Ace Of Hearts
Ryko/Audioglobe

Accade tutto all’improvviso: un viaggio in Olanda, l’invito di una coppia di amici a trascorrere una serata in terrazza, una caduta, la paralisi alla spina dorsale e la vita di Rex Garfield che cambia nell’attimo di un secondo. In meglio. Perché da una diagnosi che non lascia speranze, la splendida cantante dei Green Pitch – francese di nascita, danese di adozione – trova la forza per andare oltre: decide che vuole comporre musica e, con l’aiuto del chitarrista Ste Rasch, costruisce una sala di registrazione personale dove incide un debutto (“The Outlet Pass”) che, ancora oggi, in patria considerano un piccolo capolavoro. Nulla, comunque, se confrontato alla magia di “Ace Of Hearts”, con le parti vocali (“Slow Down”) fragili e lucenti come un cristallo prezioso (e che, a tratti, ricordano qualcosa delle discografie di Björk e Mazzy Star) e i testi – ovviamente autobiografici – in grado di trasmettere, simultaneamente, un senso di desolato dolore e luminosa speranza: rimanere distaccati di fronte alle liriche di “Annie’s Vision” o di “In Amsterdam”(sorta di cronistoria degli eventi) è impresa impossibile; al pari impossibile non restare affascinati dalla fragorosa quiete che contraddistingue “Midnight” e “New Year Departure”, duetti onirici e appena pizzicati da un’elettronica minimalista che ne esalta addirittura il fascino, e “Haunted By The Moon”, con gli archi a sottolineare un doloroso passato che, è inevitabile, rimane sempre presente. Ma non lasciatevi commuovere dalle sue vicende personali – la Garfield della compassione non ha alcun bisogno – ma limitatevi ad accostare Ace Of Hearts alla beatitudine che, ad oltre quindici anni l’uno dall’altro, ancora trasmettono Until Death Comes di Frida Hyvonen e “Reading, Writing And Arithmetic” grazie al quale, nel 1990, si fecero conoscere i Sundays (“Unpredictable, Illogical” sembra quasi una loro cover) ovvero alla dolcezza sotto forma di bassa fedeltà di una qualsiasi opera di Sufjan Stevens. È il miglior regalo che potete fare: non a lei, a voi stessi.

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...