ONE-ARMED BANDIT
Ninja Tune/Family Affair

Continua l’avventura, tanto senza senso quanto splendida, dei Jaga Jazzist capitanati da Lars Horntveth. Ormai sono quindici anni, e da bizzarria i JJ stanno diventando un’istituzione; ma il punto è che in tempi in cui l’ambizione in musica scarseggia (ognuno preferisce coltivare bene il suo orticello, che sia indie o mainstream o evergreen) ’sti folli norvegesi continuano pervicacemente a girare con organici gonfi e musiche altrettanto imbottite di stimoli, idee e sfide. Le note stampa di questo One-Armed Bandit parlano di Zappa e di prog: il primo – nella sua versione più colta e orchestrale – è presente a piene mani più che altro nella title track e in Prognissekongen, il secondo c’è perché in effetti qua non siamo proprio nei territori del due-accordi-e-via, per fortuna però in questo album più ancora che nei precedenti si sta lontani dal rischio della prosopopea. La stirpe Horntveth e i vari soci hanno infatti affinato ulteriormente la messa a fuoco, la consistenza del progetto Jaga Jazzist è cresciuta ulteriormente, raggiungendo vette di eccellenza. La cura nei suoni si è fatta maggiore, non è più solo questione di partiture acrobatiche, e qua sta il superamento dei fattori Zappa e prog, che di loro non sono il fuoco per giudicare quest’ultima uscita discografica. Vengono in mente invece i Tortoise, si aggiunge una dimensione di spazio (da ricostruire sapientemente in sede di mixaggio) che prima non c’era o era comunque espressa con mezzi più poveri. Più in generale c’è una sicurezza nei propri mezzi che fa sì che ci si renda conto che non è (più) necessario stupire. I Jaga Jazzist sono una realtà solida. Non diventeranno mai mostruosamente famosi e venerati, perché la loro musica è comunque un ascolto difficile, da compiere lavorando pesantemente di meningi, se cercate qualcosa che conquisti “di pancia“ non è proprio da queste parti che dovete passare. Ma che un ensemble di molti elementi e molte ambizioni compositive giri ancora e sia anzi in piena forma, è una buona notizia per tutti quelli che pensano che la musica sia un’arte, non un mezzo per ottenere questo o quello.

tratto dal Mucchio n°666

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...