In Our Nature
Imperial/Family Affair

La veste grafica del nuovo album di José Gonzales sembra non comunicare alcun senso di novità: anche questa volta si è scelto un colore piuttosto neutro (laddove nel debutto c’era un verdino chiaro, c’è un beige che si avvicina al bianco), anche questa volta colpiscono l’essenzialità della illustrazione in copertina – il ramo di un albero, antropomorfo riferimento al titolo – e della scaletta sul retro. In realtà, al di là delle apparenze, sono cambiate un po’ di cose da quando, un paio d’anni fa, il debutto di questo giovane cantautore di origine argentina e passaporto svedese, “Veneer”, valicava i confini della natìa terra scandinava, dove era stato pubblicato un paio d’anni prima, grazie anche alla visibilità fornitagli da un celebre spot che vedeva San Francisco invasa da una valanga di palle colorate, e diventava un fenomeno abbastanza esteso da consentirgli di sfiorare il milione di copie vendute. La sostanza? C’era eccome, e pure parecchia. Prendeva le forme di un folk intimista, voce e chitarra, che costruiva sulle trame spoglie – ma accuratamente intrecciate – di una chitarra acustica e su una voce poco più che mormorata canzoni solide, tanto sobrie quanto comunicative. Ebbene, “In Our Nature” si alza il tiro, con risultati superiori. La voce è più sanguigna e meno incerta, senza perdere il caratteristico timbro, la chitarra viene usata in modo più energico, spesso trasformandosi in sostegno ritmico, si aggiungono qua e là minime percussioni e cori. Se ci perdonate la brutale semplificazione, diremmo che ora c’è più Cat Stevens e meno Nick Drake. Anche questa volta è una cover a dare la misura del cambiamento: più celebre della “Heartbeats” che lo ha fatto conoscere, autori The Knife, la versione di “Teardrop” dei Massive Attack è ipnotica, pulsante e minacciosamente ostinata come l’originale. Eccellenti risultati pure nella iniziale “How Low”, nell’incalzante blues d’altri tempi intitolato “Killing For Love” e nei saliscendi di “Abraham”. A questo punto possiamo dirlo: abbiamo di fronte un folksinger di grande spessore.

(Recensione tratta dal Mucchio n.639 – ottobre 2007)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...