Sono passati sette anni dal secondo disco di Justin Timberlake, quel FutureLove/SexSounds acclamato dalla setta dei pop-ottimisti che scrivono tesi di laurea su Michael Jackson e portano avanti la lotta del mainstream di qualità. Nel frattempo, nel mondo dell’R&B che gravita attorno all’indie sono successe alcune cose: Drake ha registrato Take Care portandosi in studio il disco di James Blake, How to Dress Well ha pubblicato Total Loss (in pratica The Dark Side of Mariah Carey) e le Destiny’s Child sono diventate le madri tutelari di band in crescita come AlunaGeorge. Cosa c’entra tutto questo con il ritorno di Timberlake? Niente, ma dimostra quanto sia maturato il contesto rispetto al suo esordio: le carte si sono ufficialmente mescolate e oggi non c’è alcun pudore a riconoscerlo tra i padrini del pop come-dovrebbe-essere (il suo passato negli N’Sync viene citato quasi con affetto, come se fosse la dura prova che Semola ha dovuto affrontare per diventare Re Artù).

The 20/20 Experience, annunciato da eleganti teaser in bianco e nero – ma tanto qui è un po’ tutto raffinato, pulito e cortese – è arrivato “to bring sexy back”. Una cosa che a Timberlake riusciva benissimo – come dimenticare la smania di What Goes Around… Comes Around – ma che in questo disco latita. Escluse le atmosfere tentacolari di Tunnel Vision, più che col sexy abbiamo a che fare con la sensualità attempata dell’uomo accasato che al massimo azzarda un occhiolino al bancone del bar. Si è innamorato Timberlake, ed è diventato un po’ più ottuso. Niente hit epiche e vendicative alla Cry Me A River quanto piuttosto dichiarazioni caramellose di imperituro affetto: dal singolo Mirror (che sta a lui come Halo sta a Beyoncé) a That Girl, una versione leggermente più intellettuale di Beautiful Girls di Sean Kingston. Con Timbaland in postazione di controllo, la commistione tra Motown plastificato, old skool R&B e salsa time (Let The Groove In) fa sì che The 20/20 Experience sia un disco estremamente godibile e gioioso. Di quelli che metti su ai party in giardino o quando vuoi sedurre qualcuno senza spaventarlo. Non ci sono grossi rischi, Ocean Blue Floor si limita a indicare una direzione liquida in cui Timberlake potrebbe eccellere in futuro, ma una canzone piacevole non ha mai ucciso nessuno. E qua di canzoni piacevoli ce ne sono un bel po’. Sette anni dopo, il pop sta ancora bene.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...