Love Travels At Illegal Speeds
Parlophone/Emi

Se la prima traccia di un disco ha sempre un valore particolare, “Love Travels At Illegal Speeds” si apre col botto: a prescindere da quale sia il suo vero argomento, infatti, con il titolo che si ritrova “Standing On My Own Again” pare destinata a riaccendere la polemica fra Graham Coxon e i suoi vecchi compagni nei Blur. Già, perché per il chitarrista la ferita sembra essere ancora aperta, vista la veemenza con cui, anche di recente, ha negato la possibilità di un suo rientro nella band; veemenza che, nel brano in questione come in buona parte degli altri titoli in scaletta, trova un degno corrispettivo musicale in una frenesia urticante e spigolosa che molto deve alla lezione della frangia più melodica del punk settantasettino, Buzzcocks in testa. Ed è qui che la faccenda si fa paradossale, perché forse mai come questa volta – la sesta di Graham da solista – molte delle parti cantate sembrano rimandare direttamente ai vari “Modern Life Is Rubbish”, “Parklife” o “The Great Escape” (tutti prodotti da Stephen Street, all’opera anche qui); e, se nei momenti maggiormente rabbiosi la spinta delle chitarre fa passare la cosa in secondo piano, quando i decibel diminuiscono la sensazione diviene incredibilmente palpabile. Nelle ballate semiacustiche, anzitutto (“Just A State Of Mind”, “Don’t Believe Anything I Say”, “See A Better Day”) ma anche nel frizzante pop’n’roll di “You & I” e nell’apparentemente spensierata “What’s He Got?”, che è gioco fin troppo facile immaginare cantate da Damon Albarn. Il che, pur non costituendo assolutamente una critica – d’altronde, certe sonorità e certe soluzioni appartengono in tutto e per tutto anche Coxon – mette comunque in luce come la distanza tra i cammini intrapresi dai due (compresa l’esperienza di Albarn nei Gorillaz) non sia poi così grande come l’apparenza sonora potrebbe far pensare. Stando così le cose, l’eventuale confronto si gioca tutto sul piano dell’ispirazione: in questo caso un po’ altalenante, anche se non mancano gli spunti degni di nota, a partire – guarda caso – dai titoli poc’anzi citati.

Recensione tratta dal Mucchio 620 (marzo 2006)

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...