james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

POLYDOR/UNIVERSAL
8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione con Beyoncé: diciassette tracce, quasi ottanta minuti di musica. Sembra che il ventisettenne inglese abbia voluto concentrare tutte le sue qualità in un terzo album denso e semplicemente bellissimo. C’è una cura del sound elettronico che oscilla fra post-dubstep e sperimentazione offrendo molteplici intuizioni, c’è il calore della voce – spesso effettata – e del pianoforte a unire (alt-)R&B e cantautorato DOC. Forse è questo il segreto del Principino, ritratto in copertina da Quentin Blake: essere moderno con un romanticismo da crooner d’altri tempi, indicare rotte futuristiche preservando la carica emotiva del miglior songwriting.

Uscito a sorpresa lo scorso 6 maggio, il disco mette in fila uno struggimento dietro l’altro – senza fare gossip, il fulcro tematico parrebbe la fine della relazione con Theresa Wayman delle Warpaint – e gioca al solito sulla reiterazione ossessiva delle parole: dalla Radio Silence d’apertura, che avrebbe dovuto inizialmente prestare titolo al lavoro, al sample di Donny Hathaway in Love Me In Whatever Way, dall’esistenzialismo di Put That Away And Talk To Me al beat anni 80 di I Hope My Life, dal gospel di nuova generazione di Choose Me alla notturna drammaturgia di Noise Above Your Heads e all’estesa Two Men Down. Kanye West era previsto come ospite sui bassi dark di Timeless, ma l’incontro è sfumato. In compenso Rick Rubin figura qua e là come co-produttore, Bon Iver spunta nella riuscita I Need A Forest Fire – i due avevano già duettato nel 2011, in Fall Creek Boy Choir – e contribuisce a Modern Soul, Frank Ocean aiuta nella stesura trip hoppy di My Willing Heart e del soul da club di Always. Ci sono stazioni radiofoniche silenziose nell’emittente del proprio cuore, acqua di rose che scorre, fantasmi, alberi dorati, nebbia che scende, fiumi verde salvia e incendi boschivi. Qui c’è colore in ogni cosa, sì, in ogni brano. Qui si tocca la perfezione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...