sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

Sacred Bones/Goodfellas
8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny Hval ha ammesso che un concetto da tempo accarezzato, ma evidentemente non ancora del tutto espresso attraverso le proprie performance, era la nudità intesa come la mancanza di barriere tra il corpo e il mondo esterno: niente affatto sensuale, provocatoria solo in riflesso allo sguardo altrui, brutalmente esposta. Questo desiderio di mostrare e mostrarsi senza filtri è solo uno dei motori che muovono la sua sesta prova da solista, successiva a Apocalypse, Girl dello scorso anno e da essa – musicalmente e concettualmente – distante.

Blood Bitch richiama fin dal titolo le mestruazioni, un tema che nei suoi 37 minuti scarsi verrà toccato più volte, da Untamed Region a Female Vampire passando per Period Piece, ma con un approccio assai diverso rispetto a quanto fatto in passato da altre colleghe (la lista è più lunga di quanto si creda: Mary J. Blige, Dolly Parton, Ani Di Franco e Lily Allen sono solo le prime a venire in mente). Hval non ne fa una questione di riaffermazione del potere femminile ma, come per la nudità, vuole mostrare lo stato delle cose, le espone perché noi ci si possa specchiare e di conseguenza – se ci perdonate il gioco di parole – riflettere. “Il sangue più forte dell’Universo”, ha detto l’artista in un’altra intervista, “è probabilmente quello mestruale. Al tempo stesso è stato privato di ogni potere”. Se il tema dell’album è consistente, non è da meno il comparto musicale. Tra cut-up astrusi (The Plague è l’abbraccio di tutte le donne: forti, allegre, rabbiose, indipendenti) e momenti più intimi (la già citata Untamed Region), Blood Bitch rivela inattesa versatilità nell’affrontare i generi. Che i suoni si colorino di un’insistenza maniacale o di inquietante impalpabilità, la voce riesce sempre a spiccare il volo e svelare un gusto innato per la melodia, come in quella gemma maldestramente offuscata dal parlato che è The Great Undressing. Altro che mestruazioni. Era l’ingresso in territori più accomodanti il vero tabù da spezzare.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...