POST ELECTRIC BLUES
Idlewild

Magari è vero che in futuro non esisteranno più etichette discografiche propriamente dette, ma le band di certo non smetteranno di fare dischi. Il problema – che esiste – non va certo affrontato in un piccolo spazio come questo, ma la via che anche gli Idlewild hanno deciso di seguire dopo, tra gli altri, i Radiohead sembra percorribile con un certo successo. Post Electric Blues, infatti, è un’autoproduzione d’autore disponibile da aprile in Internet per gli iscritti al fan club e a settembre per tutti in maniera tradizionale. Il settimo album degli scozzesi propone la miscela che gli ha garantito di guadagnarsi un posto di rilievo nella scena del pop britannico di quest’ultimo decennio grazie alla doppietta 100 Broken Window e The Remote Part – indie rock tirato con venature pop à la Smiths e un pizzico di emo “giusto” molto anni 90 – ma fatto meglio rispetto alle ultime prove leggermente fuori fuoco come Warning/Promises e Make Another World. Grande inizio – nervoso, elettrico, post blues – col trittico Younger Than America, Reader And Writers e City Hall e una costante tensione espressiva che rende il disco ben più di un lavoro di comodo di una band che ormai pare consolidata in una nicchia ben precisa e che potrebbe vivacchiare con la sua fanbase.

Ultime recensioni Musica
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...