Ci sono vari spunti con cui potremmo iniziare questa recensione, dalla recente intenzione del presidente americano Obama di porre fine all’embargo contro Cuba a un’ampia riflessione sui figli d’arte, perché non è giusto che in Italia abbiamo Francesco Facchinetti e nel resto del mondo vantano Taylor McFerrin o, appunto, le Ibeyi. Lisa-Kaindé e Naomi Diaz sono infatti figlie del percussionista cu-bano Anga Diaz, membro del Buena Vista Social Club, scomparso anzitempo nel 2006 durante un tour: c’è da immaginare che in casa Diaz la musica non sia mai mancata, così le gemelle (è questa la traduzione del termine “ibeyi” in linga yoruba) hanno potuto abbeverarsi alla ricca tradizione isolana. Quest’esordio cerca però di spostare oltre le potenzialità del duo, ibridando suoni del passato (lo splendido coro africano in Ghosts, per dirne uno) con un’attitudine contemporanea che le avvicina a tanti colleghi della black music, magari non alla visionarietà di FKA twigs, ma certamente al delicato equilibrio di Frank Ocean e Asa.

Se però volessimo trovare un paragone calzante le Ibeyi, nelle dodici tracce dell’album, suonano come una jam session tra le CocoRosie (pure loro sorelle) e la jazzista Esperanza Spalding: di quest’ultima hanno la stessa predisposizione a rileggere e ibridare le musiche degli avi, mentre delle due Cassady ricordano il gusto anarchico e la passione per abbinamenti inediti e sorprendenti. Ma, come ogni paragone, questo non rende piena giustizia alle Ibeyi: nonostante le influenze e le importanti parentele, il disco è un autentico gioiello, essenziale ma splendente e personale, a partire dal singolo Rivers (una vera delizia) fino all’ultima canzone, quella Singles che si regge quasi esclusivamente sulle due voci. Nel mezzo si alternano delicatezze acustiche (Mama Says) e momenti più massicci (una Think Of You costruita interamente sulla reiterazione delle percussioni), tutti frutti di un’estetica che si muove sempre in bilico tra coppie dialettiche (tradizione e modernità, Cuba e l’Africa).

Commenti

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...