TERMINAL
Hjaltalín/Goodfellas

Gli Hjaltalín si devono essere montati la testa dopo tutte le belle parole spese per il loro album d’esordio, Sleepdrunk Seasons, uscito tre anni fa nellasola Islanda e nel 2009 nel resto del mondo. Tuttavia, se montarsi la testa è il più delle volte una disgrazia (e pure di quelle grosse), è stata evidentemente la miglior cosa che potesse accadere al gruppo di Reykjavik. Il motivo? Il pensare in grande che sembra essere all’origine della loro musica e la debordante espressività orchestrale delle loro canzoni sono finalmente esplosi in tutta la loro vitalità in questo nuovo lavoro, evitando il rischio di cedere a più miti consigli indie-oriented.
Terminal è una specie di musical di Broadway che ricorre a mezzi hollywoodiani, sempre a un passo dal scivolare nel kitsch ma capace di contenere i propri eccessi, con una scrittura orchestrale accomunabile all’irruenza degli Arcade Fire ma anche al soul psichedelico degli Spiritualized. E con un debole per la dimensione più classica del pop che lo avvicina, facendo paragoni con il recentissimo passato, a un disco come God Help The Girl. A quelle atmosfere e quel bisogno di riportare al presente certi suoni ci conduce la bella voce femminile di Sigga Thorlacious in Feel Like Sugar, mentre la sua controparte Högni Egilsson – sorta di David Thomas che ha educato e potenziato la propria voce nutrendola a soul classico -rende memorabili brani come Suitcase Man (ovvero Maurice Jarreche incontra i Broken Social Scene passando per i Caraibi), la più crepuscolare Song From Incidental Music, l’inaspettatamente discosoul Water Poured Into Wine. Le due voci sigillano Montabone, uno score di grande impatto che cresce poco alla volta, ma è un altro duetto – in Vanity Music, che chiude il disco – a lasciare a bocca aperta: immaginate Antony catapultato nei titoli di coda de Il Mago di Oz. Detta così sembra roba pesante o troppo condita e invece vola altissima, come la gran parte di questo sorprendente album.

tratto dal Mucchio n°674

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...