Petits Fours
Cooking Vinyl/Edel

Vado a memoria ma credo che mai un album che ha come fonte di ispirazione il Lussemburgo (meglio sarebbe dire, per consentirvi di comprendere la scelta della ragione sociale, il Granducato del Lussemburgo) abbia modificato la storia del rock. Escluderei senza timore “Axis: Bold As Love” e “The Piper At The Gates Of Down” e, al pari con sicurezza, “The Joshua Tree” e “OK Computer”. Premesso, allora, che difficilmente la nuova opera di Black Francis (uno che con i Pixies quella storia sì che l’ha cambiata…) e della di lui consorte Violet Clark provocherà movimenti tellurici nelle discoteche mondiali, va anche detto che “Petit Fours” è, quanto meno, in media con le produzioni “recenti” del folletto americano. Le melodie che i Grand Duchy costruiscono – incentrate in maniera spasmodica sulle chitarre elettriche (e non potrebbe essere diversamente) ma costruite pure attorno a un’elettronica elementare quanto accattivante – giocano tutto il loro fascino sull’alternanza, nelle parti vocali, di moglie e marito; quando tocca alla Signora (“Lovesick”, “Seeing Stars”) vengono fuori ballate elettrificate per nulla banali e, comunque, assolutamente godibili, mentre nel momento in cui al microfono si avvicina per primo colui che, in casa, dovrebbe portare i pantaloni i risultati sono meno coinvolgenti (“Ermesinde”). A tenere a galla le sorti dell’album ci pensano, comunque, i continui duetti che vedono coinvolta la coppia, con “Fort Wayne”, eccellente intermezzo semiacustico, una spanna superiore al resto. Compare, con una certa insistenza, il fantasma degli ultimi Stereolab (“Break The Angels”, pop facile e senza troppi contenuti) tanto che la scelta di cantare in qualche occasione in francese non sembra affatto un caso. L’eco dei Pixies, infine, si respira su uno e un solo brano (“The Long Song”), il cui basso puntuale come un metronomo è sufficiente a far tornare alla mente il momento in cui, senza averne piena consapevolezza, assistevamo alla genesi di una delle più importanti formazioni dell’ultimo quarto di secolo. Oggi, purtroppo, semplice ricordo.

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....