Elegies To Lessons Learnt
Beggars Banquet/Self

Non è certo grazie alla irritante grafia del nome che gli iLIKETRAINS si rivelano un gruppo fuori dalla media. Già di più, semmai, lo suggerisce la loro pagina MySpace, dove come unica influenza hanno indicato la storia. Perché proprio qui sta il punto: non nascondono il proprio côté intellettuale i cinque di Leeds, ma quasi lo sbattono in faccia all’ascoltatore. Il che, in tempi in cui il modello di riferimento sembra essere la quotidianità degli Arctic Monkeys, ci pare un segnale davvero forte di personalità e spavalderia. A ribadirlo, un album di esordio che è un concept sul ripetersi della storia e sull’incapacità dell’uomo di imparare dai propri errori. Non esattamente una tematica allegra, come del resto non lo è per niente la musica del gruppo che, riprendendo il discorso iniziato lo scorso anno con il fortunato ep “Progress Reform”, fa propria l’epicità oscura di Scott Walker, Joy Division (via Interpol), Echo And The Bunnymen, Nick Cave e Angels Of Light – e ci piace pensare anche delle pagine più fosche dei Walkabouts – e la deforma attraverso un gusto per crescendo e orchestrazioni più vicino a quello di Mogwai, Godspeed You! Black Emperor e Sigur Rós. Il tutto reso ancora più enfatico da un’esasperazione quasi parossistica di pathos e intensità. Non è quindi un disco facile “Elegies To Lessons Learnt”; anzi, per molti versi è monolitico nella sua ricerca dei luoghi più oscuri, tanto in musica quanto nei testi (tra gli argomenti affrontati: l’incendio di Londra del 1666, la guerra fredda, suicidi vari, sconfitte militari, le streghe di Salem, la peste bubbonica e, nel lungo brano omonimo, l’uccisione del primo ministro inglese Spencer Perceval). Nella sua morbosità, non manca di fascino; fascino che tuttavia si basa su un delicato gioco di equilibri, perché basta veramente un niente per saltare la barricata e finire nel grottesco – come avviene in “Death Is The End”, con il cantante Dave Martin a declamare stentoreo di carne in decomposizione e affini. Ma, parafrasando un proverbio, è anche esagerando che si impara.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....