51m1w0TqqmL
Julia Holter

Have You In My Wilderness

Domino/Self
7.5

Tre album fra 2011 e 2013 ne hanno decretato l’importanza negli ambiti della forma-canzone più colta e raffinata, segnando una progressiva crescita artistica. Erede di Laurie Anderson e Kate Bush, pupilla di Linda Perhacs, coeva delle varie Grouper, Julia Holter unisce formazione accademica e creatività fuori dalle righe, strumenti come piano, organo e clavicembalo e arrangiamenti per fiati e archi, pop da camera e avanguardia. Se i primi due dischi si trinceravano dietro a riferimenti alla classicità greca e il terzo, acclamato Loud City Song prendeva le mosse dal vecchio musical Gigi, Have You In My Wilderness è il salto più rischioso per la songwriter losangelina, quello cioè della definitiva messa in gioco, espressiva ed emotiva.

Il lavoro, svolto al solito assieme al produttore Cole Greif-Neil, è impeccabile, tra minimalismo e cura formale di ogni dettaglio, con una propensione melodica mai così marcata e, di conseguenza, un’inedita accessibilità, ma per paradosso i brani più riusciti sono quelli che si estendono oltre i sei minuti di durata: notevolissimi, infatti, Lucette Stranded On The Island e Betsy On The Roof, pervasi da uno spaesamento atemporale. Per quanto si ricorra alla tratteggiatura schermante di personaggi (Vasquez è uno pseudo-spoken espanso), adottando un immaginario caldo e quasi alleniano, testualmente c’è un nuovo coinvolgimento: l’apripista Feel You, al di là della ripetuta domanda “Are you mythological?”, è una storia jazzy di casualità e meteorologia che piacerebbe a Eleanor Friedberger per il mix di tenue sentimento e sottile ironia. Da una parte i gioiosi barocchismi in crescendo di Silhouette (“He can hear me sing”), la filastrocca marittima Sea Calls Me Home e i ritmi vivaci di Everytime Boots, dall’altra la vocalità profonda sul melò noir di How Long?, le ombrosità di Night Song e l’intimismo della title track, dove persino la lacerazione è affrontata con elegante (auto)controllo. Se vogliamo scoprire chi è Julia Holter, possiamo partire da qui.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...