Per quanto tempo si possa passare insieme, e quanto intense e numerose siano le avventure condivise, non è possibile conoscere davvero a fondo un altro essere umano. Non accade con la persona con cui si decide di dividere il tetto, figuriamoci con un artista cui abbiamo scelto di votarci. Poco può fare la dedizione. Gli angoli tenuti in penombra sono sempre troppi. Con John Martyn il discorso è doppiamente vero. Come nel privato il cantautore scozzese, scomparso nel 2009, si mostrava sensibile su determinati aspetti e violento e prepotente su altri, così anche la sua arte – amplificatore e specchio deformante del quotidiano – ha tratto di volta in volta giovamento e danno da un carattere inquieto e sfaccettato.

Attraverso una robusta discografia avviata nel 1967 con London Conversation e incorporando elementi aggiuntivi con crescente eclettismo, il folk degli esordi ha abbracciato scenari jazz, progressive, rock e blues, riuscendo poi a perdersi nelle lande del pop rock, sperimentando con curiosità la musica elettronica e infine chiudendo involontariamente il cerchio con un album funk rock a tratti pacchiano (Heaven And Heart, uscito nel 2011 ma registrato tre anni prima). Da allora si sono viste raccolte con materiale inedito, ristampe deluxe e un cofanetto monstre da 18 Cd (The Island Years): tutti titoli d’attrazione per fan rodati e collezionisti accaniti, molto meno appetibili per curiosi e neofiti. Riappropriandosi del titolo traviato dal già citato disco postumo, Head And Heart sembra voler catturare l’attenzione anche di questi ultimi, concentrandosi unicamente sulla parte marcatamente acustica della produzione di Martyn.

Per mezzo di canzoni risalenti in larghissima parte agli anni Sessanta e Settanta (tra le eccezioni, una splendida versione dal vivo di Patterns In The Rain), risalta la bellezza espressiva di cui era capace tanto con la chitarra quanto con la voce. Chi lo scoprirà attraverso questa raccolta, lo farà in grande stile. Chi già lo ama, avrà la scusa di quattro demo inediti per aggiungere questo titolo alla propria collezione.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...