9558-2_junip_CD_ecopack_2013-01-22_01.indd
Junip

Junip

City Slang/Self
7

Con questo album omonimo i Junip avanzano, forti della formula consolidata e della risonante cattedrale di cristallo che è la voce di José Gonzales, titolare peraltro di due consigliatissime prove da solista, Veneer e In Our Nature. Un album che forse non ha la stessa forza emotiva di Fields (2010), primo lavoro sulla lunga distanza della band svedese, ma che riesce comunque ad ammaliare e convincere per solidità compositiva e coerenza stilistica. Ad aprire le danze è la chitarristica Line Of Fire, densa e soffusa, come una foto d’epoca sbiadita ma la cui carica è rimasta intatta. La linea di fuoco è oltrepassata per accedere alla ritmata Suddenly, sospesa nel tempo e negli arpeggi spagnoleggianti di Gonzales, che si fanno strada tra i synth di Tobias Winterkorn e le percussioni taglienti di Elias Araya.

So Clear è un mantra, un mélange stralunato di strumenti che sottostanno al potere vocale di Gonzales, le cui parole, nella loro semplicità, si gonfiano e riversano in fiumi cupi di significato (“Wherever you look, it’s all just the same / So many people, playing the same game” – “Ovunque tu volga lo sguardo, tutto è uguale / Così tante persone, lo stesso gioco“). Questo suo velato discorso continua in Your Life Your Call, pezzo trainante della scaletta, dove l’attitudine percussionistica prende il via e Gonzales esorta l’ascoltatore a non guardarsi indietro, a vivere appieno la vita, sia nel dolore sia nella gioia: “It’s your life, it’s your call / Stand up and enjoy your fall” (“È la tua vita, è il tuo momento/ Rimettiti in piedi e goditi la caduta”). Il passaggio alla Black Angels di Villain è una botta adrenalinica, distorta ma sempre testimone della delicatezza tipica dei Junip. Walking Lightly è una ballata memore di certe dinamiche melodiche di Peter, Bjorn & John o Taken By Trees (Svezia, oh cara Svezia). Baton è un’ipnotica passeggiata tra synth e battiti sincopati che sfocia in Beginnings, un risveglio improvviso e ancora assonnato che prelude forse a una forma sin troppo conosciuta. La liquida After All Is Said sgorga da valli di lacrime precedentemente inabitate da Alexi Murdoch, riemergendo però con un sorriso ristoratore. Un disco dallo stile riconoscibile, incantevole e ben fatto. Unica riflessione, per chiunque la voglia cogliere: un divano comodo è preferibile ad una cavalcata senza sella, ma un cuore galoppante è la forza trainante della creatività.

 

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...