Just Like The Fambly Cat
V2/Edel

C’è sempre stata una patina di dolce amarezza nella musica dei Grandaddy, o almeno nelle loro opere maggiori, a cominciare da quell’inarrivabile capolavoro che è “Sophtware Slump”, capace di mettere assieme Syd Barrett con un romanticismo fuori dal tempo usando tecnologia vintage ad alto tasso poetico senza (quasi) mostrare mai la corda e incorniciando più di una canzone indimenticabile. Un’amarezza che ritorna in maniera più concreta in “Just Like The Fambly Cat”, arrivato dopo un ep pregevole come “Excerpts From The Diary Of Todd Zilla” e qualche altro disco non proprio ben focalizzato. Qui invece i brani mostrano un taglio lirico surreale e un incrocio fra elettrico, acustico e vintage azzeccato: dalla classica “Summer Its Gone” alla psichedelica “Rear View Mirror”, per passare attraverso specchi multicolori (“Skateboarding Saves Me Twice”), sogni ad occhi aperti (“Guide Down Denied”) e ironia cosmica (“Elevate Myself”). Verrebbe da scrivere che la band di Modesto (California) è davvero in ottima forma e ha trovato un nuovo equilibrio, che fa a meno di qualche barocchismo di troppo e punta all’essenziale, senza perdere una sostanza originale e trasognata.
Il quinto album – ecco l’amarezza – è però anche quello conclusivo per Jason Lytle e soci, consumati un po’ dall’interno e dalla mancanza di un riconoscimento commerciale davvero importante. Così finisce che le note in minore di “Campershell Dreams” e quelle spumeggianti di “Disconnecty” hanno, inevitabilmente, il sapore dell’ultima volta. Trovano, in altre parole, un valore aggiunto allo struggimento che già di per se stesse evocano. Non vorremmo però firmare un necrologio: in realtà il cd possiede una tale carica creativa da entrare, senza fallo, nei nostri ascolti dell’anno, per il momento. I Grandaddy sono (stati) una delle realtà folk-pop-psichedeliche migliori a cavallo fra 90 e nuovo millennio: non hanno perso tempo in omaggi gratuiti al passato, ma hanno saputo costruire un intrico neoacido un po’ stranito, in cui la scrittura di Lyte ha spesso eccelso. Ci mancheranno.

Recensione tratta dal Mucchio 622 (maggio 2006)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...