Jonathan-Wilson-Fanfare
Jonathan Wilson

Fanfare

Bella Union/Self
8

Se il debutto di Jonathan Wilson, Gentle Spirit, faceva ben sperare per il futuro non solo suo, ma anche di un modo un po’ diverso di pensare la canzone rock californiana di struttura (quella legata a personaggi come John Phillips o David Crosby), due anni dopo, Fanfare arricchisce a dismisura il campo d’azione. Immerso nello stesso Laurel Canyon che ha segnato molte storie musicali celebri, in un passato mai abbastanza rimpianto, il disco non trattiene la sua fascinazione per l’accumulo di strumenti, di voci, di orchestrazioni, di suggestioni che arrivano da lontano e ci sembrano, all’ascolto, vicinissime. Lontano da qualsiasi tono puramente notturno, aperto alla divagazione (una Dear Friend che sarebbe potuta finire su If I Could Only Remeber My Name, di David Crosby), libero insomma, di lasciarsi andare a una improvvisazione sulle corde di un folk multicolore e parecchio stratificato, Wilson passa dalla magnificenza del pezzo che dà il titolo al cd, percorso per sette minuti da sax, tastiere e da un sapore jazzy, alla più sobria Her Hair Is Growing Long, senza perdere di vista le radici (Love To Love, il momento più direttamente rock & pop dell’album).

Molti aggeggi che arrivano dal passato, mellotron, organo, violoncello a far sentire la loro voce e la sua, quella di Jonathan, che passa dal sussurro all’accento dylaniano, dall’ammiccamento a una rudezza appena accennata. Multiforme, lo abbiamo forse già scritto, ma un cd che riesce a far convivere felicemente John Lennon, Frank Zappa e Pink Floyd si merita un aggettivo del genere. Se poi si vuole spiegare in maniera lapidaria perché Fanfare sarà uno dei dischi dell’anno di chi scrive, basta consigliarvi l’ascolto, sottolineando che l’eclettismo non diviene mai confusione, ma una specie di dichiarazione di identità, raggiante ed eclettica, buonissima per abbattere questi tempi così bigi. Il folk può ancora essere ricco, emozionante, personale, anche nei nostri anni Dieci. Lo avreste mai creduto?

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...