C’è stato un momento, a cavallo fra la pubblicazione di Post-Nothing (2009) e quella di Celebration Rock (2012), in cui i canadesi Japandroids sono stati legittimamente considerati una vera e propria celebrazione primordiale del rock, a prescindere dall’ovvio riferimento al titolo del loro secondo lavoro sulla lunga distanza. Brian King e David Prowse avevano e hanno tuttora le carte in regola per districarsi in ambienti underground e spiccare il volo verso le arene, le grandi location e i supporting act di spessore, grazie all’accostamento di una forte vena melodica a soluzioni noise e garage. Una formula semplice, quasi banale verrebbe da dire, ma che non tanti altri sono riusciti a portare a termine con riscontri trasversali come i loro.

Near To The Wild Heart Of Life, però, arriva a quasi cinque anni di distanza, un lasso di tempo inspiegabilmente lungo che ha raffreddato e non poco un ferro che forse andava battuto prima. I Japandroids se ne sono infischiati, prendendosi tutto il tempo necessario per apportare leggere ma sensibili variazioni sul tema. Manca un tantino l’aspetto più anthemico dei dischi precedenti, i due si rivelano un po’ meno guitar hero e più attenti ad allargare i contorni: è il caso di quella lunga cavalcata che è North East South West, del piglio da U2 più wave di True Love And A Free Life Of Free Will o dei sette minuti e mezzo di Arc Of Bar, elettronica sporca come se i Suede si fossero dati poco verosimilmente al garage. C’è innegabile cura del dettaglio in Near To The Wild Heart Of Life, l’approccio da entriamo-in-studio-e-vediamo-cosa-succede pare aver stancato i due che, comunque, non sembrano avere avuto qui le idee troppo chiare su dove andare a parare, tra inevitabili puntate a ciò che conoscono a menadito (vedi la title track che apre l’album) e divagazioni onnivore. Il risultato sono otto brani che in quanto a sangue hanno poco da invidiare a quelli che li hanno preceduti, ma che si perdono leggermente se considerati come un blocco unico.

 

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...