Love Travels At Illegal Speeds
Parlophone/Emi

Se la prima traccia di un disco ha sempre un valore particolare, “Love Travels At Illegal Speeds” si apre col botto: a prescindere da quale sia il suo vero argomento, infatti, con il titolo che si ritrova “Standing On My Own Again” pare destinata a riaccendere la polemica fra Graham Coxon e i suoi vecchi compagni nei Blur. Già, perché per il chitarrista la ferita sembra essere ancora aperta, vista la veemenza con cui, anche di recente, ha negato la possibilità di un suo rientro nella band; veemenza che, nel brano in questione come in buona parte degli altri titoli in scaletta, trova un degno corrispettivo musicale in una frenesia urticante e spigolosa che molto deve alla lezione della frangia più melodica del punk settantasettino, Buzzcocks in testa. Ed è qui che la faccenda si fa paradossale, perché forse mai come questa volta – la sesta di Graham da solista – molte delle parti cantate sembrano rimandare direttamente ai vari “Modern Life Is Rubbish”, “Parklife” o “The Great Escape” (tutti prodotti da Stephen Street, all’opera anche qui); e, se nei momenti maggiormente rabbiosi la spinta delle chitarre fa passare la cosa in secondo piano, quando i decibel diminuiscono la sensazione diviene incredibilmente palpabile. Nelle ballate semiacustiche, anzitutto (“Just A State Of Mind”, “Don’t Believe Anything I Say”, “See A Better Day”) ma anche nel frizzante pop’n’roll di “You & I” e nell’apparentemente spensierata “What’s He Got?”, che è gioco fin troppo facile immaginare cantate da Damon Albarn. Il che, pur non costituendo assolutamente una critica – d’altronde, certe sonorità e certe soluzioni appartengono in tutto e per tutto anche Coxon – mette comunque in luce come la distanza tra i cammini intrapresi dai due (compresa l’esperienza di Albarn nei Gorillaz) non sia poi così grande come l’apparenza sonora potrebbe far pensare. Stando così le cose, l’eventuale confronto si gioca tutto sul piano dell’ispirazione: in questo caso un po’ altalenante, anche se non mancano gli spunti degni di nota, a partire – guarda caso – dai titoli poc’anzi citati.

Recensione tratta dal Mucchio 620 (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...