Lazaretto3
Jack White

Lazaretto

Third Man/XL/Self
7.5

Il rosso, il bianco e il nero che furono dei White Stripes, nella carriera da solista di Jack White, cedono il posto al blu, più o meno elettrico, più o meno vellutato: “My veins are blue / And connected / And every single bone in my brain is electric”. Jack che, in occasione del recente Record Store Day, è entrato nel Guinnes dei primati come musicista più veloce al mondo: ha eseguito un nuovo singolo, registrandolo in presa diretta su vinile e facendolo stampare dalla sua etichetta indipendente Third Man, ubicata a Nashville, nel giro di circa quattro ore. Lo scatenato singolo in questione con tanto di assolo chitarristico, synth e violino, accompagnato sulla seconda facciata dalla cover di Elvis Presley The Power Of My Love, è per l’appunto la traccia che dà titolo al secondo album in proprio del rocker americano, Lazaretto, che ribadisce peraltro l’attenzione verso l’oggetto fisico con una splendida, ricchissima edizione da collezione.

La faccenda è un curioso paradosso visto che Lazaretto è il disco dalla lavorazione più lunga di sempre nell’arco di almeno quindici anni di attività ad alti livelli: la sua realizzazione è iniziata nel 2012 e i brani incisi sono parecchi di più rispetto agli undici poi selezionati. Le anomalie proseguono: il songwriting è scaturito da materiale testuale, ovvero dal recupero di alcune short stories scritte appena diciannovenne, quando l’amore veniva a bussare per la prima volta alla porta e adesso opportunamente riviste, ciascuna autonoma l’una dall’altra. Ci sono ragazze rosse, bionde e brune, c’è un Dio che è donna, ci sono questioni di cuore per cui combattere e c’è l’esigenza di fare quel che si desidera infischiandosene dei giudizi altrui. Ma c’è anche una dedica a tre signore particolari: nientemeno che la militare Florence Green, la scrittrice anarchica e femminista Voltairine de Cleyre, la programmatrice informatica e ammiraglio navale Grace Hooper.

Che sia merito o colpa del parallelo ruolo di produttore per se stesso e per terzi, la scaletta si lega al precedente Blunderbuss in quanto a varietà, sebbene con maggior definizione: tutto suona senza genere perché, di generi, ne abbraccia vari. Rock, garage, blues, folk, country: intrecciate a piacimento le coordinate sonore che dalla natia Detroit conducono sino alla succitata Nashville, due città guarda caso nominate nella giocosa Three Women d’apertura. Oltre ad avere una grande padronanza della Storia, White si sente comunque a suo agio nel vivere il presente, pur senza inventare nulla: un pezzo come The Bat Black Licorice è per esempio molto moderno, nell’ibridazione di note e parole dalla metrica quasi hip hop. Un’ibridazione che tiene filosoficamente conto della lezione della Jon Spencer Blues Explosion e risulta in conclusione più peculiare e coerente rispetto ad altri contemporanei, vedi il paraculismo degli ultimi The Black Keys.

Dall’altra parte, Temporary Ground – con il controcanto di Lillie Mae Rische – oppure una Just One Drink da saloon oppure lo storytelling di Entitlement e Want And Able ribadiscono il legame con un registro espressivo decisamente tradizionale, che si sposa a un immaginario dove ricorrono “lordy Lord”, caffè e cotone, figli illegittimi e fantasmi, case e prigioni. Che si vada in una direzione o nell’altra, le stesse due polarità che caratterizzavano in fondo il cruciale percorso svolto in compagnia di Meg White, così come i progetti The Dead Weather e The Raconteurs. È la pazzesca cura del sound, rigorosamente analogico, che funge con ogni probabilità da trait d’union: lo strumentale High Ball Stepper, usato come preview dell’intero lavoro, alterna corde e tasti spettinando l’ascoltatore con muscolarità vecchia scuola. Se è ormai conclamato che abbiamo a che fare con una delle poche vere icone a cavallo tra anni Zero e Dieci, Lazaretto è un’inattaccabile manifestazione, appunto, del classic rock di oggi. Un luogo dove ogni portatore della contagiosa malattia conosciuta come r’n’r si potrà felicemente rifugiare.

 

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...