Sono passati sette anni dal secondo disco di Justin Timberlake, quel FutureLove/SexSounds acclamato dalla setta dei pop-ottimisti che scrivono tesi di laurea su Michael Jackson e portano avanti la lotta del mainstream di qualità. Nel frattempo, nel mondo dell’R&B che gravita attorno all’indie sono successe alcune cose: Drake ha registrato Take Care portandosi in studio il disco di James Blake, How to Dress Well ha pubblicato Total Loss (in pratica The Dark Side of Mariah Carey) e le Destiny’s Child sono diventate le madri tutelari di band in crescita come AlunaGeorge. Cosa c’entra tutto questo con il ritorno di Timberlake? Niente, ma dimostra quanto sia maturato il contesto rispetto al suo esordio: le carte si sono ufficialmente mescolate e oggi non c’è alcun pudore a riconoscerlo tra i padrini del pop come-dovrebbe-essere (il suo passato negli N’Sync viene citato quasi con affetto, come se fosse la dura prova che Semola ha dovuto affrontare per diventare Re Artù).

The 20/20 Experience, annunciato da eleganti teaser in bianco e nero – ma tanto qui è un po’ tutto raffinato, pulito e cortese – è arrivato “to bring sexy back”. Una cosa che a Timberlake riusciva benissimo – come dimenticare la smania di What Goes Around… Comes Around – ma che in questo disco latita. Escluse le atmosfere tentacolari di Tunnel Vision, più che col sexy abbiamo a che fare con la sensualità attempata dell’uomo accasato che al massimo azzarda un occhiolino al bancone del bar. Si è innamorato Timberlake, ed è diventato un po’ più ottuso. Niente hit epiche e vendicative alla Cry Me A River quanto piuttosto dichiarazioni caramellose di imperituro affetto: dal singolo Mirror (che sta a lui come Halo sta a Beyoncé) a That Girl, una versione leggermente più intellettuale di Beautiful Girls di Sean Kingston. Con Timbaland in postazione di controllo, la commistione tra Motown plastificato, old skool R&B e salsa time (Let The Groove In) fa sì che The 20/20 Experience sia un disco estremamente godibile e gioioso. Di quelli che metti su ai party in giardino o quando vuoi sedurre qualcuno senza spaventarlo. Non ci sono grossi rischi, Ocean Blue Floor si limita a indicare una direzione liquida in cui Timberlake potrebbe eccellere in futuro, ma una canzone piacevole non ha mai ucciso nessuno. E qua di canzoni piacevoli ce ne sono un bel po’. Sette anni dopo, il pop sta ancora bene.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...