Rain
Ryko/Audioglobe

Si è assestato, il signor Joe Jackson. Ha smesso di tentare di stupire con la sua intelligenza (o supponenza, secondo le malelingue) inseguendo virate verso la musica colta, o comunque verso musiche altre. Sarà che ora vive a Berlino, la città che più in Europa (…al mondo?) ti invita ad essere quello che sei veramente, rilassata nella sua vastità, cordiale nel suo senso della misura e piacevolmente menefreghista com’è. Sarà che il tempo passa, e dopo trent’anni di carriera forse ci si stanca pure di voler fare il primo della classe saccente che deve sempre dimostrarsi all’altezza della sua abilità o presunzione. Già l’aver rimesso in pista la band degli esordi, col Volume 4 uscito nel 2003, era stato un segnale chiaro: un disco di canzoni rock, né più né meno, non brutto ma nemmeno trascendentale.
Ora, giusto a dire che si è sempre meno giovani e r’n’r e sempre più invece paciosi autori, il territorio resta sì quello del songwriting ma senza citazioni colte, senza suite orchestrali, senza arrangiamenti particolari, e per giunta si fa fuori Gary Sanford: niente chitarra su questo disco, solo pianoforte, basso e batteria. È poco, e in alcune tracce è troppo poco. Ma nel complesso le critiche stanno a quasi zero, perché qui ci sono belle canzoni (Solo, Good Bad Boy, King Pleasure Time, Citizen Sane) e un capolavoro, perché Invisible Man è una delle cose più belle che Joe abbia mai scritto. Le note diffuse dall’etichetta parlano di Rain come di un lavoro che riprende il filo di Night & Day. Palle. Si può capire il tentativo di riesumare il più grande successo commerciale di Jackson, ma non fatevi ingannare: quest’album semmai è una ripresa del discorso fatto con Big World. Con più distensione. Con la consapevolezza che non c’è bisogno di inventare sempre strutture e sovrastrutture. Eh, forse non consapevolezza non c’entra e forse è solo la stanchezza a spingerlo a tirare un po’ i remi in barca; ma non diteglielo, permaloso com’è, potrebbe zittirsi per dispetto. E noi, invece, Joe Jackson lo vogliamo ancora qui, a di-spensare classe e storie.

(Recensione tratta dal Mucchio n.643 – febbraio 2008)

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...