Ace Of Hearts
Ryko/Audioglobe

Accade tutto all’improvviso: un viaggio in Olanda, l’invito di una coppia di amici a trascorrere una serata in terrazza, una caduta, la paralisi alla spina dorsale e la vita di Rex Garfield che cambia nell’attimo di un secondo. In meglio. Perché da una diagnosi che non lascia speranze, la splendida cantante dei Green Pitch – francese di nascita, danese di adozione – trova la forza per andare oltre: decide che vuole comporre musica e, con l’aiuto del chitarrista Ste Rasch, costruisce una sala di registrazione personale dove incide un debutto (“The Outlet Pass”) che, ancora oggi, in patria considerano un piccolo capolavoro. Nulla, comunque, se confrontato alla magia di “Ace Of Hearts”, con le parti vocali (“Slow Down”) fragili e lucenti come un cristallo prezioso (e che, a tratti, ricordano qualcosa delle discografie di Björk e Mazzy Star) e i testi – ovviamente autobiografici – in grado di trasmettere, simultaneamente, un senso di desolato dolore e luminosa speranza: rimanere distaccati di fronte alle liriche di “Annie’s Vision” o di “In Amsterdam”(sorta di cronistoria degli eventi) è impresa impossibile; al pari impossibile non restare affascinati dalla fragorosa quiete che contraddistingue “Midnight” e “New Year Departure”, duetti onirici e appena pizzicati da un’elettronica minimalista che ne esalta addirittura il fascino, e “Haunted By The Moon”, con gli archi a sottolineare un doloroso passato che, è inevitabile, rimane sempre presente. Ma non lasciatevi commuovere dalle sue vicende personali – la Garfield della compassione non ha alcun bisogno – ma limitatevi ad accostare Ace Of Hearts alla beatitudine che, ad oltre quindici anni l’uno dall’altro, ancora trasmettono Until Death Comes di Frida Hyvonen e “Reading, Writing And Arithmetic” grazie al quale, nel 1990, si fecero conoscere i Sundays (“Unpredictable, Illogical” sembra quasi una loro cover) ovvero alla dolcezza sotto forma di bassa fedeltà di una qualsiasi opera di Sufjan Stevens. È il miglior regalo che potete fare: non a lei, a voi stessi.

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...