WHATEVER’S ON YOUR MIND
PIAS/Self

Nel corso della loro carriera i Gomez si sono trovati ad affrontare due problemi, entrambi non proprio di poco conto. Anzitutto, la notevole – e meritata – esposizione mediatica ottenuta dai loro primi dischi, a partire dal debutto Bring It On, vincitore del Mercury Prize nel 1998. Poi, il fatto che nell’ultimo decennio, forse anche di fronte alle difficoltà oggettive di mantenersi sui livelli del suddetto lavoro e dell’immediato successore Liquid Skin (1999), abbiano realizzato una serie di dischi sempre più che dignitosi, ma mai altrettanto memorabili o vitali. Ed è qui che arrivano le buone notizie, perché Whatever’s On Your Mind, seppure non all’altezza di quell’uno-due, è quanto di più vicino a esso il quintetto britannico abbia prodotto dai tempi di In Our Gun (2002).
In altre parole, col trascorrere degli anni Ben Ottewell e soci si sono progressivamente scrollati di dosso il peso di un passato ingombrante, e le dieci canzoni qui incluse confermano in pieno la felice ripartenza che già A New Tide (2009) prometteva fin dal titolo. Ferma restando la formula di base (una miscela gustosa quanto sfaccettata di folk, rock dai lievi accenti sudisti, blues, elettronica a fedeltà medio-bassa e pop, con l’extra di tre voci soliste ad alternarsi e sovrapporsi), simile a quella dei giorni migliori – la leggera naturalezza con cui gli elementi elettroacustici e sintetici si mescolano e ibridano, creando un insieme non solo organico ma soprattutto credibile e ricco di soluzioni inaspettate, pur mantenendo una netta classicità di fondo. E se uno dei difetti degli album precedenti era quello di farsi ascoltare volentieri senza però lasciare particolari ricordi, stavolta i momenti più riusciti (a partire dai tre indicati qui sotto) sembrano avere tutte le carte in regola per resistere più a lungo nella memoria. Il che magari non farà conquistare ai loro autori orde di nuovi fan, ma renderà felici quanti li seguono fin dagli esordi. Davvero, non è poco.

tratto dal Mucchio n° 684/685

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...