haim
Haim

Days Are Gone

Polydor/Universal
7

Una canzone pop, fosse anche piena di insulina, non ha mai ucciso nessuno. I Fleetwood Mac non hanno mai ucciso nessuno. E no, neanche Whitney Houston ha mai ucciso nessuno. E così si suppone che neanche queste tre sorelle Haim da Los Angeles ammazzeranno qualcuno, con buona pace dei detrattori che vogliono farne seguaci degli Hanson senza apparizione al Festivalbar. Chiamate sul main stage di Glastonbury 2013 da Bobby Gillespie per fare da coriste ai Primal Scream, momento topico che ai presenti ha fatto immaginare di tutto (marchetta per l’etichetta, favori sessuali nel backstage, invasione degli alieni), le tre sorelle si sono difese come potevano, dimostrando di non essere le ultime arrivate. Dopo un anno e mezzo in cui hanno riempito ogni camerino e playlist fichetta possibile, il loro disco di esordio è esattamente quello che ci aspetta: una sfilza di brani radiofonici che condensa l’R&B della prima Whitney Houston e il pop eccentrico di Stevie Nicks, ma anche i teneri sentimenti di Paul Simon. Va dato atto alla band che nella paccottiglia di revival e incroci mutanti partoriti dalle case discografiche, il loro è quantomeno un tentativo “originale”: fino adesso, l’accoppiata country-rock e hip-hop-R’n’B non era proprio gettonatissima. Il rischio di scivolare nell’abisso delle varie Shania Twain va sempre tenuto presente (The Wire per un attimo fa tremare), ma la title track e My Song 5, in cui si sporcano un po’,  fanno capire che le Haim sono più vicine a colleghi capaci come How To Dress Well, quantomeno nelle spirito e nelle intenzioni, rispetto ai sopravvalutatissimi AlunaGeorge. Tutti si dichiarano devoti alle En Vogue, ma le Haim le hanno digerite meglio, e un pezzo come If I Could Change Your Mind non esce a tutti (alcuni diranno per fortuna, ma ci si fa ginnastica che è un piacere). Ci vuole una certa ingenuità per fare un disco come Days Are Gone, e forse è questo a renderlo così innocuo e piacevole. In sintesi: plasticoso e indulgente? Forse. Divertente? Un bel po’. Destinato a diventare il disco preferito di Lena Dunham dopo quello di Taylor Swift? Beh, questa non è neanche una domanda.

 

 

 

 

 

 

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...