OUR LOVE TO ADMIRE
Capitol/Emi

Per quanto sentito finora, gli Interpol sembrano il classico gruppo fatto apposta per farsi odiare da quanti nella musica cercano l’originalità a tutti i costi. Nello specifico, il palese e principale punto di riferimento dei quattro newyorkesi sono i Joy Division, dai quali hanno preso a prestito quasi tutto, dal basso profondo dell’oggidì baffuto Carlos D alle chitarre liriche e urticanti di Daniel Kessler fino alla voce baritonale di Paul Banks. A salvarli dalle accuse di plagio è stata la nitida scintilla creativa che attraversava il notevole esordio Turn On The Bright Lights (l’album senza il quale non avremmo gli Editors: ai posteri giudicare se sia un bene o un male) ma che già nel successivo Antics cominciava pericolosamente a latitare. Conscia di essere arrivata a un passo dallo stereotipo, la formazione nerovestita ha quindi fatto l’unica cosa possibile: cercare di variare almeno un poco la propria formula, magari tentando timidamente di farvi entrare un filo di luce. Un processo non facile, se è vero che nel mezzo ci sono stati quattro scioglimenti scongiurati all’ultimo minuto, e che ha dato esiti controversi. Senza volere infierire su una copertina inqualificabile, Our Love To Admire è il classico disco di passaggio, interlocutorio, che mantiene una evidente continuità col passato (nelle atmosfere plumbee, nella drammaticità) ma cerca anche di fare qualche passo avanti. Talvolta ci riesce – nella tastieristica Pioneer To The Falls che apre il lavoro e nella scheletrica e avvolgente The Lighthouse che lo chiude, così come in una Mammoth meno spettrale del solito e nelle chitarre lancinanti di Rest My Chemistry – ma più spesso si muove tra l’indeciso e il già sentito, con qualche tentativo di epicità da stadio agli U2 e un paio di melodie alla R.E.M. che appesantiscono il tutto invece che sospingerlo. Valga come esempio il primo singolo The Heinrich Manoeuver, che vorrebbe travolgere ma arriva a fine corsa col fiatone. In sostanza: apprezzabile il tentativo, non altrettanto convincente il risultato.

(Recensione tratta dal Mucchio n.636-637 – luglio/agosto 2007)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...