliori – la leggera naturalezza con cui gli elementi elettroacustici e sintetici si mescolano e ibridano, creando un insieme non solo organico ma soprattutto credibile e ricco di soluzioni inaspettate, pur mantenendo una netta classicità di fondo. E se uno dei difetti degli album precedenti era quello di farsi ascoltare volentieri senza però lasciare particolari ricordi, stavolta i momenti più riusciti (a partire dai tre indicati qui sotto) sembrano avere tutte le carte in regola per resistere più a lungo nella memoria. Il che magari non farà conquistare ai loro autori orde di nuovi fan, ma renderà felici quanti li seguono fin dagli esordi. Davvero, non è poco.

tratto dal Mucchio n° 684/685

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...