81+NwIR8HQL._SL1400_
Jerusalem In MY Heart

If He Dies, If If If If If If

Constellation/Goodfellas
8

Nonostante di mestiere faccia il produttore, Radwan Ghazi Moumneh ha accuratamente evitato anche stavolta di registrare il secondo album a nome Jerusalem In My Heart nello studio di produzione a Montréal dove lavora. If He Dies, If If If If If If è nato fra il soggiorno della sua casa in Canada e quello della residenza dove alloggia part time a Beirut, non solo perché l’attitudine do it yourself si riallaccia alle influenze punk del musicista libanese, ma anche per la volontà di “avere come risultato un internet record”: un disco contemporaneo nei suoni, ma anche nella sua geografia espansa e nell’estetica lo-fi di tante produzioni che girano nel web. Per chi lo ascolta con orecchie occidentali, si tratta di un internet record anche perché regala la sensazione di frugare in un bazar di Beirut pieno di vecchi nastri senza spostarsi di un centimetro dal pc.

Secondo album per Constellation e uscita che arriva poco dopo il sorprendente sodalizio con i Suuns, messo su disco ad aprile per Secretly Canadian, If He Dies… sviluppa in maniera più organica ed equilibrata quello che fin dall’esordio Mo7it Al-Mo7it era lo scopo del progetto – audio/video in sede live – di JIMH: fondere la musica popolare e tradizionale araba con quella contemporanea occidentale, operando una sorta di cannibalismo tra le due culture. Cuore della scrittura musicale è il buzuk, strumento classico arabo – che per forma ricorda vagamente un liuto – con il quale Radwan costruisce melodie caldissime che trasportano su una spiaggia del Libano, capaci al contempo di creare un ponte comunicativo con l’elettronica contemporanea – esempio peculiare è A Granular Buzuk, in cui lo strumento viene campionato e intersecato a elettronica e droni. Mentre il cantato in arabo, teso in una drammaticità che è più culturale che spirituale, procede con andamento circolare e ipnotico, la musica ha in sé il moto talvolta burrascoso, talvolta rigenerante del mare. Lo stesso che in chiusura di album arriva, con le sue onde, a portare la pace (universale) dei sensi tra gli arpeggi e i silenzi di 2asmar Sa7ar. 

Commenti

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...