PIGEONS
Secretly Canadian/Goodfellas

Che, musicalmente parlando, la New York del primo decennio degli anni Zero passerà alla storia per aver dato origine a formazioni che si contraddistinguono per un pop tanto soave quanto ricercato, è circostanza che nessuno può confutare. L’esempio più significativo è, certamente, rappresentato dai Vampire Weekend, che sono riusciti nella tutt’altro che agevole impresa di coniugare al presente l’Africa, i Talking Heads e quel capolavoro di Graceland. Della stessa scuola fanno parte gli Here We Go Magic, quintetto di Brooklyn – come i Grizzly Bear… – che con Pigeons bissa il successo dell’omonimo debutto del 2009. Sono ritmi accattivanti, colorati, di una vivacità contagiosa quelli che ci accolgono su Hibernation, canzone che non fa nulla per nascondere l’infatuazione per la prima new wave anni 80 come pure per i Police, con le chitarre e le percussioni che si inseguono in un crescendo modulato da intermezzi vocali dal fascino antico e al contempo attualissimo. Nulla, se confrontato con l’arcobaleno di Collector, cinque minuti perfetti in cui il quintetto crea un groove semplicemente eccezionale all’interno del quale c’è posto per suoni brasiliani,
atmosfere inglesi, ritmi nordamericani talmente intensi che potrebbero, sin d’ora, farlo diventare uno dei brani del 2010. Di Pigeons, tuttavia, colpiscono anche le composizioni meno immediate (e sono la maggior parte), le cui sfumature si notano solamente all’esito di una serie di ascolti che richiedono concentrazione massima: è il caso di Casual e Bottom Feeder, ballate elettroacustiche in controtempo da far stropicciare gli occhi, della marziale Surprise, tutta giocata sulle percussioni, di Moon, che sporcata di elettronica parte sottovoce per terminare urlando, di F.F.A.P., moviolistico esempio di pop contemporaneo, e di tutti gli altri brani che contribuiscono a rendere sempre meno marcati confini che fino all’altro ieri sembravano invalicabili. Un’opera ai limiti dell’eccellenza.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...