5a266580
Grouper

Ruins

Kranky/Goodfellas
8.5

La prima cosa che hai voglia di fare quando ascolti Ruins è trasferirti in un posto di mare aspro e scosceso, occupare una casa senza mobili e stenderti sul pavimento con le migliori cuffie che hai, aspettando il buio. Sola, com’era sola Liz Harris tre anni fa nella città di Aljezur, nel bel mezzo di una fine sentimentale. Grouper ti ha sempre spinta a stare in posizione fetale, ma non con questa delicatezza, e questa precisione. E il suo lavoro è sempre stato intimo, narcotico e seduttivo, ma non con toni di affermazione: questo perché dopo bellissimi dischi in cui la musicista è stata attenta a non dire, a furia di droni e parole intellegibili, ora racconta, sempre a voce bassa ma finalmente dice, e spiega perché ciò che è stato non può essere disfatto.

Incidere otto tracce e tenerle nascoste per anni significa avere molto rispetto e molto odio per chi le ha ispirate. Chiunque sia questo ectoplasma che si muove nelle stanze fredde e spoglie di Ruins andrebbe ringraziato, perché in un perverso esercizio di maieutica ha costretto Liz Harris a tirare fuori i versi bellissimi di Holding, una departing song che nel suo dolce “I see you sort of fading” racchiude anche il modo in cui ci rapportiamo al mondo al di là della vetrata, fatto di rovine che stanno bene su Tumblr e pornografia della distruzione. Ma sotto i filtri che Grouper questa volta non usa, c’è solo una lievitazione struggente, dove Made Of Air messa in chiusura è come un invito a entrare nel tunnel destinato ai malati terminali, quei cinque minuti di buio e luce fatti di riverberi e istantanee sbiadite in prossimità di una morte che potrai anche vincere, ma che ti lascerà privo di una certa memoria. C’è chi si annoierà a morte ascoltando Ruins. Per altri, sarà solo l’apice di un’artista che ha trasformato la solitudine in una costellazione. Fatta d’aria, fatta di metallo, Grouper se ne va con il suono della pioggia mentre tu, stesa a terra, non sai più se è dentro o fuori questa cosa che sta succedendo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...