In Our Nature
Imperial/Family Affair

La veste grafica del nuovo album di José Gonzales sembra non comunicare alcun senso di novità: anche questa volta si è scelto un colore piuttosto neutro (laddove nel debutto c’era un verdino chiaro, c’è un beige che si avvicina al bianco), anche questa volta colpiscono l’essenzialità della illustrazione in copertina – il ramo di un albero, antropomorfo riferimento al titolo – e della scaletta sul retro. In realtà, al di là delle apparenze, sono cambiate un po’ di cose da quando, un paio d’anni fa, il debutto di questo giovane cantautore di origine argentina e passaporto svedese, “Veneer”, valicava i confini della natìa terra scandinava, dove era stato pubblicato un paio d’anni prima, grazie anche alla visibilità fornitagli da un celebre spot che vedeva San Francisco invasa da una valanga di palle colorate, e diventava un fenomeno abbastanza esteso da consentirgli di sfiorare il milione di copie vendute. La sostanza? C’era eccome, e pure parecchia. Prendeva le forme di un folk intimista, voce e chitarra, che costruiva sulle trame spoglie – ma accuratamente intrecciate – di una chitarra acustica e su una voce poco più che mormorata canzoni solide, tanto sobrie quanto comunicative. Ebbene, “In Our Nature” si alza il tiro, con risultati superiori. La voce è più sanguigna e meno incerta, senza perdere il caratteristico timbro, la chitarra viene usata in modo più energico, spesso trasformandosi in sostegno ritmico, si aggiungono qua e là minime percussioni e cori. Se ci perdonate la brutale semplificazione, diremmo che ora c’è più Cat Stevens e meno Nick Drake. Anche questa volta è una cover a dare la misura del cambiamento: più celebre della “Heartbeats” che lo ha fatto conoscere, autori The Knife, la versione di “Teardrop” dei Massive Attack è ipnotica, pulsante e minacciosamente ostinata come l’originale. Eccellenti risultati pure nella iniziale “How Low”, nell’incalzante blues d’altri tempi intitolato “Killing For Love” e nei saliscendi di “Abraham”. A questo punto possiamo dirlo: abbiamo di fronte un folksinger di grande spessore.

(Recensione tratta dal Mucchio n.639 – ottobre 2007)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...