IN A DARK TONGUE
Neurot/Goodfellas

Non è un mistero che la creatività di Steve Von Till sia seconda soltanto all’austera intensità dei suoi lavori. Non bastassero le produzioni alla guida dei Neurosis e della loro controparte sperimentale Tribes Of Neurot e i dischi da solista, già da qualche anno lo statunitense ha dato vita a una nuova avventura, recante la ragione sociale di Harvestman. Una denominazione che – come già testimoniato da Lashing The Rye (2005) – è sinonimo di un percorso verso il cuore del folk anglosassone e, insieme, di un’esplorazione dei confini del rock più spaziale. In tal senso, In A Dark Tongue è ancor più del predecessore un disco tra cielo e terra, sospeso a metà tra l’uno e l’altra perché attratto con forza uguale e opposta da entrambi; arioso persino nei momenti più claustrofobici (e viceversa), rumoroso e minaccioso e al contempo quieto e pacificato.
Armato di chitarre e tastiere e affiancato da sodali di tutto rispetto quali Al Cisneros (Sleep, Om) e Alex Hall (Grails), Von Till fa scontrare sonorità acustiche e saturazioni quasi parossistiche, crea bordoni e ripete circolarmente i fraseggi fino a raggiungere un effetto ipnotico, aggiunge strati su strati di distorsioni e li sciacqua via con bordate di effetti e sintetizzatori vintage. E, soprattutto, lascia a ogni composizione tutto il tempo necessario perché respiri e si espanda a dovere: anche più di dieci minuti, come in The Hawk Of Achill e By Wind And Sun. Quest’ultima, poi, è l’unica traccia in cui fa capolino la voce; che, rabbiosa e dolorosa nei suoi toni ritualistici, viene prima lentamente scomposta in mille frammenti di rumore sintetico e quindi ricostruita come un puzzle. Bozzetti bucolico-ambientali, pesantezze filo-sabbathiane, corrieri cosmici e melodie ancestrali: ecco i pilastri su cui poggia un album che, sì, parla in una lingua oscura, aliena e primordiale insieme; un antico rito pagano catapultato verso le galassie più remote. Roba da far morire d’invidia l’arcidruido Julian Cope.

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...