haim
Haim

Days Are Gone

Polydor/Universal
7

Una canzone pop, fosse anche piena di insulina, non ha mai ucciso nessuno. I Fleetwood Mac non hanno mai ucciso nessuno. E no, neanche Whitney Houston ha mai ucciso nessuno. E così si suppone che neanche queste tre sorelle Haim da Los Angeles ammazzeranno qualcuno, con buona pace dei detrattori che vogliono farne seguaci degli Hanson senza apparizione al Festivalbar. Chiamate sul main stage di Glastonbury 2013 da Bobby Gillespie per fare da coriste ai Primal Scream, momento topico che ai presenti ha fatto immaginare di tutto (marchetta per l’etichetta, favori sessuali nel backstage, invasione degli alieni), le tre sorelle si sono difese come potevano, dimostrando di non essere le ultime arrivate. Dopo un anno e mezzo in cui hanno riempito ogni camerino e playlist fichetta possibile, il loro disco di esordio è esattamente quello che ci aspetta: una sfilza di brani radiofonici che condensa l’R&B della prima Whitney Houston e il pop eccentrico di Stevie Nicks, ma anche i teneri sentimenti di Paul Simon. Va dato atto alla band che nella paccottiglia di revival e incroci mutanti partoriti dalle case discografiche, il loro è quantomeno un tentativo “originale”: fino adesso, l’accoppiata country-rock e hip-hop-R’n’B non era proprio gettonatissima. Il rischio di scivolare nell’abisso delle varie Shania Twain va sempre tenuto presente (The Wire per un attimo fa tremare), ma la title track e My Song 5, in cui si sporcano un po’,  fanno capire che le Haim sono più vicine a colleghi capaci come How To Dress Well, quantomeno nelle spirito e nelle intenzioni, rispetto ai sopravvalutatissimi AlunaGeorge. Tutti si dichiarano devoti alle En Vogue, ma le Haim le hanno digerite meglio, e un pezzo come If I Could Change Your Mind non esce a tutti (alcuni diranno per fortuna, ma ci si fa ginnastica che è un piacere). Ci vuole una certa ingenuità per fare un disco come Days Are Gone, e forse è questo a renderlo così innocuo e piacevole. In sintesi: plasticoso e indulgente? Forse. Divertente? Un bel po’. Destinato a diventare il disco preferito di Lena Dunham dopo quello di Taylor Swift? Beh, questa non è neanche una domanda.

 

 

 

 

 

 

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...