Rain
Ryko/Audioglobe

Si è assestato, il signor Joe Jackson. Ha smesso di tentare di stupire con la sua intelligenza (o supponenza, secondo le malelingue) inseguendo virate verso la musica colta, o comunque verso musiche altre. Sarà che ora vive a Berlino, la città che più in Europa (…al mondo?) ti invita ad essere quello che sei veramente, rilassata nella sua vastità, cordiale nel suo senso della misura e piacevolmente menefreghista com’è. Sarà che il tempo passa, e dopo trent’anni di carriera forse ci si stanca pure di voler fare il primo della classe saccente che deve sempre dimostrarsi all’altezza della sua abilità o presunzione. Già l’aver rimesso in pista la band degli esordi, col Volume 4 uscito nel 2003, era stato un segnale chiaro: un disco di canzoni rock, né più né meno, non brutto ma nemmeno trascendentale.
Ora, giusto a dire che si è sempre meno giovani e r’n’r e sempre più invece paciosi autori, il territorio resta sì quello del songwriting ma senza citazioni colte, senza suite orchestrali, senza arrangiamenti particolari, e per giunta si fa fuori Gary Sanford: niente chitarra su questo disco, solo pianoforte, basso e batteria. È poco, e in alcune tracce è troppo poco. Ma nel complesso le critiche stanno a quasi zero, perché qui ci sono belle canzoni (Solo, Good Bad Boy, King Pleasure Time, Citizen Sane) e un capolavoro, perché Invisible Man è una delle cose più belle che Joe abbia mai scritto. Le note diffuse dall’etichetta parlano di Rain come di un lavoro che riprende il filo di Night & Day. Palle. Si può capire il tentativo di riesumare il più grande successo commerciale di Jackson, ma non fatevi ingannare: quest’album semmai è una ripresa del discorso fatto con Big World. Con più distensione. Con la consapevolezza che non c’è bisogno di inventare sempre strutture e sovrastrutture. Eh, forse non consapevolezza non c’entra e forse è solo la stanchezza a spingerlo a tirare un po’ i remi in barca; ma non diteglielo, permaloso com’è, potrebbe zittirsi per dispetto. E noi, invece, Joe Jackson lo vogliamo ancora qui, a di-spensare classe e storie.

(Recensione tratta dal Mucchio n.643 – febbraio 2008)

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...