Wavering Radiant
Conspiracy/Goodfellas

Non faccio mistero di avere permanentemente inserito tra le migliori produzioni di questo decennio Panopticon, l’album pubblicato dagli Isis nel 2004, e di essere rimasto ammaliato, un paio di anni dopo e con altrettanto trasporto, da “In The Absence Of Truth”, comunque consapevole della sua inferiorità rispetto al precedente. È stato, allora, con una curiosità mista a non poca preoccupazione – di rimanere, naturalmente, deluso da una delle poche formazioni che, nel recente passato, è stata in grado di creare qualcosa di realmente emozionante – che ho accettato il compito di narrare di “Wavering Radiant”. Il cui primo ascolto (se non proprio freddo) non mi ha lasciato del tutto convinto. Solamente dopo un secondo, un terzo e un quarto sono riuscito, in effetti, ad entrare in sintonia con sette composizioni che si distaccano con assoluta evidenza da quelle incise dalla formazione californiana (d’adozione) negli ultimi sei anni; non che sia un ritorno ai movimenti di Celestial, questo no, però si nota come Aaron Turner abbia sensibilmente modificato il modo di comporre, prediligendo, per lunghi tratti, atmosfere prossime al nu-metal piuttosto che a quel fantastico e indefinito genere che aveva contraddistinto le ultime opere.
Però, con il passare dei minuti – quasi avesse ripreso confidenza con qualcosa che era alla sua portata ma non riusciva ad afferrare – la band è tornata a generare strutture incentrate sulla consueta, elegante (ancorché tutt’altro che leggera) geometria: sono questi i momenti migliori del disco, con gli oltre dieci minuti di “Hand Of The Host” che, nel loro tumultuoso incedere, cancellano il resto e tracciano un solco forte e deciso; sul quale con vigore e circolarità cresce pure “20 Minutes/40 Years”, devastante esempio di come nel nuovo millennio si possa coniugare (post) rock e hardcore. Fino a “Threshold Of Transformation”, impetuoso finale per oltre cinquanta minuti che definire di transizione sarebbe peccato mortale.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...