5a266580
Grouper

Ruins

Kranky/Goodfellas
8.5

La prima cosa che hai voglia di fare quando ascolti Ruins è trasferirti in un posto di mare aspro e scosceso, occupare una casa senza mobili e stenderti sul pavimento con le migliori cuffie che hai, aspettando il buio. Sola, com’era sola Liz Harris tre anni fa nella città di Aljezur, nel bel mezzo di una fine sentimentale. Grouper ti ha sempre spinta a stare in posizione fetale, ma non con questa delicatezza, e questa precisione. E il suo lavoro è sempre stato intimo, narcotico e seduttivo, ma non con toni di affermazione: questo perché dopo bellissimi dischi in cui la musicista è stata attenta a non dire, a furia di droni e parole intellegibili, ora racconta, sempre a voce bassa ma finalmente dice, e spiega perché ciò che è stato non può essere disfatto.

Incidere otto tracce e tenerle nascoste per anni significa avere molto rispetto e molto odio per chi le ha ispirate. Chiunque sia questo ectoplasma che si muove nelle stanze fredde e spoglie di Ruins andrebbe ringraziato, perché in un perverso esercizio di maieutica ha costretto Liz Harris a tirare fuori i versi bellissimi di Holding, una departing song che nel suo dolce “I see you sort of fading” racchiude anche il modo in cui ci rapportiamo al mondo al di là della vetrata, fatto di rovine che stanno bene su Tumblr e pornografia della distruzione. Ma sotto i filtri che Grouper questa volta non usa, c’è solo una lievitazione struggente, dove Made Of Air messa in chiusura è come un invito a entrare nel tunnel destinato ai malati terminali, quei cinque minuti di buio e luce fatti di riverberi e istantanee sbiadite in prossimità di una morte che potrai anche vincere, ma che ti lascerà privo di una certa memoria. C’è chi si annoierà a morte ascoltando Ruins. Per altri, sarà solo l’apice di un’artista che ha trasformato la solitudine in una costellazione. Fatta d’aria, fatta di metallo, Grouper se ne va con il suono della pioggia mentre tu, stesa a terra, non sai più se è dentro o fuori questa cosa che sta succedendo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...