C’è stato un momento, a cavallo fra la pubblicazione di Post-Nothing (2009) e quella di Celebration Rock (2012), in cui i canadesi Japandroids sono stati legittimamente considerati una vera e propria celebrazione primordiale del rock, a prescindere dall’ovvio riferimento al titolo del loro secondo lavoro sulla lunga distanza. Brian King e David Prowse avevano e hanno tuttora le carte in regola per districarsi in ambienti underground e spiccare il volo verso le arene, le grandi location e i supporting act di spessore, grazie all’accostamento di una forte vena melodica a soluzioni noise e garage. Una formula semplice, quasi banale verrebbe da dire, ma che non tanti altri sono riusciti a portare a termine con riscontri trasversali come i loro.

Near To The Wild Heart Of Life, però, arriva a quasi cinque anni di distanza, un lasso di tempo inspiegabilmente lungo che ha raffreddato e non poco un ferro che forse andava battuto prima. I Japandroids se ne sono infischiati, prendendosi tutto il tempo necessario per apportare leggere ma sensibili variazioni sul tema. Manca un tantino l’aspetto più anthemico dei dischi precedenti, i due si rivelano un po’ meno guitar hero e più attenti ad allargare i contorni: è il caso di quella lunga cavalcata che è North East South West, del piglio da U2 più wave di True Love And A Free Life Of Free Will o dei sette minuti e mezzo di Arc Of Bar, elettronica sporca come se i Suede si fossero dati poco verosimilmente al garage. C’è innegabile cura del dettaglio in Near To The Wild Heart Of Life, l’approccio da entriamo-in-studio-e-vediamo-cosa-succede pare aver stancato i due che, comunque, non sembrano avere avuto qui le idee troppo chiare su dove andare a parare, tra inevitabili puntate a ciò che conoscono a menadito (vedi la title track che apre l’album) e divagazioni onnivore. Il risultato sono otto brani che in quanto a sangue hanno poco da invidiare a quelli che li hanno preceduti, ma che si perdono leggermente se considerati come un blocco unico.

 

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...