LE DÉSERTEUR
Macaco/Audioglobe

D’istinto non ci viene spontaneo considerare i Grimoon come un gruppo italiano, sebbene lo siano. Un po’ perché trattasi di un progetto multimediale con pochi eguali anche a livello internazionale, ché a ogni loro canzone corrisponde un video
autoprodotto; un po’ perché cantano soprattutto in francese (e dalla Francia viene la cantante Solenn Le Marchand); infine perché la loro proposta, impermeabile alle mode, non è semplice da inquadrare. Discorso, quest’ultimo, che con “Le déserteur” diviene centrale, perché rispetto al passato ora il sestetto veneto si muove su territori ancora più personali e sfuggenti, meno pop e più cupi. Prodotto da Pall Jenkins dei Black Heart Procession e registrato tra San Diego e Preganzol (TV) con l’aiuto di amici come Giovanni Ferrario, Enrico Gabrielli e Scott “Manuok” Mercado, il disco è come sempre giocato sull’intreccio tra strumentazione acustica e tastiere, ma stavolta il respiro degli arrangiamenti è più ampio, le percussioni giocano un ruolo minore e i synth, oltre ad avere un nettissimo sapore “kosmisch”, sovente rappresentano l’unico spiraglio di luce in paesaggi sonori neri come la pece (e, in alcuni casi, pure minacciosi). Non è dunque un album facile, anche perché, avendo come tema centrale la guerra, non poteva esserlo; sulla sua qualità e sul fascino che emana, però, non ci son dubbi fin dal primo ascolto.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...