Elegies To Lessons Learnt
Beggars Banquet/Self

Non è certo grazie alla irritante grafia del nome che gli iLIKETRAINS si rivelano un gruppo fuori dalla media. Già di più, semmai, lo suggerisce la loro pagina MySpace, dove come unica influenza hanno indicato la storia. Perché proprio qui sta il punto: non nascondono il proprio côté intellettuale i cinque di Leeds, ma quasi lo sbattono in faccia all’ascoltatore. Il che, in tempi in cui il modello di riferimento sembra essere la quotidianità degli Arctic Monkeys, ci pare un segnale davvero forte di personalità e spavalderia. A ribadirlo, un album di esordio che è un concept sul ripetersi della storia e sull’incapacità dell’uomo di imparare dai propri errori. Non esattamente una tematica allegra, come del resto non lo è per niente la musica del gruppo che, riprendendo il discorso iniziato lo scorso anno con il fortunato ep “Progress Reform”, fa propria l’epicità oscura di Scott Walker, Joy Division (via Interpol), Echo And The Bunnymen, Nick Cave e Angels Of Light – e ci piace pensare anche delle pagine più fosche dei Walkabouts – e la deforma attraverso un gusto per crescendo e orchestrazioni più vicino a quello di Mogwai, Godspeed You! Black Emperor e Sigur Rós. Il tutto reso ancora più enfatico da un’esasperazione quasi parossistica di pathos e intensità. Non è quindi un disco facile “Elegies To Lessons Learnt”; anzi, per molti versi è monolitico nella sua ricerca dei luoghi più oscuri, tanto in musica quanto nei testi (tra gli argomenti affrontati: l’incendio di Londra del 1666, la guerra fredda, suicidi vari, sconfitte militari, le streghe di Salem, la peste bubbonica e, nel lungo brano omonimo, l’uccisione del primo ministro inglese Spencer Perceval). Nella sua morbosità, non manca di fascino; fascino che tuttavia si basa su un delicato gioco di equilibri, perché basta veramente un niente per saltare la barricata e finire nel grottesco – come avviene in “Death Is The End”, con il cantante Dave Martin a declamare stentoreo di carne in decomposizione e affini. Ma, parafrasando un proverbio, è anche esagerando che si impara.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...