Elegies To Lessons Learnt
Beggars Banquet/Self

Non è certo grazie alla irritante grafia del nome che gli iLIKETRAINS si rivelano un gruppo fuori dalla media. Già di più, semmai, lo suggerisce la loro pagina MySpace, dove come unica influenza hanno indicato la storia. Perché proprio qui sta il punto: non nascondono il proprio côté intellettuale i cinque di Leeds, ma quasi lo sbattono in faccia all’ascoltatore. Il che, in tempi in cui il modello di riferimento sembra essere la quotidianità degli Arctic Monkeys, ci pare un segnale davvero forte di personalità e spavalderia. A ribadirlo, un album di esordio che è un concept sul ripetersi della storia e sull’incapacità dell’uomo di imparare dai propri errori. Non esattamente una tematica allegra, come del resto non lo è per niente la musica del gruppo che, riprendendo il discorso iniziato lo scorso anno con il fortunato ep “Progress Reform”, fa propria l’epicità oscura di Scott Walker, Joy Division (via Interpol), Echo And The Bunnymen, Nick Cave e Angels Of Light – e ci piace pensare anche delle pagine più fosche dei Walkabouts – e la deforma attraverso un gusto per crescendo e orchestrazioni più vicino a quello di Mogwai, Godspeed You! Black Emperor e Sigur Rós. Il tutto reso ancora più enfatico da un’esasperazione quasi parossistica di pathos e intensità. Non è quindi un disco facile “Elegies To Lessons Learnt”; anzi, per molti versi è monolitico nella sua ricerca dei luoghi più oscuri, tanto in musica quanto nei testi (tra gli argomenti affrontati: l’incendio di Londra del 1666, la guerra fredda, suicidi vari, sconfitte militari, le streghe di Salem, la peste bubbonica e, nel lungo brano omonimo, l’uccisione del primo ministro inglese Spencer Perceval). Nella sua morbosità, non manca di fascino; fascino che tuttavia si basa su un delicato gioco di equilibri, perché basta veramente un niente per saltare la barricata e finire nel grottesco – come avviene in “Death Is The End”, con il cantante Dave Martin a declamare stentoreo di carne in decomposizione e affini. Ma, parafrasando un proverbio, è anche esagerando che si impara.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...