OUR LOVE TO ADMIRE
Capitol/Emi

Per quanto sentito finora, gli Interpol sembrano il classico gruppo fatto apposta per farsi odiare da quanti nella musica cercano l’originalità a tutti i costi. Nello specifico, il palese e principale punto di riferimento dei quattro newyorkesi sono i Joy Division, dai quali hanno preso a prestito quasi tutto, dal basso profondo dell’oggidì baffuto Carlos D alle chitarre liriche e urticanti di Daniel Kessler fino alla voce baritonale di Paul Banks. A salvarli dalle accuse di plagio è stata la nitida scintilla creativa che attraversava il notevole esordio Turn On The Bright Lights (l’album senza il quale non avremmo gli Editors: ai posteri giudicare se sia un bene o un male) ma che già nel successivo Antics cominciava pericolosamente a latitare. Conscia di essere arrivata a un passo dallo stereotipo, la formazione nerovestita ha quindi fatto l’unica cosa possibile: cercare di variare almeno un poco la propria formula, magari tentando timidamente di farvi entrare un filo di luce. Un processo non facile, se è vero che nel mezzo ci sono stati quattro scioglimenti scongiurati all’ultimo minuto, e che ha dato esiti controversi. Senza volere infierire su una copertina inqualificabile, Our Love To Admire è il classico disco di passaggio, interlocutorio, che mantiene una evidente continuità col passato (nelle atmosfere plumbee, nella drammaticità) ma cerca anche di fare qualche passo avanti. Talvolta ci riesce – nella tastieristica Pioneer To The Falls che apre il lavoro e nella scheletrica e avvolgente The Lighthouse che lo chiude, così come in una Mammoth meno spettrale del solito e nelle chitarre lancinanti di Rest My Chemistry – ma più spesso si muove tra l’indeciso e il già sentito, con qualche tentativo di epicità da stadio agli U2 e un paio di melodie alla R.E.M. che appesantiscono il tutto invece che sospingerlo. Valga come esempio il primo singolo The Heinrich Manoeuver, che vorrebbe travolgere ma arriva a fine corsa col fiatone. In sostanza: apprezzabile il tentativo, non altrettanto convincente il risultato.

(Recensione tratta dal Mucchio n.636-637 – luglio/agosto 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...