Our Secret Ceremony
A Silent Place/Fanzines

Se si vuole trovare una costante nella ormai decennale carriera dei sassolesi Julie’s Haircut, questa è rappresentata dal cambiamento. Ognuno dei loro album, infatti, li ha fotografati in una fase diversa della loro costante e spontanea ricerca sonora, con il risultato che nessuno di essi suona uguale al precedente, dall’esplosivo indie’n’roll di “Fever In The Funk House” (1999) fino alle improvvisazioni controllate del penultimo “After Dark, My Sweet” (2006). In un certo senso, “Our Secret Ceremony” riprende il discorso dove quest’ultimo lo aveva interrotto, muovendosi allo stesso tempo in due direzioni: da un lato schiacciando ulteriormente l’acceleratore verso strutture ancora più dilatate e – almeno apparentemente – libere, dall’altro riallacciando i rapporti con la forma-canzone più propriamente detta. Inevitabile forse che dalla spinta di queste due forze opposte e complementari uscisse un lavoro bifronte nella sua organicità di fondo. Una duplicità accentuata ulteriormente dalla sua natura di doppio album: formato sì indispensabile per accoglierne tutti e novanta i minuti, ma anche congeniale alla sua stessa natura. Più raccolte nel minutaggio – eccezion fatta per la torrenziale “Origins”, col suo gioco di svuotamenti e riempimenti – le composizioni contenute nel primo supporto (vinilico, digitale o virtuale che sia), e volendo più canoniche, se così si possono definire una “Sleepwalker” che costeggia tanto i Suicide quanto gli Spacemen 3, una “The Stain” inquietante nel suo minaccioso incedere di distorsioni e sintetizzatori, i paesaggi notturno-metropolitani di “The Shadow, Our Home” e le sonorità gommose di “The Dead Will Walk The Earth”. E poi, ancora, la strumentale “Mean Affair” di concezione quasi jazzistica – con fiati (tra gli ospiti anche l’Afterhours/Mariposa Enrico Gabrielli), sei-corde e piano elettrico ad alternarsi negli assolo, salvo poi ritrovarsi nell’esecuzione del tema principale – e le stratificazione su base kraut di “The Devil In Kate Moss”. Proprio le ritmiche motorike sono uno dei fili rossi che collegano un brano con l’altro, insieme alla presenza massiccia (sovente maggiore di quella delle chitarre) di tastiere terribilmente Germania anni 70. Sensazione confermata dai titoli del secondo disco, più espansi nelle forme come nei contenuti; affascinanti nel tracciare percorsi sonori cosmici e avvolgenti (“La macchina universale”, scritta e suonata insieme al vecchio compagno di avventure Giancarlo Frigieri, l’ipnotica “Hidden Channels Of The Mind”, il progressivo accumulo sonoro di “Ceremony”), ma non sempre perfettamente a fuoco. Non convince del tutto, per esempio, una “Breakfast With The Lobster” un po’ troppo fine a se stessa, specie sul finale, così come pare eccessiva l’atonalità del cantato di “They Came To Me”; ma qualche momento meno brillante è da mettere in conto quando ci si prendono certi rischi e ci si spinge oltre determinati limiti. Non ci si faccia dunque trarre in inganno da un paio di passaggi a vuoto e dalle conseguenti tre stelle – che, intendiamoci, non sono poche – di valutazione: oggi come oggi i Julie’s Haircut sono su un altro livello rispetto a quasi tutta la scena indie italiana, e sarebbe colpevole non rendergliene merito. Questo non tanto perché “Our Secret Ceremony” rappresenti chissà quale tappa nell’evoluzione del rock come lo conosciamo – non lo fa, e se vogliamo certi momenti più che al futuro fanno pensare al passato, specie alla già menzionata scena teutonica dei primi anni 70 o a certa psichedelia britannica del decennio successivo – ma perché offre una testimonianza quanto mai vivace di come l’ensemble emiliano non abbia alcun timore di seguire i propri stimoli e le proprie inclinazioni, anche a costo di allontanarsi definitivamente da qualsiasi discorso di generi, mode e modelli. E, se si pensa all’appiattimento e all’omologazione che si vedono e sentono in giro, massimo rispetto per chi ha il coraggio di fare il vuoto intorno a sé e proseguire incurante per la propria strada, soprattutto se i risultati sono all’altezza delle intenzioni.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...