GRINDERMAN 2
Mute/Self

Comincia con l’ululato originario di Mickey Mouse And The Goodbye Man, il nuovo Grinderman, il volto più selvaggio e indomito di Nick Cave. Stanco della vita d’ufficio (così diceva nel 2007 all’uscita di Grinderman), l’artista australiano aveva ripreso le so norità più garage punk, coniugando Birth day Party e incendi adolescenziali. Addirittura, in alcune interviste aveva di nuo vo maltrattato i colleghi, “troppo intorpiditi per capire che il r’n’r è una questione di sesso, di richiamo della foresta, e che per averlo dalla propria parte bisogna ridiventare animali e predatori (sic)”.
Così, Grinderman 2 non smette di girovagare sul versante meno rassicurante del genere: chitarre distorte, urlanti, una voce spesso febbricitante (Worm Tamer) e una capacità di non portare in primo piano, appunto, il richiamo della foresta. Ora, chiunque altro potrebbe risultare, se non poco plausibile, almeno stucchevole, su un versante di questo tipo: in particolare, un personaggio che ha alle spalle diversi libri con ambizioni letterarie, colonne sonore di tutto rispetto (ultima quella di The Road, cofirmata con Warren Ellis) e una notevole autostima di sé come uomo di pensiero. Invece, il Nostro può dichiarare di fregarsene delle convenzioni e irridere il quieto vivere borghese (Heathen Child) o cantare l’amore nei suoi aspetti inquietanti suscitando ben più di un’emozione.
Misteri dell’alchimia sonica, che si inerpica fra gli accenti di When My Baby Comes, She Comes, nella dolce rozzezza di What I Know, nell’hard blues di Evil e nelle scosse di Bellringer Blues. Aggiungete un gioiello pop come Palaces Of Montezuma, stonesiano fino al midollo, e avrete un disco difficile da trovare, oggi, firmato da qualcun altro, almeno con la stessa credibilità. Difetti? Solo uno: non avere nessuna preoccupazione di quello che noi, poveri scribacchini, potremo riuscire a capire di tutto questo, senza dargli dello scontato o del rétro. Un difetto molto relativo.

tratto dal Muchhio n°674

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...