Rain
Ryko/Audioglobe

Si è assestato, il signor Joe Jackson. Ha smesso di tentare di stupire con la sua intelligenza (o supponenza, secondo le malelingue) inseguendo virate verso la musica colta, o comunque verso musiche altre. Sarà che ora vive a Berlino, la città che più in Europa (…al mondo?) ti invita ad essere quello che sei veramente, rilassata nella sua vastità, cordiale nel suo senso della misura e piacevolmente menefreghista com’è. Sarà che il tempo passa, e dopo trent’anni di carriera forse ci si stanca pure di voler fare il primo della classe saccente che deve sempre dimostrarsi all’altezza della sua abilità o presunzione. Già l’aver rimesso in pista la band degli esordi, col Volume 4 uscito nel 2003, era stato un segnale chiaro: un disco di canzoni rock, né più né meno, non brutto ma nemmeno trascendentale.
Ora, giusto a dire che si è sempre meno giovani e r’n’r e sempre più invece paciosi autori, il territorio resta sì quello del songwriting ma senza citazioni colte, senza suite orchestrali, senza arrangiamenti particolari, e per giunta si fa fuori Gary Sanford: niente chitarra su questo disco, solo pianoforte, basso e batteria. È poco, e in alcune tracce è troppo poco. Ma nel complesso le critiche stanno a quasi zero, perché qui ci sono belle canzoni (Solo, Good Bad Boy, King Pleasure Time, Citizen Sane) e un capolavoro, perché Invisible Man è una delle cose più belle che Joe abbia mai scritto. Le note diffuse dall’etichetta parlano di Rain come di un lavoro che riprende il filo di Night & Day. Palle. Si può capire il tentativo di riesumare il più grande successo commerciale di Jackson, ma non fatevi ingannare: quest’album semmai è una ripresa del discorso fatto con Big World. Con più distensione. Con la consapevolezza che non c’è bisogno di inventare sempre strutture e sovrastrutture. Eh, forse non consapevolezza non c’entra e forse è solo la stanchezza a spingerlo a tirare un po’ i remi in barca; ma non diteglielo, permaloso com’è, potrebbe zittirsi per dispetto. E noi, invece, Joe Jackson lo vogliamo ancora qui, a di-spensare classe e storie.

(Recensione tratta dal Mucchio n.643 – febbraio 2008)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...