d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

30th Century/Sony
8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End up again back home / Watch it and see / It’s playing here free / That is the way we won’t”. Che razza di modo di ripresentarsi a un pubblico che ha aspettato sei anni per rivederti insieme e altri cinque perché ti decidessi a incidere anche una sola nota! Dopo il loro abbandono alle scene del 2006, il culto intorno ai Grandaddy è cresciuto in maniera direttamente proporzionale alla loro indolenza.
Nell’accoglierli presso la sua etichetta, la 30th Century Records, Danger Mouse li ha elogiati come uno dei suoi gruppi preferiti di sempre, al lavoro su un materiale all’altezza della loro fama; per tutta risposta, Jason Lytle e i suoi se ne escono con Way We Won’t un biglietto da visita di electropop giocherellone i cui versi fanno trapelare tutta l’insofferenza per l’ansia da grande ritorno. Forse però è sbagliato leggere tutto in vista degli avvenimenti recenti: in fondo, l’universo lirico dei Grandaddy è sempre stato mosso dalla tensione tra un’attenta contemplazione dei paesaggi che li circondano e un’insopprimibile voglia di fuggire da quel posto, qualunque esso fosse. Last Place non fa eccezione, anzi, si tratta davvero di un lavoro all’altezza della fama dei californiani.

Esclusa la traccia già citata, il resto dell’album restituisce intatto lo spleen malinconico di chitarre e sintetizzatori che li rese famosi, quasi a un passo dal fenomeno di cassetta con The Sophtware Slump (1999). Una canzone come Lost Machine sa racchiudere in sé tutta la migliore poetica di Lytle, nostalgia per la natura e paranoie tecnofobiche, Neil Young e i Kraftwerk. Più che un disco della rinascita, questo è un disco fatto apposta per illuderci che il tempo non sia mai passato e per rivelarci come quelle formule suonino ancora dannatamente attuali…Anche se fossero tornati solamente per poter mettere l’ultima parola a un discorso ancora aperto, poco male. Valeva comunque la pena di aspettare.

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...