Love Travels At Illegal Speeds
Parlophone/Emi

Se la prima traccia di un disco ha sempre un valore particolare, “Love Travels At Illegal Speeds” si apre col botto: a prescindere da quale sia il suo vero argomento, infatti, con il titolo che si ritrova “Standing On My Own Again” pare destinata a riaccendere la polemica fra Graham Coxon e i suoi vecchi compagni nei Blur. Già, perché per il chitarrista la ferita sembra essere ancora aperta, vista la veemenza con cui, anche di recente, ha negato la possibilità di un suo rientro nella band; veemenza che, nel brano in questione come in buona parte degli altri titoli in scaletta, trova un degno corrispettivo musicale in una frenesia urticante e spigolosa che molto deve alla lezione della frangia più melodica del punk settantasettino, Buzzcocks in testa. Ed è qui che la faccenda si fa paradossale, perché forse mai come questa volta – la sesta di Graham da solista – molte delle parti cantate sembrano rimandare direttamente ai vari “Modern Life Is Rubbish”, “Parklife” o “The Great Escape” (tutti prodotti da Stephen Street, all’opera anche qui); e, se nei momenti maggiormente rabbiosi la spinta delle chitarre fa passare la cosa in secondo piano, quando i decibel diminuiscono la sensazione diviene incredibilmente palpabile. Nelle ballate semiacustiche, anzitutto (“Just A State Of Mind”, “Don’t Believe Anything I Say”, “See A Better Day”) ma anche nel frizzante pop’n’roll di “You & I” e nell’apparentemente spensierata “What’s He Got?”, che è gioco fin troppo facile immaginare cantate da Damon Albarn. Il che, pur non costituendo assolutamente una critica – d’altronde, certe sonorità e certe soluzioni appartengono in tutto e per tutto anche Coxon – mette comunque in luce come la distanza tra i cammini intrapresi dai due (compresa l’esperienza di Albarn nei Gorillaz) non sia poi così grande come l’apparenza sonora potrebbe far pensare. Stando così le cose, l’eventuale confronto si gioca tutto sul piano dell’ispirazione: in questo caso un po’ altalenante, anche se non mancano gli spunti degni di nota, a partire – guarda caso – dai titoli poc’anzi citati.

Recensione tratta dal Mucchio 620 (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...