81+NwIR8HQL._SL1400_
Jerusalem In MY Heart

If He Dies, If If If If If If

Constellation/Goodfellas
8

Nonostante di mestiere faccia il produttore, Radwan Ghazi Moumneh ha accuratamente evitato anche stavolta di registrare il secondo album a nome Jerusalem In My Heart nello studio di produzione a Montréal dove lavora. If He Dies, If If If If If If è nato fra il soggiorno della sua casa in Canada e quello della residenza dove alloggia part time a Beirut, non solo perché l’attitudine do it yourself si riallaccia alle influenze punk del musicista libanese, ma anche per la volontà di “avere come risultato un internet record”: un disco contemporaneo nei suoni, ma anche nella sua geografia espansa e nell’estetica lo-fi di tante produzioni che girano nel web. Per chi lo ascolta con orecchie occidentali, si tratta di un internet record anche perché regala la sensazione di frugare in un bazar di Beirut pieno di vecchi nastri senza spostarsi di un centimetro dal pc.

Secondo album per Constellation e uscita che arriva poco dopo il sorprendente sodalizio con i Suuns, messo su disco ad aprile per Secretly Canadian, If He Dies… sviluppa in maniera più organica ed equilibrata quello che fin dall’esordio Mo7it Al-Mo7it era lo scopo del progetto – audio/video in sede live – di JIMH: fondere la musica popolare e tradizionale araba con quella contemporanea occidentale, operando una sorta di cannibalismo tra le due culture. Cuore della scrittura musicale è il buzuk, strumento classico arabo – che per forma ricorda vagamente un liuto – con il quale Radwan costruisce melodie caldissime che trasportano su una spiaggia del Libano, capaci al contempo di creare un ponte comunicativo con l’elettronica contemporanea – esempio peculiare è A Granular Buzuk, in cui lo strumento viene campionato e intersecato a elettronica e droni. Mentre il cantato in arabo, teso in una drammaticità che è più culturale che spirituale, procede con andamento circolare e ipnotico, la musica ha in sé il moto talvolta burrascoso, talvolta rigenerante del mare. Lo stesso che in chiusura di album arriva, con le sue onde, a portare la pace (universale) dei sensi tra gli arpeggi e i silenzi di 2asmar Sa7ar. 

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...