IN A DARK TONGUE
Neurot/Goodfellas

Non è un mistero che la creatività di Steve Von Till sia seconda soltanto all’austera intensità dei suoi lavori. Non bastassero le produzioni alla guida dei Neurosis e della loro controparte sperimentale Tribes Of Neurot e i dischi da solista, già da qualche anno lo statunitense ha dato vita a una nuova avventura, recante la ragione sociale di Harvestman. Una denominazione che – come già testimoniato da Lashing The Rye (2005) – è sinonimo di un percorso verso il cuore del folk anglosassone e, insieme, di un’esplorazione dei confini del rock più spaziale. In tal senso, In A Dark Tongue è ancor più del predecessore un disco tra cielo e terra, sospeso a metà tra l’uno e l’altra perché attratto con forza uguale e opposta da entrambi; arioso persino nei momenti più claustrofobici (e viceversa), rumoroso e minaccioso e al contempo quieto e pacificato.
Armato di chitarre e tastiere e affiancato da sodali di tutto rispetto quali Al Cisneros (Sleep, Om) e Alex Hall (Grails), Von Till fa scontrare sonorità acustiche e saturazioni quasi parossistiche, crea bordoni e ripete circolarmente i fraseggi fino a raggiungere un effetto ipnotico, aggiunge strati su strati di distorsioni e li sciacqua via con bordate di effetti e sintetizzatori vintage. E, soprattutto, lascia a ogni composizione tutto il tempo necessario perché respiri e si espanda a dovere: anche più di dieci minuti, come in The Hawk Of Achill e By Wind And Sun. Quest’ultima, poi, è l’unica traccia in cui fa capolino la voce; che, rabbiosa e dolorosa nei suoi toni ritualistici, viene prima lentamente scomposta in mille frammenti di rumore sintetico e quindi ricostruita come un puzzle. Bozzetti bucolico-ambientali, pesantezze filo-sabbathiane, corrieri cosmici e melodie ancestrali: ecco i pilastri su cui poggia un album che, sì, parla in una lingua oscura, aliena e primordiale insieme; un antico rito pagano catapultato verso le galassie più remote. Roba da far morire d’invidia l’arcidruido Julian Cope.

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...