5a266580
Grouper

Ruins

Kranky/Goodfellas
8.5

La prima cosa che hai voglia di fare quando ascolti Ruins è trasferirti in un posto di mare aspro e scosceso, occupare una casa senza mobili e stenderti sul pavimento con le migliori cuffie che hai, aspettando il buio. Sola, com’era sola Liz Harris tre anni fa nella città di Aljezur, nel bel mezzo di una fine sentimentale. Grouper ti ha sempre spinta a stare in posizione fetale, ma non con questa delicatezza, e questa precisione. E il suo lavoro è sempre stato intimo, narcotico e seduttivo, ma non con toni di affermazione: questo perché dopo bellissimi dischi in cui la musicista è stata attenta a non dire, a furia di droni e parole intellegibili, ora racconta, sempre a voce bassa ma finalmente dice, e spiega perché ciò che è stato non può essere disfatto.

Incidere otto tracce e tenerle nascoste per anni significa avere molto rispetto e molto odio per chi le ha ispirate. Chiunque sia questo ectoplasma che si muove nelle stanze fredde e spoglie di Ruins andrebbe ringraziato, perché in un perverso esercizio di maieutica ha costretto Liz Harris a tirare fuori i versi bellissimi di Holding, una departing song che nel suo dolce “I see you sort of fading” racchiude anche il modo in cui ci rapportiamo al mondo al di là della vetrata, fatto di rovine che stanno bene su Tumblr e pornografia della distruzione. Ma sotto i filtri che Grouper questa volta non usa, c’è solo una lievitazione struggente, dove Made Of Air messa in chiusura è come un invito a entrare nel tunnel destinato ai malati terminali, quei cinque minuti di buio e luce fatti di riverberi e istantanee sbiadite in prossimità di una morte che potrai anche vincere, ma che ti lascerà privo di una certa memoria. C’è chi si annoierà a morte ascoltando Ruins. Per altri, sarà solo l’apice di un’artista che ha trasformato la solitudine in una costellazione. Fatta d’aria, fatta di metallo, Grouper se ne va con il suono della pioggia mentre tu, stesa a terra, non sai più se è dentro o fuori questa cosa che sta succedendo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...