Wavering Radiant
Conspiracy/Goodfellas

Non faccio mistero di avere permanentemente inserito tra le migliori produzioni di questo decennio Panopticon, l’album pubblicato dagli Isis nel 2004, e di essere rimasto ammaliato, un paio di anni dopo e con altrettanto trasporto, da “In The Absence Of Truth”, comunque consapevole della sua inferiorità rispetto al precedente. È stato, allora, con una curiosità mista a non poca preoccupazione – di rimanere, naturalmente, deluso da una delle poche formazioni che, nel recente passato, è stata in grado di creare qualcosa di realmente emozionante – che ho accettato il compito di narrare di “Wavering Radiant”. Il cui primo ascolto (se non proprio freddo) non mi ha lasciato del tutto convinto. Solamente dopo un secondo, un terzo e un quarto sono riuscito, in effetti, ad entrare in sintonia con sette composizioni che si distaccano con assoluta evidenza da quelle incise dalla formazione californiana (d’adozione) negli ultimi sei anni; non che sia un ritorno ai movimenti di Celestial, questo no, però si nota come Aaron Turner abbia sensibilmente modificato il modo di comporre, prediligendo, per lunghi tratti, atmosfere prossime al nu-metal piuttosto che a quel fantastico e indefinito genere che aveva contraddistinto le ultime opere.
Però, con il passare dei minuti – quasi avesse ripreso confidenza con qualcosa che era alla sua portata ma non riusciva ad afferrare – la band è tornata a generare strutture incentrate sulla consueta, elegante (ancorché tutt’altro che leggera) geometria: sono questi i momenti migliori del disco, con gli oltre dieci minuti di “Hand Of The Host” che, nel loro tumultuoso incedere, cancellano il resto e tracciano un solco forte e deciso; sul quale con vigore e circolarità cresce pure “20 Minutes/40 Years”, devastante esempio di come nel nuovo millennio si possa coniugare (post) rock e hardcore. Fino a “Threshold Of Transformation”, impetuoso finale per oltre cinquanta minuti che definire di transizione sarebbe peccato mortale.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...