Just Like The Fambly Cat
V2/Edel

C’è sempre stata una patina di dolce amarezza nella musica dei Grandaddy, o almeno nelle loro opere maggiori, a cominciare da quell’inarrivabile capolavoro che è “Sophtware Slump”, capace di mettere assieme Syd Barrett con un romanticismo fuori dal tempo usando tecnologia vintage ad alto tasso poetico senza (quasi) mostrare mai la corda e incorniciando più di una canzone indimenticabile. Un’amarezza che ritorna in maniera più concreta in “Just Like The Fambly Cat”, arrivato dopo un ep pregevole come “Excerpts From The Diary Of Todd Zilla” e qualche altro disco non proprio ben focalizzato. Qui invece i brani mostrano un taglio lirico surreale e un incrocio fra elettrico, acustico e vintage azzeccato: dalla classica “Summer Its Gone” alla psichedelica “Rear View Mirror”, per passare attraverso specchi multicolori (“Skateboarding Saves Me Twice”), sogni ad occhi aperti (“Guide Down Denied”) e ironia cosmica (“Elevate Myself”). Verrebbe da scrivere che la band di Modesto (California) è davvero in ottima forma e ha trovato un nuovo equilibrio, che fa a meno di qualche barocchismo di troppo e punta all’essenziale, senza perdere una sostanza originale e trasognata.
Il quinto album – ecco l’amarezza – è però anche quello conclusivo per Jason Lytle e soci, consumati un po’ dall’interno e dalla mancanza di un riconoscimento commerciale davvero importante. Così finisce che le note in minore di “Campershell Dreams” e quelle spumeggianti di “Disconnecty” hanno, inevitabilmente, il sapore dell’ultima volta. Trovano, in altre parole, un valore aggiunto allo struggimento che già di per se stesse evocano. Non vorremmo però firmare un necrologio: in realtà il cd possiede una tale carica creativa da entrare, senza fallo, nei nostri ascolti dell’anno, per il momento. I Grandaddy sono (stati) una delle realtà folk-pop-psichedeliche migliori a cavallo fra 90 e nuovo millennio: non hanno perso tempo in omaggi gratuiti al passato, ma hanno saputo costruire un intrico neoacido un po’ stranito, in cui la scrittura di Lyte ha spesso eccelso. Ci mancheranno.

Recensione tratta dal Mucchio 622 (maggio 2006)

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...