51m1w0TqqmL
Julia Holter

Have You In My Wilderness

Domino/Self
7.5

Tre album fra 2011 e 2013 ne hanno decretato l’importanza negli ambiti della forma-canzone più colta e raffinata, segnando una progressiva crescita artistica. Erede di Laurie Anderson e Kate Bush, pupilla di Linda Perhacs, coeva delle varie Grouper, Julia Holter unisce formazione accademica e creatività fuori dalle righe, strumenti come piano, organo e clavicembalo e arrangiamenti per fiati e archi, pop da camera e avanguardia. Se i primi due dischi si trinceravano dietro a riferimenti alla classicità greca e il terzo, acclamato Loud City Song prendeva le mosse dal vecchio musical Gigi, Have You In My Wilderness è il salto più rischioso per la songwriter losangelina, quello cioè della definitiva messa in gioco, espressiva ed emotiva.

Il lavoro, svolto al solito assieme al produttore Cole Greif-Neil, è impeccabile, tra minimalismo e cura formale di ogni dettaglio, con una propensione melodica mai così marcata e, di conseguenza, un’inedita accessibilità, ma per paradosso i brani più riusciti sono quelli che si estendono oltre i sei minuti di durata: notevolissimi, infatti, Lucette Stranded On The Island e Betsy On The Roof, pervasi da uno spaesamento atemporale. Per quanto si ricorra alla tratteggiatura schermante di personaggi (Vasquez è uno pseudo-spoken espanso), adottando un immaginario caldo e quasi alleniano, testualmente c’è un nuovo coinvolgimento: l’apripista Feel You, al di là della ripetuta domanda “Are you mythological?”, è una storia jazzy di casualità e meteorologia che piacerebbe a Eleanor Friedberger per il mix di tenue sentimento e sottile ironia. Da una parte i gioiosi barocchismi in crescendo di Silhouette (“He can hear me sing”), la filastrocca marittima Sea Calls Me Home e i ritmi vivaci di Everytime Boots, dall’altra la vocalità profonda sul melò noir di How Long?, le ombrosità di Night Song e l’intimismo della title track, dove persino la lacerazione è affrontata con elegante (auto)controllo. Se vogliamo scoprire chi è Julia Holter, possiamo partire da qui.

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...