Sono passati sette anni dal secondo disco di Justin Timberlake, quel FutureLove/SexSounds acclamato dalla setta dei pop-ottimisti che scrivono tesi di laurea su Michael Jackson e portano avanti la lotta del mainstream di qualità. Nel frattempo, nel mondo dell’R&B che gravita attorno all’indie sono successe alcune cose: Drake ha registrato Take Care portandosi in studio il disco di James Blake, How to Dress Well ha pubblicato Total Loss (in pratica The Dark Side of Mariah Carey) e le Destiny’s Child sono diventate le madri tutelari di band in crescita come AlunaGeorge. Cosa c’entra tutto questo con il ritorno di Timberlake? Niente, ma dimostra quanto sia maturato il contesto rispetto al suo esordio: le carte si sono ufficialmente mescolate e oggi non c’è alcun pudore a riconoscerlo tra i padrini del pop come-dovrebbe-essere (il suo passato negli N’Sync viene citato quasi con affetto, come se fosse la dura prova che Semola ha dovuto affrontare per diventare Re Artù).

The 20/20 Experience, annunciato da eleganti teaser in bianco e nero – ma tanto qui è un po’ tutto raffinato, pulito e cortese – è arrivato “to bring sexy back”. Una cosa che a Timberlake riusciva benissimo – come dimenticare la smania di What Goes Around… Comes Around – ma che in questo disco latita. Escluse le atmosfere tentacolari di Tunnel Vision, più che col sexy abbiamo a che fare con la sensualità attempata dell’uomo accasato che al massimo azzarda un occhiolino al bancone del bar. Si è innamorato Timberlake, ed è diventato un po’ più ottuso. Niente hit epiche e vendicative alla Cry Me A River quanto piuttosto dichiarazioni caramellose di imperituro affetto: dal singolo Mirror (che sta a lui come Halo sta a Beyoncé) a That Girl, una versione leggermente più intellettuale di Beautiful Girls di Sean Kingston. Con Timbaland in postazione di controllo, la commistione tra Motown plastificato, old skool R&B e salsa time (Let The Groove In) fa sì che The 20/20 Experience sia un disco estremamente godibile e gioioso. Di quelli che metti su ai party in giardino o quando vuoi sedurre qualcuno senza spaventarlo. Non ci sono grossi rischi, Ocean Blue Floor si limita a indicare una direzione liquida in cui Timberlake potrebbe eccellere in futuro, ma una canzone piacevole non ha mai ucciso nessuno. E qua di canzoni piacevoli ce ne sono un bel po’. Sette anni dopo, il pop sta ancora bene.

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....