IN A DARK TONGUE
Neurot/Goodfellas

Non è un mistero che la creatività di Steve Von Till sia seconda soltanto all’austera intensità dei suoi lavori. Non bastassero le produzioni alla guida dei Neurosis e della loro controparte sperimentale Tribes Of Neurot e i dischi da solista, già da qualche anno lo statunitense ha dato vita a una nuova avventura, recante la ragione sociale di Harvestman. Una denominazione che – come già testimoniato da Lashing The Rye (2005) – è sinonimo di un percorso verso il cuore del folk anglosassone e, insieme, di un’esplorazione dei confini del rock più spaziale. In tal senso, In A Dark Tongue è ancor più del predecessore un disco tra cielo e terra, sospeso a metà tra l’uno e l’altra perché attratto con forza uguale e opposta da entrambi; arioso persino nei momenti più claustrofobici (e viceversa), rumoroso e minaccioso e al contempo quieto e pacificato.
Armato di chitarre e tastiere e affiancato da sodali di tutto rispetto quali Al Cisneros (Sleep, Om) e Alex Hall (Grails), Von Till fa scontrare sonorità acustiche e saturazioni quasi parossistiche, crea bordoni e ripete circolarmente i fraseggi fino a raggiungere un effetto ipnotico, aggiunge strati su strati di distorsioni e li sciacqua via con bordate di effetti e sintetizzatori vintage. E, soprattutto, lascia a ogni composizione tutto il tempo necessario perché respiri e si espanda a dovere: anche più di dieci minuti, come in The Hawk Of Achill e By Wind And Sun. Quest’ultima, poi, è l’unica traccia in cui fa capolino la voce; che, rabbiosa e dolorosa nei suoi toni ritualistici, viene prima lentamente scomposta in mille frammenti di rumore sintetico e quindi ricostruita come un puzzle. Bozzetti bucolico-ambientali, pesantezze filo-sabbathiane, corrieri cosmici e melodie ancestrali: ecco i pilastri su cui poggia un album che, sì, parla in una lingua oscura, aliena e primordiale insieme; un antico rito pagano catapultato verso le galassie più remote. Roba da far morire d’invidia l’arcidruido Julian Cope.

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....