In Our Nature
Imperial/Family Affair

La veste grafica del nuovo album di José Gonzales sembra non comunicare alcun senso di novità: anche questa volta si è scelto un colore piuttosto neutro (laddove nel debutto c’era un verdino chiaro, c’è un beige che si avvicina al bianco), anche questa volta colpiscono l’essenzialità della illustrazione in copertina – il ramo di un albero, antropomorfo riferimento al titolo – e della scaletta sul retro. In realtà, al di là delle apparenze, sono cambiate un po’ di cose da quando, un paio d’anni fa, il debutto di questo giovane cantautore di origine argentina e passaporto svedese, “Veneer”, valicava i confini della natìa terra scandinava, dove era stato pubblicato un paio d’anni prima, grazie anche alla visibilità fornitagli da un celebre spot che vedeva San Francisco invasa da una valanga di palle colorate, e diventava un fenomeno abbastanza esteso da consentirgli di sfiorare il milione di copie vendute. La sostanza? C’era eccome, e pure parecchia. Prendeva le forme di un folk intimista, voce e chitarra, che costruiva sulle trame spoglie – ma accuratamente intrecciate – di una chitarra acustica e su una voce poco più che mormorata canzoni solide, tanto sobrie quanto comunicative. Ebbene, “In Our Nature” si alza il tiro, con risultati superiori. La voce è più sanguigna e meno incerta, senza perdere il caratteristico timbro, la chitarra viene usata in modo più energico, spesso trasformandosi in sostegno ritmico, si aggiungono qua e là minime percussioni e cori. Se ci perdonate la brutale semplificazione, diremmo che ora c’è più Cat Stevens e meno Nick Drake. Anche questa volta è una cover a dare la misura del cambiamento: più celebre della “Heartbeats” che lo ha fatto conoscere, autori The Knife, la versione di “Teardrop” dei Massive Attack è ipnotica, pulsante e minacciosamente ostinata come l’originale. Eccellenti risultati pure nella iniziale “How Low”, nell’incalzante blues d’altri tempi intitolato “Killing For Love” e nei saliscendi di “Abraham”. A questo punto possiamo dirlo: abbiamo di fronte un folksinger di grande spessore.

(Recensione tratta dal Mucchio n.639 – ottobre 2007)

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....