In Our Nature
Imperial/Family Affair

La veste grafica del nuovo album di José Gonzales sembra non comunicare alcun senso di novità: anche questa volta si è scelto un colore piuttosto neutro (laddove nel debutto c’era un verdino chiaro, c’è un beige che si avvicina al bianco), anche questa volta colpiscono l’essenzialità della illustrazione in copertina – il ramo di un albero, antropomorfo riferimento al titolo – e della scaletta sul retro. In realtà, al di là delle apparenze, sono cambiate un po’ di cose da quando, un paio d’anni fa, il debutto di questo giovane cantautore di origine argentina e passaporto svedese, “Veneer”, valicava i confini della natìa terra scandinava, dove era stato pubblicato un paio d’anni prima, grazie anche alla visibilità fornitagli da un celebre spot che vedeva San Francisco invasa da una valanga di palle colorate, e diventava un fenomeno abbastanza esteso da consentirgli di sfiorare il milione di copie vendute. La sostanza? C’era eccome, e pure parecchia. Prendeva le forme di un folk intimista, voce e chitarra, che costruiva sulle trame spoglie – ma accuratamente intrecciate – di una chitarra acustica e su una voce poco più che mormorata canzoni solide, tanto sobrie quanto comunicative. Ebbene, “In Our Nature” si alza il tiro, con risultati superiori. La voce è più sanguigna e meno incerta, senza perdere il caratteristico timbro, la chitarra viene usata in modo più energico, spesso trasformandosi in sostegno ritmico, si aggiungono qua e là minime percussioni e cori. Se ci perdonate la brutale semplificazione, diremmo che ora c’è più Cat Stevens e meno Nick Drake. Anche questa volta è una cover a dare la misura del cambiamento: più celebre della “Heartbeats” che lo ha fatto conoscere, autori The Knife, la versione di “Teardrop” dei Massive Attack è ipnotica, pulsante e minacciosamente ostinata come l’originale. Eccellenti risultati pure nella iniziale “How Low”, nell’incalzante blues d’altri tempi intitolato “Killing For Love” e nei saliscendi di “Abraham”. A questo punto possiamo dirlo: abbiamo di fronte un folksinger di grande spessore.

(Recensione tratta dal Mucchio n.639 – ottobre 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...