91304k2oY3L._SL1500_
Jim O'Rourke

Simple Songs

Drag City
8

Nice to see you once again / Been a long time my friend”, canta Jim O’ Rourke nel brano Friends With Benefits. Proprio così: “canta”. Quando uno che ha una storia come la sua si presenta dicendo di avere una manciata di semplici canzoni o, peggio, di “canzoni semplici”, ogni dubbio è legittimo. Dalle ultime volte in cui aveva espresso lo stesso proposito (Insignificance nel 2001 e ancora due anni prima con il memorabile Eureka) è trascorso davvero un bel po’ di tempo, e sono tanti e tanto disparati i progetti ai quali l’abbiamo visto dedicarsi che non pare vero figurarselo di nuovo alle prese con un artigianato di strofe e ritornelli. Passano così in cavalleria le sporadiche eppure sistematiche frequentazioni nel mondo del pop fuori dalle vesti dell’autore, attraverso produzioni per conto terzi o intrufolamenti nel lavoro di spiriti affini (come quella volta che fu bassista per i Sonic Youth…).

Quel che ci scordiamo con troppa facilità è che per O’ Rourke la pop song costituisce anzitutto un intrigante oggetto di studio, proprio a partire dai suoi modelli più classici. In particolare è Van Dyke Parks a tornare in mente più spesso durante Simple Songs: otto pezzi che, al contrario di ciò che accadeva proprio in Eureka, non somigliano a piccole composizioni minimaliste sotto mentite spoglie. Qui si sceglie di stare al gioco della canzone d’autore, anche quella un po’ datata, mettendo al centro della scena l’understatement ironico dei testi (“All your love will never change me, nota di humour cinico di scuola costelliana) e la chitarra (John Fahey altro storico nume tutelare), senza però negarsi lo sfizio di assolo in doppietta, generose orchestrazioni, crescendo enfatici e persino qualche incursione nel progressive meno indigesto. Nell’insieme ne esce un folk da West Coast geneticamente modificato, smontato e rimontato meticolosamente in ciascuna componente con lo scopo di far scorrere l’ascolto senza intoppi. Perché scrivere “canzoni semplici” è tutt’altro che un lavoro facile.

Commenti

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...