HUMAN DON’T BE ANGRY
Chemikal Underground/Audioglobe

Dietro la ragione sociale Human Don’t Be Angry si nasconde una vecchia conoscenza come Malcolm Middleton, che ha deciso di mettere almeno per ora da parte il taglio cantautoriale che ne ha caratterizzato la carriera in proprio (prima e soprattutto dopo lo scioglimento degli Arab Strap) in favore di un’esperienza che gli permettesse di tornare a dedicarsi a ciò che lo diverte di più, ovvero “suonare la chitarra e scrivere melodie”. È quindi questo un disco in larga parte strumentale, giocato su paesaggi sonici dilatati e su una forte compenetrazione tra elemento umano ed elettronica (tastiere, drum-machine), con la voce a fare capolino solo in tre titoli su nove. Guarda caso, però, due di essi (“Monologue: River” e “Asklipiio”) sono tra i momenti migliori del lotto, insieme alle evocative “After The Pleasuredome” e “Getting Better (At Feeling Like Shit)”: e, altra coincidenza solo apparente, sono in assoluto gli episodi in cui la componente sintetica è meno presente, ché dove le macchine giocano un ruolo preponderante i risultati oscillano tra l’irrisolto e l’irrimediabilmente datato (pur non mancando di qualche felice intuizione, tipo “The Missing Plutonium”), e abbassano il giudizio complessivo su un’opera che regala al tempo stesso conferme sul talento del rosso scozzese ma anche qualche incertezza sul suo futuro artistico.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...