Elegies To Lessons Learnt
Beggars Banquet/Self

Non è certo grazie alla irritante grafia del nome che gli iLIKETRAINS si rivelano un gruppo fuori dalla media. Già di più, semmai, lo suggerisce la loro pagina MySpace, dove come unica influenza hanno indicato la storia. Perché proprio qui sta il punto: non nascondono il proprio côté intellettuale i cinque di Leeds, ma quasi lo sbattono in faccia all’ascoltatore. Il che, in tempi in cui il modello di riferimento sembra essere la quotidianità degli Arctic Monkeys, ci pare un segnale davvero forte di personalità e spavalderia. A ribadirlo, un album di esordio che è un concept sul ripetersi della storia e sull’incapacità dell’uomo di imparare dai propri errori. Non esattamente una tematica allegra, come del resto non lo è per niente la musica del gruppo che, riprendendo il discorso iniziato lo scorso anno con il fortunato ep “Progress Reform”, fa propria l’epicità oscura di Scott Walker, Joy Division (via Interpol), Echo And The Bunnymen, Nick Cave e Angels Of Light – e ci piace pensare anche delle pagine più fosche dei Walkabouts – e la deforma attraverso un gusto per crescendo e orchestrazioni più vicino a quello di Mogwai, Godspeed You! Black Emperor e Sigur Rós. Il tutto reso ancora più enfatico da un’esasperazione quasi parossistica di pathos e intensità. Non è quindi un disco facile “Elegies To Lessons Learnt”; anzi, per molti versi è monolitico nella sua ricerca dei luoghi più oscuri, tanto in musica quanto nei testi (tra gli argomenti affrontati: l’incendio di Londra del 1666, la guerra fredda, suicidi vari, sconfitte militari, le streghe di Salem, la peste bubbonica e, nel lungo brano omonimo, l’uccisione del primo ministro inglese Spencer Perceval). Nella sua morbosità, non manca di fascino; fascino che tuttavia si basa su un delicato gioco di equilibri, perché basta veramente un niente per saltare la barricata e finire nel grottesco – come avviene in “Death Is The End”, con il cantante Dave Martin a declamare stentoreo di carne in decomposizione e affini. Ma, parafrasando un proverbio, è anche esagerando che si impara.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...