Night Falla Over Kortedala
Secretly Canadian/Goodfellas

L’impressione che ci siamo fatti di Jens Lekman è che sia un tipo tutto sommato schivo, e che le attenzioni ricevute all’uscita di “When I Said I Wanted To Be Your Dog” (2004) lo abbiano disorientato ancor prima che gratificato. A confermarlo, le voci che lo volevano in preda a una pericolosa mancanza di ispirazione e motivazioni. Timori che lo svedese, dopo un salutare periodo di pausa, smentisce nel migliore dei modi: coi fatti o, meglio, con le canzoni. Quelle contenute in un’opera seconda che, se al primo ascolto può suscitare qualche perplessità, con il passare del tempo si rivela pienamente all’altezza del lavoro precedente.
Kortedala è il quartiere di Göteborg dove Lekman ha il propro studio di registrazione: una zona residenziale che al calare delle tenebre si trasforma in un pericoloso ricettacolo di delinquenza e indifferenza. Forse proprio per reazione a un contesto non esattamente amichevole, “Night Falls Over Kortedala” è un disco nell’insieme più solare e lieve del predecessore, meno propenso all’introspezione – per lo meno nelle musiche – e a suo modo più vario e ballabile. Tra ritmiche caraibiche e percussioni assortite, infatti, emergono con forza influenze latino-americane in passato solo accennate (“Sipping On The Sweet Nectar”, una “Into Eternity” al gusto di lambada), ove invece l’incalzante “The Opposite Of Hallelujah” si tinge di soul e “If I Could Cry (It Would Feel Like This)” si spinge dalle parti della blaxploitation. E se l’iniziale “And I Remember Every Kiss” è una imponente ballata orchestrale da far morire di invidia i Divine Comedy, in chiusura “Friday Night At The Drive-In Bingo” è un infallibile antidoto per le giornate più fredde e grigie. Il tutto realizzato grazie al solito campionario a fedeltà medio-bassa di plettri, fiati e archi, batterie elettroniche d’epoca e frammenti sonori riciclati da vecchi vinili (per dire, il coro che si sente nella deliziosa “A Postcard To Nina” è lo stesso dell’inizio di “Kanske Är Jag Kär i Dig”). A dimostrazione di come spesso il pop migliore sia quello più artigianale.

(Recensione tratta dal Mucchio n.639 – ottobre 2007)

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...