haim
Haim

Days Are Gone

Polydor/Universal
7

Una canzone pop, fosse anche piena di insulina, non ha mai ucciso nessuno. I Fleetwood Mac non hanno mai ucciso nessuno. E no, neanche Whitney Houston ha mai ucciso nessuno. E così si suppone che neanche queste tre sorelle Haim da Los Angeles ammazzeranno qualcuno, con buona pace dei detrattori che vogliono farne seguaci degli Hanson senza apparizione al Festivalbar. Chiamate sul main stage di Glastonbury 2013 da Bobby Gillespie per fare da coriste ai Primal Scream, momento topico che ai presenti ha fatto immaginare di tutto (marchetta per l’etichetta, favori sessuali nel backstage, invasione degli alieni), le tre sorelle si sono difese come potevano, dimostrando di non essere le ultime arrivate. Dopo un anno e mezzo in cui hanno riempito ogni camerino e playlist fichetta possibile, il loro disco di esordio è esattamente quello che ci aspetta: una sfilza di brani radiofonici che condensa l’R&B della prima Whitney Houston e il pop eccentrico di Stevie Nicks, ma anche i teneri sentimenti di Paul Simon. Va dato atto alla band che nella paccottiglia di revival e incroci mutanti partoriti dalle case discografiche, il loro è quantomeno un tentativo “originale”: fino adesso, l’accoppiata country-rock e hip-hop-R’n’B non era proprio gettonatissima. Il rischio di scivolare nell’abisso delle varie Shania Twain va sempre tenuto presente (The Wire per un attimo fa tremare), ma la title track e My Song 5, in cui si sporcano un po’,  fanno capire che le Haim sono più vicine a colleghi capaci come How To Dress Well, quantomeno nelle spirito e nelle intenzioni, rispetto ai sopravvalutatissimi AlunaGeorge. Tutti si dichiarano devoti alle En Vogue, ma le Haim le hanno digerite meglio, e un pezzo come If I Could Change Your Mind non esce a tutti (alcuni diranno per fortuna, ma ci si fa ginnastica che è un piacere). Ci vuole una certa ingenuità per fare un disco come Days Are Gone, e forse è questo a renderlo così innocuo e piacevole. In sintesi: plasticoso e indulgente? Forse. Divertente? Un bel po’. Destinato a diventare il disco preferito di Lena Dunham dopo quello di Taylor Swift? Beh, questa non è neanche una domanda.

 

 

 

 

 

 

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...