sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

Sacred Bones/Goodfellas
8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny Hval ha ammesso che un concetto da tempo accarezzato, ma evidentemente non ancora del tutto espresso attraverso le proprie performance, era la nudità intesa come la mancanza di barriere tra il corpo e il mondo esterno: niente affatto sensuale, provocatoria solo in riflesso allo sguardo altrui, brutalmente esposta. Questo desiderio di mostrare e mostrarsi senza filtri è solo uno dei motori che muovono la sua sesta prova da solista, successiva a Apocalypse, Girl dello scorso anno e da essa – musicalmente e concettualmente – distante.

Blood Bitch richiama fin dal titolo le mestruazioni, un tema che nei suoi 37 minuti scarsi verrà toccato più volte, da Untamed Region a Female Vampire passando per Period Piece, ma con un approccio assai diverso rispetto a quanto fatto in passato da altre colleghe (la lista è più lunga di quanto si creda: Mary J. Blige, Dolly Parton, Ani Di Franco e Lily Allen sono solo le prime a venire in mente). Hval non ne fa una questione di riaffermazione del potere femminile ma, come per la nudità, vuole mostrare lo stato delle cose, le espone perché noi ci si possa specchiare e di conseguenza – se ci perdonate il gioco di parole – riflettere. “Il sangue più forte dell’Universo”, ha detto l’artista in un’altra intervista, “è probabilmente quello mestruale. Al tempo stesso è stato privato di ogni potere”. Se il tema dell’album è consistente, non è da meno il comparto musicale. Tra cut-up astrusi (The Plague è l’abbraccio di tutte le donne: forti, allegre, rabbiose, indipendenti) e momenti più intimi (la già citata Untamed Region), Blood Bitch rivela inattesa versatilità nell’affrontare i generi. Che i suoni si colorino di un’insistenza maniacale o di inquietante impalpabilità, la voce riesce sempre a spiccare il volo e svelare un gusto innato per la melodia, come in quella gemma maldestramente offuscata dal parlato che è The Great Undressing. Altro che mestruazioni. Era l’ingresso in territori più accomodanti il vero tabù da spezzare.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...