9558-2_junip_CD_ecopack_2013-01-22_01.indd
Junip

Junip

City Slang/Self
7

Con questo album omonimo i Junip avanzano, forti della formula consolidata e della risonante cattedrale di cristallo che è la voce di José Gonzales, titolare peraltro di due consigliatissime prove da solista, Veneer e In Our Nature. Un album che forse non ha la stessa forza emotiva di Fields (2010), primo lavoro sulla lunga distanza della band svedese, ma che riesce comunque ad ammaliare e convincere per solidità compositiva e coerenza stilistica. Ad aprire le danze è la chitarristica Line Of Fire, densa e soffusa, come una foto d’epoca sbiadita ma la cui carica è rimasta intatta. La linea di fuoco è oltrepassata per accedere alla ritmata Suddenly, sospesa nel tempo e negli arpeggi spagnoleggianti di Gonzales, che si fanno strada tra i synth di Tobias Winterkorn e le percussioni taglienti di Elias Araya.

So Clear è un mantra, un mélange stralunato di strumenti che sottostanno al potere vocale di Gonzales, le cui parole, nella loro semplicità, si gonfiano e riversano in fiumi cupi di significato (“Wherever you look, it’s all just the same / So many people, playing the same game” – “Ovunque tu volga lo sguardo, tutto è uguale / Così tante persone, lo stesso gioco“). Questo suo velato discorso continua in Your Life Your Call, pezzo trainante della scaletta, dove l’attitudine percussionistica prende il via e Gonzales esorta l’ascoltatore a non guardarsi indietro, a vivere appieno la vita, sia nel dolore sia nella gioia: “It’s your life, it’s your call / Stand up and enjoy your fall” (“È la tua vita, è il tuo momento/ Rimettiti in piedi e goditi la caduta”). Il passaggio alla Black Angels di Villain è una botta adrenalinica, distorta ma sempre testimone della delicatezza tipica dei Junip. Walking Lightly è una ballata memore di certe dinamiche melodiche di Peter, Bjorn & John o Taken By Trees (Svezia, oh cara Svezia). Baton è un’ipnotica passeggiata tra synth e battiti sincopati che sfocia in Beginnings, un risveglio improvviso e ancora assonnato che prelude forse a una forma sin troppo conosciuta. La liquida After All Is Said sgorga da valli di lacrime precedentemente inabitate da Alexi Murdoch, riemergendo però con un sorriso ristoratore. Un disco dallo stile riconoscibile, incantevole e ben fatto. Unica riflessione, per chiunque la voglia cogliere: un divano comodo è preferibile ad una cavalcata senza sella, ma un cuore galoppante è la forza trainante della creatività.

 

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...