TERMINAL
Hjaltalín/Goodfellas

Gli Hjaltalín si devono essere montati la testa dopo tutte le belle parole spese per il loro album d’esordio, Sleepdrunk Seasons, uscito tre anni fa nellasola Islanda e nel 2009 nel resto del mondo. Tuttavia, se montarsi la testa è il più delle volte una disgrazia (e pure di quelle grosse), è stata evidentemente la miglior cosa che potesse accadere al gruppo di Reykjavik. Il motivo? Il pensare in grande che sembra essere all’origine della loro musica e la debordante espressività orchestrale delle loro canzoni sono finalmente esplosi in tutta la loro vitalità in questo nuovo lavoro, evitando il rischio di cedere a più miti consigli indie-oriented.
Terminal è una specie di musical di Broadway che ricorre a mezzi hollywoodiani, sempre a un passo dal scivolare nel kitsch ma capace di contenere i propri eccessi, con una scrittura orchestrale accomunabile all’irruenza degli Arcade Fire ma anche al soul psichedelico degli Spiritualized. E con un debole per la dimensione più classica del pop che lo avvicina, facendo paragoni con il recentissimo passato, a un disco come God Help The Girl. A quelle atmosfere e quel bisogno di riportare al presente certi suoni ci conduce la bella voce femminile di Sigga Thorlacious in Feel Like Sugar, mentre la sua controparte Högni Egilsson – sorta di David Thomas che ha educato e potenziato la propria voce nutrendola a soul classico -rende memorabili brani come Suitcase Man (ovvero Maurice Jarreche incontra i Broken Social Scene passando per i Caraibi), la più crepuscolare Song From Incidental Music, l’inaspettatamente discosoul Water Poured Into Wine. Le due voci sigillano Montabone, uno score di grande impatto che cresce poco alla volta, ma è un altro duetto – in Vanity Music, che chiude il disco – a lasciare a bocca aperta: immaginate Antony catapultato nei titoli di coda de Il Mago di Oz. Detta così sembra roba pesante o troppo condita e invece vola altissima, come la gran parte di questo sorprendente album.

tratto dal Mucchio n°674

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....