Petits Fours
Cooking Vinyl/Edel

Vado a memoria ma credo che mai un album che ha come fonte di ispirazione il Lussemburgo (meglio sarebbe dire, per consentirvi di comprendere la scelta della ragione sociale, il Granducato del Lussemburgo) abbia modificato la storia del rock. Escluderei senza timore “Axis: Bold As Love” e “The Piper At The Gates Of Down” e, al pari con sicurezza, “The Joshua Tree” e “OK Computer”. Premesso, allora, che difficilmente la nuova opera di Black Francis (uno che con i Pixies quella storia sì che l’ha cambiata…) e della di lui consorte Violet Clark provocherà movimenti tellurici nelle discoteche mondiali, va anche detto che “Petit Fours” è, quanto meno, in media con le produzioni “recenti” del folletto americano. Le melodie che i Grand Duchy costruiscono – incentrate in maniera spasmodica sulle chitarre elettriche (e non potrebbe essere diversamente) ma costruite pure attorno a un’elettronica elementare quanto accattivante – giocano tutto il loro fascino sull’alternanza, nelle parti vocali, di moglie e marito; quando tocca alla Signora (“Lovesick”, “Seeing Stars”) vengono fuori ballate elettrificate per nulla banali e, comunque, assolutamente godibili, mentre nel momento in cui al microfono si avvicina per primo colui che, in casa, dovrebbe portare i pantaloni i risultati sono meno coinvolgenti (“Ermesinde”). A tenere a galla le sorti dell’album ci pensano, comunque, i continui duetti che vedono coinvolta la coppia, con “Fort Wayne”, eccellente intermezzo semiacustico, una spanna superiore al resto. Compare, con una certa insistenza, il fantasma degli ultimi Stereolab (“Break The Angels”, pop facile e senza troppi contenuti) tanto che la scelta di cantare in qualche occasione in francese non sembra affatto un caso. L’eco dei Pixies, infine, si respira su uno e un solo brano (“The Long Song”), il cui basso puntuale come un metronomo è sufficiente a far tornare alla mente il momento in cui, senza averne piena consapevolezza, assistevamo alla genesi di una delle più importanti formazioni dell’ultimo quarto di secolo. Oggi, purtroppo, semplice ricordo.

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...