713WaG+JUDL._SL1500_
Jamie xx

In Colour

Young Turks/Self
7.5

Si potrebbe parlare del debutto da solista di Jamie xx senza tirare in ballo gli xx. Se non fosse che oltre a fare capolino nel disco in qualità di vocalist, pare che Romy e Oliver abbiano tentato di convincerlo a mettere da parte il materiale registrato insieme per il prossimo lavoro deli xx. Jamie ha invece preferito rimescolare le carte. La loro presenza in questo attesissimo disco mette ancora più in risalto la sua volontà di integrare l’intimismo indietronico degli xx nella sua personale impresa da “giovane storico” della club culture anglosassone. Jamie esplora nostalgicamente rave di prima ondata, techno, acid house e dubstep, ma al di là del citazionismo, dell’uso moderato di sample per forgiare i suoi breakbeat o dell’occasionale collaborazione con grandi nomi underground come Young Thug e Popcaan (I Know There’s Gonna Be Good Times sfocia in territorio dancehall), In Colour suona più come un diario di viaggio che un album compilativo. Nel complesso affascina proprio perché intimismo ed euforia si incontrano a metà strada.

Oltre a riconfermare il talento di Jamie come produttore, In Colour porterà senza dubbio gli xx ad aggiornare la loro formula al prossimo giro. Nell’ottima SeeSaw la voce di Romy è garbatamente offuscata da un ibrido di drum machine e microbeat in ascesa: messi da parte gli ammiccamenti melodrammatici, l’influenza di Orbital ed Everything But The Girl si sente qui più da vicino. Loud Places, sempre con Romy, e Stranger In A Room, con Oliver, confermano l’impressione di una nuova sintesi in divenire. Persino pezzi incalzanti come Gosh e il notturno Hold Tight travolgono sul dancefloor, ma lasciando spazio a meticolosi climax e una dose d’introspezione. In Gosh Jamie utilizza il sample di un pilot della BBC sulla jungle mai andato in onda richiamando la ritualità rave degli anni 90, ma oltre la metà del brano preferisce tastiere vintage che ricordano vagamente la melodia portante di Dream Baby Dream. Tutti quei colori alludono ancora al nero, in fin dei conti.

Commenti

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...