Jonathan-Wilson-Fanfare
Jonathan Wilson

Fanfare

Bella Union/Self
8

Se il debutto di Jonathan Wilson, Gentle Spirit, faceva ben sperare per il futuro non solo suo, ma anche di un modo un po’ diverso di pensare la canzone rock californiana di struttura (quella legata a personaggi come John Phillips o David Crosby), due anni dopo, Fanfare arricchisce a dismisura il campo d’azione. Immerso nello stesso Laurel Canyon che ha segnato molte storie musicali celebri, in un passato mai abbastanza rimpianto, il disco non trattiene la sua fascinazione per l’accumulo di strumenti, di voci, di orchestrazioni, di suggestioni che arrivano da lontano e ci sembrano, all’ascolto, vicinissime. Lontano da qualsiasi tono puramente notturno, aperto alla divagazione (una Dear Friend che sarebbe potuta finire su If I Could Only Remeber My Name, di David Crosby), libero insomma, di lasciarsi andare a una improvvisazione sulle corde di un folk multicolore e parecchio stratificato, Wilson passa dalla magnificenza del pezzo che dà il titolo al cd, percorso per sette minuti da sax, tastiere e da un sapore jazzy, alla più sobria Her Hair Is Growing Long, senza perdere di vista le radici (Love To Love, il momento più direttamente rock & pop dell’album).

Molti aggeggi che arrivano dal passato, mellotron, organo, violoncello a far sentire la loro voce e la sua, quella di Jonathan, che passa dal sussurro all’accento dylaniano, dall’ammiccamento a una rudezza appena accennata. Multiforme, lo abbiamo forse già scritto, ma un cd che riesce a far convivere felicemente John Lennon, Frank Zappa e Pink Floyd si merita un aggettivo del genere. Se poi si vuole spiegare in maniera lapidaria perché Fanfare sarà uno dei dischi dell’anno di chi scrive, basta consigliarvi l’ascolto, sottolineando che l’eclettismo non diviene mai confusione, ma una specie di dichiarazione di identità, raggiante ed eclettica, buonissima per abbattere questi tempi così bigi. Il folk può ancora essere ricco, emozionante, personale, anche nei nostri anni Dieci. Lo avreste mai creduto?

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...