Just Like The Fambly Cat
V2/Edel

C’è sempre stata una patina di dolce amarezza nella musica dei Grandaddy, o almeno nelle loro opere maggiori, a cominciare da quell’inarrivabile capolavoro che è “Sophtware Slump”, capace di mettere assieme Syd Barrett con un romanticismo fuori dal tempo usando tecnologia vintage ad alto tasso poetico senza (quasi) mostrare mai la corda e incorniciando più di una canzone indimenticabile. Un’amarezza che ritorna in maniera più concreta in “Just Like The Fambly Cat”, arrivato dopo un ep pregevole come “Excerpts From The Diary Of Todd Zilla” e qualche altro disco non proprio ben focalizzato. Qui invece i brani mostrano un taglio lirico surreale e un incrocio fra elettrico, acustico e vintage azzeccato: dalla classica “Summer Its Gone” alla psichedelica “Rear View Mirror”, per passare attraverso specchi multicolori (“Skateboarding Saves Me Twice”), sogni ad occhi aperti (“Guide Down Denied”) e ironia cosmica (“Elevate Myself”). Verrebbe da scrivere che la band di Modesto (California) è davvero in ottima forma e ha trovato un nuovo equilibrio, che fa a meno di qualche barocchismo di troppo e punta all’essenziale, senza perdere una sostanza originale e trasognata.
Il quinto album – ecco l’amarezza – è però anche quello conclusivo per Jason Lytle e soci, consumati un po’ dall’interno e dalla mancanza di un riconoscimento commerciale davvero importante. Così finisce che le note in minore di “Campershell Dreams” e quelle spumeggianti di “Disconnecty” hanno, inevitabilmente, il sapore dell’ultima volta. Trovano, in altre parole, un valore aggiunto allo struggimento che già di per se stesse evocano. Non vorremmo però firmare un necrologio: in realtà il cd possiede una tale carica creativa da entrare, senza fallo, nei nostri ascolti dell’anno, per il momento. I Grandaddy sono (stati) una delle realtà folk-pop-psichedeliche migliori a cavallo fra 90 e nuovo millennio: non hanno perso tempo in omaggi gratuiti al passato, ma hanno saputo costruire un intrico neoacido un po’ stranito, in cui la scrittura di Lyte ha spesso eccelso. Ci mancheranno.

Recensione tratta dal Mucchio 622 (maggio 2006)

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...